LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quei beni culturali in disavanzo
Marta Ragozzino
il manifesto, 23/5/2003

Dal giugno scorso, la legge omnibus 112, voluta dal ministro dell'Economia Tremonti ma sostenuta ed avallata dal ministro dei Beni e delle Attivit culturali Urbani, rende possibile, attraverso l'istituzione di una societ per azioni chiamata, con grande disinvoltura, Patrimonio S.p.A., l'alienazione di beni appartenenti al patrimonio culturale ed ambientale dello stato. Dalla scorsa estate, improvvisamente ed in contrasto con quanto affermato dal codice civile, beni pubblici definiti minori (ma non per questo senza importanza) soggetti, come gli altri, al regime giuridico demaniale e che, per questo, dovrebbero essere assolutamente inalienabili - i cui elenchi non sono mai slali perfezionati e il cui valore non possibile quantificare - possono essere venduti.

Come noto, l'obiettivo della legge 112, nata dal cosiddetto decreto salvadeficit, era quello di colmare i disavanzi del bilancio: tra le principali risorse individuate da Tremonti per fare cassa, perfettamente in linea con l'ottica economistica che ha informato ed informa tutte le scelte dell'attuale governo, vi erano anche beni culturali ed ambientali: sulla carta, degli immobili senza interesse storico e financo degradati ma nei fatti a rischio di svendite l'intero patrimonio dello stato non dichiarato di interesse nazionale, ovvero non protetto da vincolo (e raramente i beni demaniali sono vincolati essendo per legge inalienabili).
Sulla Patrimonio S.p.A e altri scritti sulle politiche culturali si intitola, molto opportunamente, il libro di Giuseppe Chiarante appena pubblicato negli Annali dell'Associazione Bianchi Bandinelli, che verr presentato oggi pomeriggio presso la Casa delle Culture da Vezio De Lucia, Vittorio Emiliani, Adriano La Regina, Francesco Negri Amoldi, Carla Ravaioli e Pietro A. Valentno (ore 17,15; via di San Crisogo-no, 45). Il sottile volume, che sembra di agile lettura ma in verit affronta questioni complesse e nodali e per questo necessita un'attenta meditazione, raccoglie gli articoli e i pensieri che il senatore, ex vicepresidente del Consiglio dei Beni Culturali - il massimo organo consultivo del Ministero che dovrebbe non solo tutelare ma anche gestire e valorizzare il patrimonio culturale del nostro paese - ha dedicato alle preoccupanti disposizioni legislative emanate dall'attuale governo in materia di beni culturali. Disposizioni apparentemente rapsodiche, a partire dal tanto criticato articolo della finanziaria del 2002 che spianava la strada all'ingresso dei privati nella gestione dei musei e dei beni culturali pubblici, che paventavano l'introduzione e l'affermazione di un modello di gestione privatistico fondato sulla redditivit di beni che, in verit, solo indirettamente possono generare guadagni. Disposizioni culminate per proprio nella legge 112, ovvero nella legge che permette la sdemanializzazione, il peggior attacco mai sferrato al nostro patrimonio, che ha svelato l'esistenza di un disegno ben preciso (e non limitato all'ingresso di soggetti diversi da quelli pubblici nella gestione dei musei) alla base di provvedimenti tanto sconsiderati. Un disegno che i diversi scritti di Giuseppe Chiarante, gi apparsi in forma ridotta negli scorsi mesi su quotidiani e riviste e rielaborati ed arricchiti in occasione di questa raccolta, riescono ad evidenziare con chiarezza. I diversi saggi, pubblicati non in ordine cronologico bens secondo un percorso tematico (e divisi in due sezioni, la seconda dedicata pi in generale alle politiche culturali:
dall'ordinamento troppo centralista e poco funzionale del Ministero alle pecche del Testo unico che riorganizza le disposizioni in materia di Beni culturali attorno all'ossatura della legge di tutela del 1939), sono legati da un filo rosso che percorre e unifica il libro. E questo filo rosso, per citare le parole di Chiarante - che lo scorso autunno si dimesso dalla vicepresidenza del Consiglio perch in disaccordo con le linee politiche del ministero berlusconiano - rappresenta la preoccupazione per la preminenza sempre pi netta di una visione che tende a subordinare la cultura, e la politica che la riguarda, ad un'impostazione di tipo economicistico ed alla pervasiva ideologia liberista. Secondo Chiarante, questa subordinazione produrr, se non ha gi prodotto, effetti devastanti. In primo luogo per la sua palese deriva
aziendalistica e per i rischi che questa distorsione comporta nell'elaborazione delle politiche culturali: in quelle attuali ma anche in quelle dei precedenti governi della sinistra, che hanno subito la tentazione della chimera liberista e sono responsabili delle prime aperture al mercato. Aperture che hanno messo in crisi l'equilibrio, gi tanto delicato, sui cui si fondava il sistema della conservazione del nostro patrimonio culturale. Un sistema nel quale la tutela, che nasce dalla conoscenza della storia millenaria di un patrimonio tanto straordinariamente distribuito e stratificato sul territorio nazionale, non pu essere separata dalla gestione e dalla valorizzazione dello stesso.



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news