LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

In 1.118 fogli tutta la forza di Leonardo
Pietro C. Marani*
Il Sole 24Ore, 16/5/2006

Una storia avventurosa tra regali, requisizioni e clamorosi errori

I millecentodiciotto fogli che compongono il monumentale Codice Atlantico di Leonardo costituiscono solo un frammento, bench il pi cospicuo al mondo, del lascito cartaceo di Leonardo. Raccolti in un volume di grande formato (44 x 65 centimetri), e perci detto "Atlantico", sono oggi legati in dodici giganteschi volumi conservati nel caveau della Biblioteca Ambrosiana di Milano.
Sfogliando le pagine del Codice Atlantico in questo cuore segreto di Milano, si rivive l'emozione di un contatto diretto con la mente di Leonardo, mentre si catapultati nell'atmosfera e nel clima degli anni gloriosi del collezionismo milanese seicentesco quando Galeazzo Arconati, nel 1637, poteva donare i preziosi manoscritti di Leonardo, custoditi nel Castellazzo di Bollate, alla Biblioteca Ambrosiana.
Ma la storia del Codice Atlantico comincia molto tempo prima. Le pi antiche carte di Leonardo che vi sono confluite risalgono addirittura alla giovinezza dell'artista-scienziato, e datano verso il 1478, quando egli si era da poco affrancato dal suo maestro, Andrea del Verrocchio, e si accingeva a dipingere due "Vergini Marie". Da quel lontano 1478, le carte disegnate e scritte da Leonardo non hanno mai smesso di accumularsi nel suo studio sia come fogli sciolti, sia come quaderni d'appunti, fino alla sua morte, nel 1519.
Tutti i disegni, i fogli e i manoscritti di Leonardo furono ereditati dal suo allievo Francesco Melzi che, dalla Francia, li riport nella sua Villa di Vaprio d'Adda dove, fin verso il 1570, li custod gelosamente, studiandoli e trascrivendone molti passi in quello che sarebbe divenuto il "Trattato della Pittura" di Leonardo.
Da questo momento, inizia la dispersione dell'eredit manoscritta di Leonardo. Molti codici e manoscritti, lasciati prendere polvere sotto ai "tetti negletti" della Villa di Vaprio, furono donati dai figli del Melzi a chiunque ne facesse richiesta. Frattanto la gran parte dei codici leonardeschi era pervenuta nelle mani dello scultore Pompeo Leoni che, nel 1590, li aveva offerti, senza successo, al re di Spagna. Sappiamo, grazie alle sue sigle e alle numerazioni da lui apposte sui codici di Leonardo, che, alla fine del Cinquecento, egli ne aveva raccolti quasi una cinquantina, lasciandone qualcuno a Madrid (due tuttora si trovano nella Biblioteca Nacional, dove furono clamorosamente ritrovati solo nel 1967, altri presero la via per l'Inghilterra). lui il responsabile della "confezione" del Codice Atlantico. Un codice che non reca, come gli altri pi piccoli da lui posseduti, un numero d'ordine o una sigla, ma, impressa sulla copertina, la scritta orgogliosa: "Disegni di machine et delle arti segreti et altre cose di Leonardo da Vinci raccolti da Pompeo Leoni".
Si per lungo tempo creduto che Leoni, per comporre il Codice Atlantico, avesse sforbiciato e fatto a pezzi altri manoscritti, grandi e piccoli, estrapolandone soprattutto disegni e studi di carattere scientifico e tecnologico. Ma lui stesso dichiara che i fogli vennero da lui "raccolti", quindi, in un certo senso, preservati da dispersione. Inoltre egli, che aveva contrassegnato e contato precisamente le pagine di molti altri codici, difficilmente avrebbe distrutto dei manoscritti per formarne uno arbitrariamente.
