LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia oggi decide Verso il no al Mose?
Anna Sandri
Stampa 05/06/2006

A poco pi di un anno dall'elezione di Massimo Cacciari a sindaco, si apre oggi alle 16 a Ca' Farsetti un consiglio comunale che da pi parti viene considerato "storico" e che, comunque vada, finir per pesare sul futuro dell'amministrazione di Venezia. Preceduti da bollenti riunioni di partito, accompagnati da manifestazioni, cortei e sit-in di comitati, si va a votare un documento che potr dire una parola definitiva sul Mose, il mastodontico sistema di dighe mobili progettato vent'anni fa e in via di costruzione alle bocche di porto, al quale si affida il compito di proteggere la citt dall'acqua alta.
Inabissata nel blocco di cemento che simboleggia la prima pietra, c' la pergamena che porta la firma di Silvio Berlusconi, sotto il cui governo i lavori sono stati avviati dopo lustri di carteggi intercorsi tra Venezia e Roma; in piena superficie invece la protesta di buona parte della citt, e degli ambientalisti in prima linea, che vedono nelle dighe mobili uno sfregio insanabile al territorio.
Intorno al Mose non si spacca solo Venezia, e nemmeno semplicisticamente un'amministrazione divisa in maggioranza e opposizione. In realt la rottura dentro la maggioranza stessa, e si gioca tutta sul significato di due parole: "revisione" e "verifica". Coerente con le promesse della campagna elettorale, il sindaco Massimo Cacciari al Comitatone che si riunir nelle prossime settimane intende chiedere una "revisione" del Mose: vuole capire se la tecnologia in grado di dare oggi, vent'anni dopo il progetto che va in esecuzione, uno strumento di minore impatto ambientale con uguali, se non superiori, garanzie per
la salvaguardia della citt. Per farlo, per, deve avere l'appoggio del consiglio: e trovarlo non sembra poi cos facile. Se scontata la posizione del centrodestra, che sostiene la necessit di chiudere le discussioni e procedere con i lavori, sorprende l'atteggiamento della maggioranza. La Margherita non appoggia in modo compatto Cacciari; la frangia legata alla visione del precedente sindaco Paolo Costa sotto la cui amministrazione i lavori erano stati avviati, si dice disponibile al massimo a una "verifica", ovvero al controllo dello stato dell'opera, considerando la possibilit di un intervento che possa costare di meno rispetto ai 4.100 milioni del Mose (gestione e manutenzione escluse). Ma del tutto contraria a fermare i lavori.
Pesa il giudizio dei Verdi, che si scaldano a bordo campo e sono pronti a diventare operativi in un rimpasto, pare ormai prossimo, di giunta. Per loro fondamentale che si parli di "alternative".
In tutto questo, i Ds invitano "a non esasperare i toni", ma intanto non riescono a mettere insieme un documento da poter presentare in modo congiunto alla Margherita. Questa mattina sono previsti incontri e riunione fiume per la ricerca di una linea comune. A caldeggiarla in particolare Felice Casson, neosenatore Ds ed ex sfidante di Cacciali per la poltrona di sindaco: Troviamo un'alternativa al Mose - dice - e proponiamola al governo. Il nodo della questione tutto qui: questo governo pu avere con questa amministrazione una via di dialogo pi agevole rispetto al precedente. Ecco perch si parla di consiglio "storico": presa una decisione, sar pi semplice farsi ascoltare. E poi davvero pi difficile tornare indietro.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news