LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sicilia. Grande folla per i musei aperti di notte. Sei ore di festa nel nome dell'arte
Giancarlo Macaluso
Giornale di Sicilia Palermo, 22 maggio 2006

Sei ore di festa nel nome dell'arte. I musei aperti sabato notte hanno fatto da richiamo per migliaia di persone, complice una serata estiva. Un bel momento per la citt con palazzi storici e gallerie aperte al pubblico, ingresso libero. Un colossale struscio ha animato Palermo da via Libert a piazza Marina, da Palazzo dei Normanni, a via Alloro. Tutti in fila, con momenti di caldo boia, per ammirare quadri e sculture, reperti archeologici e gioielli antichi, marionette e porcellane, collezioni d'armi e codici miniati.
Grosso modo andato tutto liscio. Con qualche delusione. Al museo della Specola, l'osservatorio astronomico di piazza del Parlamento, si entra a turno. Ma nessuno aveva specificato e comunicato che si poteva accedere alla collezione di strumenti astronomici e metereologici a piccoli gruppi e a distanza di oltre un'ora gli uni dagli altri. Per cui molte facce contrariate e qual-cuna decisamente arrabbiata. A complicare le cose anche un disguido sull'ingresso. Probabilmente non si era fatto caso che sabato sera nel cortile di Palazzo dei Normanni si sarebbe tenuto un concerto per il sessantesimo anniversario della Repubblica e dello Statuto siciliano. Quindi impossibile passare per la porta principale. Ingresso alla Specola provvisoriamente consentito da piazza Indipendenza, con un povero studente universitario costretto a fare affannosamente la spola per avvertire i visitatori e a prendersi i rimbrotti di molti visitatori rimasti a bocca asciutta.
Non giusto - dice una signora -vengo da Mondello appositamente per vedere le stelle dall'osservatorio e devo aspettare qui un'ora e mezza. Ma siamo matti?.
Ero tranquilla a casa mia - sbotta Ida Bazan - dai giornali apprendo che si pu visitare la Specola di notte e penso di approfittarne. Ma almeno qualcuno poteva dirlo che una volta arrivati c'era da fare questa lunghissima anticamera. O no?. In effetti si poteva dire.
Chi per ha avuto la fortuna di arrivare sin lass ha goduto di un grande privilegio: passeggiare sulla terrazza che domina tutta la citt, coccolati dalla note di un bravissimo chitarrista come Francesco Buzzurro.
Non ce l'ha fatta Silvana Silva, milanese, costretta a ripiegare su Palazzo Asmundo: Si avvisano le persone o si mette a disposizione pi personale. E poi forse i turni d'attesa dovevano essere pi corti. Un po' per tutti, insomma. Comunque il nobile palazzo con le finestre aperte sul cattedrale, le collezioni di armi, porcellane, portantine e maioliche, uno spettacolo: Bellissimo veramente, dice la signora Silva. Peccato che chiedi dov' il bagno e un signore in giacca chiara ti dice che non ce n'. Sorprendente, anche per una struttura privata.
Di l facile una capatina al museo Diocesano. Pulito, ben illuminato, col percorso ben organizzato e un ascensore in piena efficienza. La gente affolla i saloni e scopre, qualcuno per la prima volta, oggetti e opere a sfondo sacro di grande bellezza e suggestione.
Insomma, l'arte piace ai palermitani. E lo dimostra il successo di questa serata, organizzata dalla Provincia e
dall'Aapit, in collaborazione con l'associazione Amici dei musei, e che ha coinvolto in tutto ventotto siti culturali: 11 in citt e 17 in provincia, da Ba-gheria a Monreale, dalle Madonie al corleonese.
Ma la grande folla al Salinas e all'Abatellis. La galleria di via Alloro stata letteralmente presa d'assedio. E si respirava una bella aria. Il chiostro era un cinguettare di ragazze, le bellissime sale illuminate hanno accolto un numero di persone decisamente inusuale. Afine seratal'efficientissima addetta alla biglietteria, Tiziana Fontana, in grado di dire quanti sono stati i visitatori con sconvolgente precisione: 1.294, otto volte di pi rispetto a una normale giornata a pagamento.
Il museo archeologico Salinas brulica. Lunghe file per fare un giro tra le te-che che ospitano i monili antichi, l'esposizione intitolata Pulcherrima res. Sono aperte soltanto le sale del piano terra, sbarrate le collezioni al piano superiore. Degustazione di grappe e i due giardini del complesso di piazza Olivella favoriscono un afflusso incessante.
Stare qui bellissimo - commenta Alessia Di Maria, studentessa universitaria di Lettere - non ho mai fatto un'esperienza del genere. la prima voltae ne sono veramente contenta. Bisogna pubblicizzarle meglio queste cose - le fa eco la sua amica, Laura Di Benedetto -. Non ne sapevamo nulla. Abbiamo semplicemente seguito la fiumana di gente e siamo arrivate qui. All'una di notte finisce tutto. E qualcuno si lamenta: durato poco.



news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news