LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il ritorno del viaggio in Italia
Giancristiano Desiderio
Indipendente 14/5/2006

Alla Fiera del libro di Torino stata lanciata una nuova iniziativa: il Grand Tour o, meglio, il ritorno del viaggio in Italia. Un viaggio fatto per mare e per terra, per luoghi e citt, un viaggio dello spirito, senza dimenticare il corpo e i sensi, che evoca grandi nomi come Goethe (il primo su tutti) poi Byron (non secondo di certo al tedesco) e Mozart e Nietzsche che scrisse le cose pi belle e ispirate proprio in Italia, a cominciare dal suo Zarathustra. Questa volta, per, non si parte da Nord, dalle Alpi, per andare a Sud, fino a Napoli, forse a Paestum, ma si fa il viaggio all'incontrario (come il treno dei desideri della nota canzone di Conte-Celentano). Rolando Piccioni, presidente della Fondazione della Fiera del Libro, ma anche direttore di Torino capitale mondiale del libro, ha ideato questo viaggio in Italia nell'epoca della globalizzazione non come nostalgico revival ma per rispondere auna grande domanda su qual oggi il contributo della creativit italiana agli scenari del mondo contemporaneo. ll viaggio, che si chiamer Grand Re-tour, parte il 29 maggio dalla Sicilia per concludersi a Milano nella primavera 2007 sbarcando a Genova, Lecce, Urbino, Firenze, Venezia, Roma, Napoli, Bologna, Parma per giungere sul Lago d'Orta. Nonostante il viaggio in Italia sia cosa nota e famosa e nonostante si possa far conto su ottime versioni dei testi dei tanti viaggiatori pi celebri, e nonostante si possa fare ricorso a studi su aspetti generali e particolari del Grand Tour (il Grande Giro), nonostante ci mancava una presentazione organica e d'insieme di questo fenomeno culturale. A questa lacuna ha dato un'ampia e buona risposta il volume di Attilio Brilli edito da il Mulino: Il viaggio in Italia. Storia di una grande tradizione culturale. Un titolo che offre a]la curiosit legittima e all'interesse dei lettori la prospettiva globale di una delle pi affascinanti consuetudini culturali (perch di questo si tratta), un itinerario non solo geografico che ha contribuito a rendere pi vicina, in tutte le sue componenti, l'Italia all'Europa e successivamente agli Stati Uniti d'America e ad allargare al resto del mondo la Lima delle bellezze del giardino d'Europa. Il viaggiatore che viene in Italia , secondo Brilli, un pellegrino laico. Lo straniero che percorre l'Italia dalla fine del XVI a tutto il XIX secolo un pellegrino laico che apre a nuove vie del sapere e che si propone quale tramite di nuove conoscenze, sia che si tratti del filosofo naturale, dello studente, del diplomatico, del mercante, dell'appassionato di antichit o del collezionista d'arte. Cos come non esiste Stato o nazione europea i cui giovani delle pi influenti famiglie non vengano inviati in Italia ad acquisirvi il tocco finale del processo educativo, non c' campo del sapere storico e artistico in cui l'Italia non sia stata in grado di trasfondere nei suoi visitatori un'inimitabile lezione come museo di forme politiche, come terra della classicit, come irnmemore arcadia o come stimolo al rinnovamento artistico e al mutamento del gusto. N meno significativo il fatto che i principali beneficiari del viaggio siano coloro che hanno appena terminato il corso di studi, talcb si pu dire che i giovani europei venivano in Italia per incontrare proprio l'Europa. Dei tanti viaggiatori stranieri se ne ricordano qui due che furono anche italiani. ll primo: Byron. Volle l'Italia libera. Da Ravenna scriveva in una lettera a John Murray: Oggi 18 febbraio 1821 non ho avuto alcun contatto con i miei amici carbonari, ma intanto le