LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Presidente replica allarticolo di Bonami. Quale anomalia, la Biennale ha scoperto il management
Davide Croff*
Il Riformista, 17-MAG-2006




Il Presidente spiega la metamorfosi dellistituzione venezianaLa Biennale sceglie i direttori artistici come fa il Mo.Ma

Le vere anomalie sono altre: che a Venezia non abbiamo certezza delle nostre sedi, e che a ogni esito elettorale si alimentano polemiche giornalistiche per chiedere il rinnovo del vertice. In meno di dieci anni siamo passati dalla realt parastatale a quella di Fondazione privata

Sul Riformista del 6 maggio scorso, Francesco Bonami, gi direttore della Biennale Arte nel 2003, ha riproposto alcuni stereotipi sulla Biennale di Venezia. Quell'articolo ci offre l'occasione per una riflessione su una delle maggiori istituzioni culturali, e sulle vere caratteristiche e ragioni delle sue attuali "anomalie".
Partendo dalla protesta del presidente della regione Veneto Galan, che intendeva negare i contributi alla Biennale Teatro diretta da Maurizio Scaparro perch questi aveva partecipato a una manifestazione elettorale dei Ds contro i tagli al Fus, Bonami lamenta l'ingerenza della politica nella missione della Biennale, che ne rimarrebbe compromessa; ministro e presidente di turno non sarebbero mai competenti sulla contemporaneit; il presidente-manager si troverebbe perci necessariamente concentrato su un'organizzazione emergenziale, balcanizzata, frazionata, una struttura antica che intrappola un'idea ancora nuova. Di qui la necessit di una nuova radicale riforma che elimini tali "anomalie". Bonami non si rende conto di parlare di una organizzazione che gi alla conclusione della sua esperienza non era pi la stessa che egli aveva conociuta. Infatti la Biennale un'istituzione con pi di 110 anni di storia, ma in continua mutazione, in questi anni ancor pi accelerata colla trasformazione da ente parastatale a ente privato (Veltroni 1998) e successivamente in fondazione (Urbani 2004), ancorch non capitalizzata. Trasformazione dunque epocale, che ha impegnato tre presidenze (Paolo Baratta e Franco Bernab prima di me) nella definizione delle successive tappe di un mutamento profondo, scandito da scelte strategiche e operative incalzanti.
Quella di oggi dunque una nuova Biennale, i cui risultati sul piano sia artistico, sia organizzativo cominciano a essere diffusamente (e finalmente) riconosciuti dalla stampa e dal pubblico: per la mostra di architettura del 2004 (per la prima volta replicato nel Sud Italia, a Reggio Calabria); per l'esposizione d'arte delle spagnole De Corrai e Martnez del 2005, inizio di un progetto triennale che, dopo il simposio internazionale di fine anno scorso, proseguir nel 2007 con un direttore, Kobert Storr, individuato e al lavoro con tre anni d'anticipo sulla manifestazione, cosa che non accadeva da vari lustri; per la mostra del cinema 2005, che ha saputo, tra l'altro, presentare film che hanno poi ottenuto ben 23 nomination agli Oscar, per i tre settori della danza, della musica e del teatro, resi stabili dalla riforma del 1998, e ora nuovamente chiamati a nobilitare il Carnevale di Venezia, languente dopo le storiche performance di Scaparro; e se questi settori vantano il 18% annuo di crescita degli spettatori dal 1999, quel che pi conta, la loro crescita in autorevolezza e interesse artistico. Potrei proseguire e ampliare dati e valori, ma mi limito a richiamare la memoria di chi ha seguito senza pregiudizi, in questi ultimi due anni, i risultati della Biennale, determinati - come la stampa anche internazionale ha con soddisfazione segnalato - non da qualche volenteroso strato di "vernice fresca", ma da un robusto e organico lavoro di rafforzamento e ridisegno strutturale di professionalit, ruoli e metodi. Nel breve tempo che ci separa dalla riforma di fine '98, la Biennale passata con decisione dalla realt parastatale secolare, a quella di Fondazione privata, improntata a modelli propri dei pi moderni enti internazionali di produzione culturale. Sotto la guida di tre presidenti manager (diversi negli approcci, ma lun l'altro coerenti negli stessi obbiettivi propri del civil servant), in soli sette anni la Biennale ha saputo modificarsi come non era stata capace negli ultimi decenni, senza per questo mai rinunciale alle ambizioni visionarie e sperimentali. Ne recente riprova proprio la richiamata vicenda dei finanziamenti al Festival del teatro, vicenda ricomposta all'interno del Cda, senza alcuna conseguenza per la buona realizzazione della manifestazione, che sar regolarmente diretta a luglio da Scaparro. Ci ha altres comportato una assai significativa crescita del bilancio, che per un terzo poggia su entrate da privati e autofinanziamento. Nonostante ci, occorre evidenziarne l'inadeguatezza a fronte del presidio di tanti settori, l'assenza pressoch completa degli enti e dell'imprenditoria locale, tanto che ha del miracoloso il fatto che si sia ancora riusciti a tenerlo in pareggio.