Rimane il fatto, tuttavia, che alcuni dei fogli dell'Atlantico presentano buchi e lacune, o "finestre"', a testimoniare l'estrapolazione di disegni d'altro tema, effettuate (dal Leoni stesso? o pi probabilmente da qualcuno prima di lui?) con lo scopo di formare altre raccolte. 'E comunque singolare il modo con cui il Leoni mont i disegni sulle pagine del Codice: ritagliando grandi finestre nei fogli di supporto, quasi a dotare ogni carta leonardesca di una specie di passepartout, o piegandoli su stessi, se molto grandi. In qualche caso egli sovrappose due carte di Leonardo, specie quando il retro di un foglio era stato lasciato in bianco da Leonardo, o quando non lo ritenne meritevole d'essere osservato: in questo modo qualche schizzo rimase occultato per secoli (fino al recente restauro), come quelli relativi alla "bicicletta" (che sono, infatti, disegni grossolani, non di mano di Leonardo). Riportato a Milano dalla Spagna, il Codice Atlantico entr in possesso, con altri tredici quaderni leonardeschi, del conte Galeazzo Arconati che ne fece dono, come detto, alla Biblioteca Ambrosiana, riservandosi per di consultarli a suo piacimento anche portandoseli (o tenendoseli) a casa. In realt, i manoscritti di Leonardo donati all'Ambrosiana raggiunsero questa Biblioteca solo dopo la morte del conte, e cio dopo il 1649. Per questo motivo, uno dei codici gi descritti nell'atto di donazione, l'attuale Codice Trivulziano (oggi nel Castello Sforzesco di Milano), evidentemente non consegnato, segu una sorte diversa da quella subita dagli altri tredici codici ambrosiani. Nel maggio del 1796, i commissari napoleonici (il commissario per la guerra Peignon accompagnato dal cittadino Tinet) requisivano infatti all'Ambrosiana il Codice Atlantico e gli altri dodici donati dall'Arconati perch venissero studiati a Parigi da Giovan Battista Venturi, fisico modenese in cerca di gloria e di meriti scientifici. Il Saggio pubblicato a Parigi dal Venturi l'anno seguente, il primo tentativo moderno di comprendere e di diffondere le "scoperte" e le ricerche di Leonardo nel campo delle scienze fisiche e matematiche, discipline cui consacrata la gran parte delle carte del Codice Atlantico. Reso celebre dai viaggiatori francesi del '700 e ricercato dal De La Lande per verificare se la teoria del lumen cinereum della luna fosse stata espressa da Leonardo in questo manoscritto (in realt nel Codice Leicester, oggi della collezione Bill Gates), il Codice Atlantico entrava cos definitivamente nella cultura scientifica moderna. Passata la bufera napoleonica, il commissario pontificio per la restituzione delle opere d'arte trafugate dai francesi, Antonio Canova, e il professor Benvenuti, rappresentante del granduca di Toscana, lo rintracciavano nel 1815 nella Bibliothque Nationale di Parigi, dove era stato erroneamente ritenuto un codice scritto in cinese. Degli altri dodici manoscritti non si seppe nulla: erano stati depositati alla Bibliothque de l'Institut de France, dove nessuno and a cercarli e dove tuttora si trovano.
Dal suo rientro in Ambrosiana il Codice Atlantico non ha mai smesso di affascinare gli studiosi e il pubblico, per la bellezza e la modernit dei suoi disegni, la ricchezza delle sue annotazioni, e la continua messe di informazioni che continua a dare sulla vita, le opere, le fonti, la cultura tecnico-scientifica e le relazioni di Leonardo con i suoi contemporanei.
Dopo un'edizione pubblicata sotto gli auspici dell'Accademia dei Lincei, stato oggetto di un'edizione definitiva in fac-simile, conseguente il suo restauro, pubblicata tra il 1973 e il 1980 dall'Editore Giunti per la Commissione Nazionale Vinciana, con le trascrizioni complete dei testi curate da Augusto Marinoni. Esso pu essere considerato una delle pi affascinanti enciclopedie del sapere rinascimentale e uno "spaccato" della mente di Leonardo.

* Politecnico di Milano, Presidente dell'Ente raccolta Vinciana, Milano




news

19-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news