stanze al piano di sotto sono piene di baionette, di fucili, di cartucce e quant'altro. Credo che mi abbiano preso per un deposito da sacrificare in caso di necessit. Ma che importa chi viene sacrificato? Se si pensa che l'Italia potrebbe essere liberata, non conta granch chi viene sacrificato. un fine grandioso, la vera poesia della politica. Pensaci un attimo: l'Italia libera!!!. Non solo l'Italia, ma anche gli italiani. Byron li scopr, mentre la maggior parte dei suoi connazionali in viaggio continuava a descriverli attraverso luoghi comuni e del tutto ignorando la situazione politica instabile che stava per mettere al mondo una nuova Italia. Questi imbecilli, scriveva Byron il 24 aprile 1820 a Murray, costringeranno anche me a raffazzonare un libro sull'Italia per rinfacciare loro le bugie che hanno stampato. Era l'amore per Teresa, moglie del conte Guiccioli, a muovere Byron, e non le bellezze artistiche e naturali dell'Italia o, se si vuole, l'amore per la bella Teresa gli rendeva pi belle anche le bellezze d'Italia. E tramite l'amore Byron entr nel cuore dell'Italia, cavalcando su e gi per la Romagna, osservando gli italiani da vicino nella loro vita civile, religiosa e familiare. E pot fare una profezia nel suo diario in data 5 gennaio 1821: Alzato tardi, stanco e intontito, il cielo greve e piovigginoso. Neve per terra e scirocco nell'aria, come ieri. ll fango arriva al ventre dei cavalli, cos di cavalcare (almeno per esercizio) nemmeno a parlarne. Sento che sta arrivando la carrozza, bisogna ordinare le pistole e il mantello, come al solito: la temperatura fredda, la carrozza scoperta e gli abitanti piuttosto selvatici, per lo pi traditori ed estremamente eccitabili data la situazione politica. Bravi ragazzi per ottimo materiale per una nazione. Dal caos Dio ha creato un mondo, e dalle passioni violente nasce un popolo. L'altro straniero che si fece italiano Stendhal, naturalmente. ll 14 marzo 1828 Romain Colomb, cugino di Stendhal, parte da Parigi diretto in Italia. una mattina imbronciata, ma ai suoi occhi radiosa come succede a tutti coloro ch si mettono in cammino con il cuore leggero. In tasca ha un fascio di fogli che gli ha dettato il cugino Henri Beyle. E' un itinerario a suo uso e consumo per visitare il Belpaese, in tutto simile al quadernetto redatto anni prima per lo scrittore per la sorella Paolina. Entrambi sarebbero stati pubblicati con il titolo Voyage d'Itulie. Per Stendhal stato un modo per rivivere, riepiogandolo per soste e stagioni, il lungo, appassionato amore per l'Italia. Solo la grande familiarit con i luoghi, le persone, gli eventi gli ha consentito a ogni sosta e in ogni citt di usare amabili forme imperative per indirizzare adeguatamente il cugino. Cos quando sar a Roma dovr rammentare che in fondo al Colosseo c' una porta traforata: Suonare per farsi aprire, si d un paolo anna specie di eremita e ci si arrampica tra le rovine..., Dopo una mezz'ora a piedi si arriva alle Terme di Caracalia: Si picchia alla porta come farebbe un sordo, dopo un quarto d'ora si vede arrivare una vecchietta le si d un paolo e vi mostra i bagni. Le indicazioni non sono vaghe ma precise, non citano ditte anonime, ma uomini e donne in cane e ossa. Perch l'Italia fatta cos. A Roma gli ha consigliato di andare da Franz, in via Condotti, se non avesse posto andare dalla Giacinta, di fianco alla dogana, oppure a Firenze dovr cercare Minchioni, che abita vicino al giardino di Boboli che un vetturino di assoluta affidabilit. Cos per Genova, Bologna, Napoli. ll viaggio in Italia anche il viaggio tra gli italiani. Forse, cos anche oggi.



news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news