LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

24/5/2003 - Saccheggi in Iraq, la mappa dei tesori perduti
Maria Pace Ottieri
lUnit 24/5/2003

Dal Centro Studi del Vicino Oriente di Milano, universit privata nata cinque anni fa per colmare la lacuna degli studi universitari sull'Antico Oriente, il vasto territorio che si estende tra l'Egitto e l'Estremo Oriente, si leva un circostanziato grido d'allarme sui danni provocati dalla guerra all'importante patrimonio archeologico dell'Iraq, da parte di alcuni dei pi importanti studiosi italiani della civilt mesopotamica.
Il pi colpito stato il Museo di Baghdad, miniera di meraviglie ancora poco nota al mondo, che rischiano di non essere mai pi rintracciate, se vero che dei 20mila pezzi archeologici scomparsi durante la guerra del Golfo, ad oggi ne sono stati ritrovati solo dodici.
Tra le opere rubate durante l'ultima guerra, il magnifico volto di divinit femminile di et protourbana, vale a dire del IV millennio a.C., rinvenuto a Uruk da archeologi tedeschi tra le due guerre; il coevo vaso rituale, sempre di Uruk, di importanza fondamentale perch porta iscritto il primo racconto per immagini sulla civilt mesopotamica; uno dei rari bronzi dell'et accadica che raffigura un uomo nudo con cintura e senza torso, di incredibile bellezza, oggetti pesantissimi che dai segni lasciati sui gradini si presume siano stati trascinati lungo le scale del museo, o la protome d'oro che decora una delle grandi lire trovate nelle tombe reali di Ur.
Ci sono stati nell'ultima guerra in Iraq tre tipi di saccheggiatori, spiega Antonio Invernizzi, ordinario di Archeologia e storia del Vicino Oriente Antico all'Universit di Torino. I meno pericolosi sono i ladruncoli, la gente comune che insieme ai rubinetti e ai cestini della carta arraffa anche qualche pezzo del museo, poi vengono i vandali che hanno distrutto molte opere a colpi di martello, infine i pi pericolosi, i ladri su commissione che si sono portati via una ventina di capolavori dell'arte sumerica e accadica. Meno danneggiati sembra siano i grandi siti archeologici iracheni, in alcuni dei quali per esempio a Babilonia, Saddam Hussein, aveva promosso imponenti restauri. Nella sua visione panmesopotamica, tesa a ridimensionare l'importanza della cultura islamica e a dimostrare la propria diretta discendenza dai grandi sovrani mesopotamici, il rais, racconta il professore Frederick Mario Fales, ordinario di storia del Vicino Oriente Antico all' Universit di Udine, vedeva le antichit come una priorit, salvo poi varare il progetto di una diga che avrebbe sommerso sessanta preziosi siti archeologici in un colpo solo.
Ma un inventario completo delle opere scomparse o danneggiate ancora non stato fornito, lo ha confermato, durante una riunione a Londra, alla fine di aprile, il vicedirettore del dipartimento di antichit dell'ex governo iracheno, il cristiano Donny George. Cos come regna il silenzio assoluto, fa notare con preoccupazione il professore Giovanni Pettinato, massimo studioso italiano di Assirologia, sull'ingente patrimonio di tavolette cuneiformi che racchiudono i primi documenti scritti dell'umanit nelle lingue dell'area della Mezzaluna Fertile.
Trafugate a migliaia anche prima della guerra, in particolare dagli scavi illegali nel sud dell'Iraq, la zona presidiata dalle truppe inglesi e americane dopo la Guerra del Golfo, le tavolette sembra si acquistino normalmente all'asta anche sul sito di ebay.com e che la stessa Banca d'Italia abbia comprato qualche anno fa un lotto di trecento tavolette illegali
Quanto ai pezzi d'arte mesopotamica celeberrimi, sono praticamente impossibili da ritrovare, perch di sicuro non passano legalmente le frontiere. Per il momento sembra che siano state bloccate alla frontiera, negli Stati Uniti, una quarantina di casse contenenti reperti archeologici provenienti dall'Iraq. Una delle difficolt nell'intercettare antichit clandestine, oltre alle legislazioni diverse per ogni stato, quella che si discussa in una recente riunione con l'Interpol tenutasi a Lione, di trovare un linguaggio comune agli studiosi e alle polizie per classificare gli oggetti ricercati.
Intanto si susseguono riunioni di archeologi ed esperti di arte mesopotamica di tutto il mondo e a tirare le fila sono per ora l'organizzazione americana Orha (Office for Reconstruction and Humanitarian Aid) e il British Museum, in particolare il direttore del dipartimento delle antichit dell'Asia, John Curtis. L'Italia, presente da tempo a Baghdad con l'Istituto Italo-Iracheno fondato dall'archeologo Giorgio Gullini e anch'esso saccheggiato nella guerra, sembra abbia assicurato con decreto legge un cospicuo finanziamento per partecipare al ripristino del patrimonio archeologico iracheno.
Una buona notizia: sembra non siano state toccate, invece le cassette contenenti i gioielli di regine assire in ottimo stato di conservazione ritrovati nelle tombe reali di Nimrud e conservate nel caveau della Banca Nazionale.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news