LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Berlusconi e il Fai-da-te
Guglielmo Ragozzino
Il Manifesto 28/11/2002

Con minga dane se fa pocch, ha detto Giulia Maria Crespi, rivolta all'impeccabile ministro Giulio Tremonti, che forse avr capito, forse no, essendo valtellinese. Per intervenuto Silvio Berlusconi che ama il rilancio e conosce le lingue: Con minga dane se fa nagott. Senza soldi non si fa niente. Il dialetto meneghino era musica per le mie orecchie: davanti ai romani e agli altri si stava svolgendo una scenetta niente male. La signora diceva: Berlusconi, lei prende le pillole per dormire? E la parte importante della frase stava in quel cognome, Berlusconi, che le signore nell'antica citt di Milano usano per gli autisti. Berlusconi, a Milano, dove possiede la squadra di calcio, il teatro Manzoni, Mondadori, Milano uno-due-tre, comune, provincia, regione, due o tre televisioni, non mai veramente entrato nel giro giusto, nei salotti importanti. Neppure questa volta disgraziatamente, soprattutto quando si vantato, bambinescamente di fronte al parco della signora: io di parchi ne ho tre...privati, per. Certo faccio entrare le scolaresche.... Quanto alle pillole, Berlusconi ha detto che lui le pillole le prende per stare sveglio. Ma stata una risposta tardiva, che suonava falso.Il Fai -Fondo per l'ambiente italiano - ha ricevuto in comodato per dodici anni dallo stato la villa Gregoriana di Tivoli, con l'impegno di rimetterla in ordine. I lavori dovrebbero durare un paio d'anni e le spese saranno coperte da un partner bancario, l'Unicredito, rappresentato al tavolo di Berlusconi dal direttore per i rapporti esterni della banca, Vittorio Borrelli, che assomiglia al mio antico direttore al Quotidiano dei lavoratori. Nell'accordo tra stato e Fai previsto un canone di 15 mila euro. La signora per andata, prima della riunione, da Tremonti - come ha raccontato Berlusconi - e gli ha detto: mi fai pagare pure l'affitto? E Berlusconi, per ingraziasrsi definitivamente la signora, ha aggiunto una frase fatidica: sottopongo al ministro dell'economia l'esigenza della riduzione del canone, magari a un euro simbolico, come una volta era una lira. E poi, trascinato dalla sue parole... Perfino l'Alfa stata ceduta per una lira... ... ci che si ha gratis, non si apprezza.... A parte il fatto che se quello che gratis non si apprezza, allora ha ragione Tremonti a chiedere il canone, c' la questione dell'Alfa. Berlusconi lancia un'accusa alla una volta potentissima Fiat e riprende il ruolo del capo populista. Solo che l'Alfa stata ceduta dall'Iri per 1.050 miliardi pagabili in dieci anni. Meno che niente, ma non una lira. Berlusconi forse confonde con la Lancia, effettivamente venduta per una lira alla Fiat, ma da Italcementi, cio dal famoso Carletto pigliatutto Pesenti (come lo chiamava Ernesto Rossi), colonna del capitale privato. La signora ha parlato della Bellezza, cui tutto va sacrificato, perch l'unica cosa che rid valore alla vita. E in questo caso per un po' di bellezza a Tivoli fa correre molti rischi in varie altre plaghe d'Italia, perch non sempre sar il Fai a fare accordi con Tremonti, Berlusconi, Lunardi & Compagni. Girava poi molta cultura ieri a Palazzo Chigi e sul suo tronetto azzurro Berlusconi fremeva. Si parlava di Orazio e di Stazio di papa Gregorio XVI e di Grand Tour, del presidente De Brosses e di Goethe, cos il presidente Berlusconi ha voluto dire la sua, lasciare il segno. Anche noi ci teniamo alla bellezza, ha assicurato. Sono stato a Napoli nel 1994 e a Genova nel 2001, in occasione dei G7, e sono riuscito a rimettere le citt, almeno i loro centri, in grande spolvero. Poi nei giorni scorsi sono stato a Praga per la Nato. Anche quella una citt stupenda, piena di bellezze e mi hanno detto che opera di CarloV. Quando ho chiesto spiegazioni, mi hanno detto che aveva avuto 50 anni di tempo per fare tutto quel bello. Bella forza, 50 anni! In un tempo cos io riesco anche a mettere in ordine la burocrazia italiana. Cent'anni al presidente, auguri alla burocrazia, ma a Praga non era, ahim, Carlo V. Carlo V quello del regno sul quale non tramontava mai il sole, da non confondere con Carlo IV vissuto cento anni prima.

Quanto alla villa, di straordinaria bellezza, ha ragione la signora. Per i due giardinieri che il Fai prevede, a regime, non bastano neppure per il primo vialetto. Speriamo che l'Unicredito metta ancora mano al portafoglio.



news

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news