LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Modello veltroniano. C'è chi dice no anche da sinistra
ANNALISA TERRANOVA

Contestazioni a suon di sanpietrini. Lo storico Giorgio Muratore: «Scelte esterofile e sbagliate a favore del grande capitale» -
Walter, c'è chi dice no. Anche a sinistra contestazioni. A suon di sanpietrini...
Un convegno sul futuro dei sanpietrini, i biocchetti usati a Roma per la pavimentazione delle strade nel Cinquecento per far scivolare meglio le carrozze, può diventare anche terreno di incontro-scontro sulle politiche architettoniche del centrosinistra a Roma, soprattutto se invitati a parlare sono due spiriti anticonformisti come Giorgio Muratore, storico dell'architettura, e Massimiliano Fuksas, architetto fautore delle innovazioni. L'occasione per fare il punto sul tradizionale biocchetto di basalto è una tavola rotonda organizzata per oggi da un candidato di Rifondazione, Danilo Nuccetelli, il quale, in controtendenza rispetto allo schieramento di cui fa parte, ha sempre difeso i sanpietrini dall'assedio filo-asfalto del duo Rutelli-Veltroni. Muratore, che già in passato ha svolto senza troppe ritrosìe il ruolo di “grillo parlante” rispetto a scelte profanatorie come il restauro della teca dell'Ara Pacis, è un paladino dei sanpietrini da quando era sindaco Rutelli.

Questa battaglia per la tutela dei Sanpietrini ha tutta l'aria di essere una bella causa persa, o no?
E' una battaglia che vale la pena di essere combattuta. Per quanto mi riguarda io la cominciai quando fu annunciato il primo atto amministrativo dell'ex sindaco Rutelli, che voleva togliere i sanpietrini da via Nazionale. All'epoca mi ricordo che gli consigliai di essere più cauto rispetto alle bellezze di Roma. Oggi sono tutti per l'asfalto, anche per via dei tanti motorini, ma se il problema sono le buche, va detto che le buche ci sono sia con i sanpietrini sia con l'asfalto. Oggi interi quartieri hanno cambiato volto. Prendiamo via Po, ora c'è l'asfalto, magari è più comodo, ma è un'altra cosa, è molto più brutta.

E i vantaggi dei sanpietrini quali sarebbero?
Sono un materiale ecologico. Assorbono acqua, e questo è importantissimo per il territorio di una città. Se si producesse questo materiale si potrebbero creare economie diverse ma vanno ben mantenuti: per esempio un pessimo vizio è quello di incollarli sull'asfalto. Questo crea un disastro perché al contrario vanno collocati su un fondo sabbioso, se no saltano. Direi che poi è un paradosso dell'economia globale il fatto che proprio noi andiamo ad acquistare i sanpietrini dalla Cina.

Al di là dei sanpietrini, come giudica gli interventi fatti a Roma dal centrosinistra riguardo alLa manutenzione e ai restauri del centro storico?
Mi pare che ci sia stata un'arroganza eccessiva nella gestione della cosa pubblica, in particolare nel campo dell'architettura. Abbiamo un progetto indecente di un Museo dell'arte contemporanea che avremmo potuto realizzare restaurando le caserme di via Guido Reni e risparmiando un sacco di soldi. Demenziale è inoltre il progetto di ampliamento della Galleria d'arte moderna. Ai Mercati generali si poteva fare ud'ottima operazione di recupero di quegli spazi dedicandoli alla cultura, all'arte e al piccolo commercio mentre adesso l'area è stata messa in mano a una multinazionale americana che ci farà il solito shopping center della Nike...

Eppure non si percepisce in giro questa critica alla gestione che il centrosinistra ha fatto della cosa pubblica.
No. Vedo anzi che c'è una specie di corsa, anche di ex democristiahi, a sponsorizzare Veltroni. Un fenomeno che mi preoccupa: troppe dichiarazioni di voto e tutte dalla stessa parte... è naturale diffidare un po'. A Roma sono state fatte scelte a senso unico, nel senso di un'esterofilia anglosassone che è legata alla dipendenza delle imprese italiane dai capitali stranieri. Gli architetti di grido che vengono incaricati di progettare sono solo i promotor pubblicitari di grandi speculazioni finanziarie, la vera ciccia che sta sotto operazioni di restauro di pura facciata...

L'apertura di shopping center in aree artistiche sembra essere un po' la parola d'ordine seguita a Roma per diverse aree di pregio, compreso il Foro Italico...
Mi ricordo che sul Foro Italico fu iniziata un'operazione incredibile, e fui io a sollevare il caso con un'intervista al “New York Times”.

Con la Melandri ministro ai Beni culturali volevano vendere persino l'obelisco.
Bè, gli obelischi non si vendono, anche se sono mussoliniani, all'estero non credevano alle loro orecchie. Io credo che tufto ciò derivi dall'estensione del mercato globale ma anche da una perdita del senso della cosa pubblica che porta alla perdita del senso dello Stato e che induce alla privatizzazione e all'alienazione del patrimonio pubblico.

In questo modo si distrugge il capitale sociale di una nazione. Facendo così alla fine domani ci vendiamo Villa Borghese. E così beni privati che erano diventati pubblici perché importanti per la società tornano al centro di speculazioni affaristiche. Oggi i grandi capitali investono su beni immobili, è una tendenza generalizzata, che non c'è solo a Roma, non a caso la Pirelli dall'alta tecnologia si è specializzata in un altro settore, divenendo la più importante immobiliare italiana, questo vorrà pur dire qualcosa.

Sì, ma come mai neanche da sinistre vengono mosse critiche incisive a questa deriva?
Mi sembra che negli ultimi tempi a fare una politica sociale siano rimaste solo certe frange della destra e certe frange di una certa sinistra. Nell'area del centro, che va dagli ex diccì agli ex piccì, c'è stato un appiattimento su una politica di governo molto finanziaria e molto poco sociale. E quetso appiattimento che va contrastato e allora anche nelle scelte sull'arredo urbano avremo sorprese positive.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news