LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ambiente e Beni culturali, si ricambia
Pietro Piovani
Il Messaggero, 30/5/2003

Non c' pace per i ministeri. Appena ieri sono terminate le grandi riorganizzazioni dell'era Bassanini e gi si provvede a riformare le riforme. Se Tremonti sta studiando una nuova struttura per l'Economia, in altri dicasteri la revisione in fase pi avanzata. Ieri il Consiglio dei ministri ha approvato definitivamente il regolamento per la rioganizzazione dell'Ambiente e della Salute. E per le Attivit culturali c' una bozza di regolamento che dovrebbe essere esaminata dal governo entro un paio di settimane. Soprattutto per il ministero di Urbani il riassetto sar un terremoto che investir i vertici dirigenziali e tutti gli uffici alle loro dipendenze.

Beni e attivit culturali. La figura del segretario generale viene abolita, al suo posto ci saranno quattro capi di dipartimento. In questo modo l'organigramma verr assimilato a quello della grande maggioranza dei ministeri (soltanto gli Esteri e Palazzo Chigi sono organizzati con un segretariato generale). Sar detronizzato Carmelo Rocca, l'attuale segretario generale, da sempre in ottimi rapporti con Gianni Letta e grande eminenza grigia del dipartimento Spettacoli al tempo di Andreotti. Le indiscrezioni del ministero riferiscono di un Urbani insoddisfatto dalle prestazioni di Rocca in questi due anni (gli verrebbe rimproverato, fra l'altro, di occuparsi troppo di spettacoli e poco di tutto il resto). Sta di fatto che nella nuova struttura per Rocca potr esserci al massimo un posto da capo del dipartimento Spettacoli. Gli altri tre dipartimenti saranno: innovazione e organizzazione; archivi e biblioteche; antichit e belle arti. Quest'ultimo sar di gran lunga il dipartimento pi importante, se non altro per numero di dipendenti: circa 10 mila, cio la met di tutto il personale del ministero.
Le direzioni regionali. Un altro punto centrale della riforma la nascita delle direzioni generali regionali, che avranno pi poteri degli attuali soprintendenti regionali. Un cambiamento che di fatto cancella una serie di istituzioni locali di grande rilievo: che fine fanno le "soprintendenze miste" come quelle di Napoli o di Roma? E i Poli museali di Roma, Napoli, Venezia e Firenze? E, sempre nella capitale, la soprintendenza autonoma all'Archeologia? Queste amministrazioni oggi godono di una forte autonomia e sono rette da dirigenti generali: con la riforma il direttore generale che conta diventa quello regionale. Di conseguenza, a meno che Urbani alla fine non decida diveramente, si troverebbero di colpo senza collocazione figure di primissimo piano come Adriano La Regina (che peraltro vicino alla pensione) e Claudio Strinati a Roma, Antonio Paolucci a Firenze, Spinosa a Napoli.

Sport e spettacoli. Novit all'interno del dipartimento Spettacoli. Contrariamente alle attese, teatro, musica e danza saranno uniti in un'unica dirczione generale. Mentre, a sorpresa, nasce l'inedita direzione generale Sport: fino a oggi il ministero aveva solo il compito di vigilare sul Coni, quale funzione avr questa apposita direzione?

Le poltrone si moltiplicano. Con l'applicazione della riforma si avranno: 13 dirigenti generali centrali, 17 dirigenti regionali, 2 dirigenti generali addetti al controllo interno, 2 nel gabinetto del ministro, 4 capi dipartimento. In totale sono 38 supercapi. Paradossale la situazione al dipartimento Spettacoli, dove 163 dipendenti saranno guidati da tre dirigenti generali. E' questo uno dei punti pi contestati dai sindacati: 38 sono troppi - dice Gianfranco Cerasoli della Uil anche perch la legge prevede che la riforma sia fatta a costo zero. Cerasoli prevede conflitti di competenza tra le varie direzioni generali centrali, nonch tra le direzioni centrali e quelle regionali. Quanto allo Sport, con la nascita di una direzione si va a incidere pesantemente sulla sua autonomia ed singolare che questo avvenga con un sottosegretario come Pescante, che dell'autonomia dello Sport ha sempre fatto una bandiera.

Ambiente. Se Urbani ha ripristinato i dipartimenti, curiosamente la riorganizzazione di Altero Matteoli va nel senso opposto: aboliti i dipartimenti, ci saranno solo le direzioni generali, ma senza un segretario generale a coordinarle. Le direzioni saranno poche, soltanto sei: protezione della natura, qualit della vita, ricerca ambientale, salvaguardia ambientale, difesa del suolo, servizi interni. L'ambientalista della Margherita Ermete Realacci non condanna lo snellimento delle dirczioni (anche se cos il ministero sembra destrutturato) ma critica l'istituzione di un fantomatico istituto per gli Alti studi ambientali previsto da una legge delega recentemente approvata dal Senato: Non si capisce cosa sia e a cosa serva.

Salute. Anche Sirchia ha voluto la sua riorganizzazione. Che per non riguarda il ministero vero e proprio, limitandosi agli uffici di diretta collaborazione.



news

27-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news