Venendo ai criteri di nomina dei direttori artistici della Biennale, non forse quello in vigore alla Biennale un metodo analogo a quanto avviene in tutto il mondo? Al Mo.Ma di New York, non sono forse gli azionisti a scegliere e nominare i curatori? La differenza, nel caso di speciamericano, sta solo nel fatto che l'azionariato d'oltreoceano quasi esclusivamente privato, e deve rendere conto dei risultati ai propri investitori, invece che a una amplissima platea di soggetti pubblici. Sono ben altre le "anomalie" che ciistinguono nel panorama internazionale, a volte positivamente, a volt negativamente. E' felicemente "anomalo" che i direttori artistici abbiano alla Biennale un potere di scelta reale, che corrisponde a una vera e autentica libert artistica e culturale; questa una straordinaria "anomalia", che considero fondamentale difendere e preservare.
Sono altre le "anomalie" che rendono invece la Biennale purtroppo anomala e sono quelle di cui non si scrive quasi mai. Non si scrive, ad esempio, che la Biennale non riesce ad avere certezza a Venezia delle proprie sedi - di cui non proprietaria, avendole in concessione - non solo di quelle operative, a soprattutto di quelle espositive (Arsenale, Giardini, Palazzo del Cinema), anche se le valorizza e su di esse investe di anno in anno. Ed "anomalo" anche che ciclicamente, a ogni esito elettorale, per la Biennale venga chiesto il rinnovo di vertice, quasi mai nelle sedi deputate, pi spesso alimentando polemiche giornalistiche. E' contraddittorio pretendere che la Biennale sia una forte istituzione, rappresentativa del sistema-Italia, autorevole per la cultura internazionale, e al tempo stesso determinare per essa condizioni di debolezza intrinseca e difficolt permanente della sua azione, sul piano finanziario, logistico, del sostegno del tessuto economico-produttivo, sia nazionale, sia locale.
Quanto alla questione dell'opportunit di un manager-presidente, ci sta avvenendo ovunque nel mondo della cultura, ed avvenuto pi volte in passato alla Biennale, con lunghi incarichi e grandi risultati. Infatti, quello che si richiede al presidente e al consiglio non una competenza tecnica, bens politica nel senso pi alto e ormai poco noto del termine. Perch il management un'attivit squisitamente politica, che consiste nell'assemblaggio di varie competenze attorno ad un progetto complessivo. Chi si vorrebbe come presidente o come consigliere? Un artista? Un gallerista? Un produttore cinematografico? Un curatore di mostre? Un coreografo? Quale specialista avrebbe competenza su tutti e sette i settori disciplinari in cui la legge articola la Biennale? E se la avesse su uno, non si correrebbe il rischio di impropri disequilibri tra i settori? Chiarito che occorre, come dice Bonami, un qualche tempo di ambientazione del vertice politico all'interno della macchina Biennale, una volta ottenuto il "il vir bonus peritus" proprio della Biennale, non ha senso cambiarlo se non in presenza di risultati negativi, tanto pi attesa la marcata esigenza di continuit dello sforzo di riordino.
Infine, che la Biennale debba riflettere su se stessa impegno doveroso e al centro dell'attuale conduzione, come stato dimostrato dal recente, grande simposio internazionale sull'arte contemporanea diretto da Storr (cui lo stesso Bonami stato invitato a partecipare), dai convegni e seminali, che si sono tenuti negli ultimi due anni, da quelli che questa Fondazione organizzer nei prossimi due, fino alla scadenza naturale dell'attuale mandato. Per il resto, i vertici della Biennale sanno distinguere tra anomalie che rappresentano valori e anomalie che vorremmo invece veder superate, per garantire le condizioni necessario alla realizzazione delle "visioni" e dei progetti degli artisti e degli esperti, a cui anche personalmente sono impegnato, e per assicurare a questa straordinaria istituzione il privilegio dell'autonomia e dell'indipendenza.

*Presidente della Biennale di Venezia



news

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

30-03-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 30 marzo 2020

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

Archivio news