LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IL SENTIERO VERDE SULLA SELLA DEL DIAVOLO DURANTE "MONUMENTI APERTI"
Gruppo d'Intervento Giuridico e Amici della Terra

Sabato 29 e domenica 30 aprile 2006 anche il sentiero naturalistico ed archeologico della Sella del Diavolo è coinvolto dalla manifestazione "Monumenti Aperti",
promossa dal Comune di Cagliari, con una finalità che - nel decennale della manifestazione - vuole riportarla agli intenti originari: essere uno stimolo alle
pubbliche amministrazioni, in primo luogo al Comune di Cagliari, per rendere fruibili 365 giorni all'anno i "tesori" culturali ed ambientali della Città. Sabato
29 e domenica 30 aprile le escursioni guidate svolte dalle guide volontarie degli
Amici della Terra e del Gruppo d'Intervento Giuridico inizieranno alle 17.30, l'associazione culturale Isola dei Sardi ne svolgerà due sabato 29 aprile (partenza
alle 15.30 ed alle 16.30) e due domenica 30 aprile (partenza alle 9.30 ed alle 10.30).


Il sentiero naturalistico ed archeologico della Sella del Diavolo è uno dei pochi "gioielli" ad esserlo tutto l'anno: continuano, infatti, le escursioni guidate per i
cagliaritani ed i turisti sul sentiero naturalistico ed archeologico della Sella del Diavolo, operativo da oltre tre e promosso delle associazioni ecologiste Amici della
Terra e Gruppo d'Intervento Giuridico. In soli tre mesi di escursioni domenicali le guide volontarie ecologiste hanno accompagnato a scoprire i valori ambientali,
paesaggistici ed archeologici di uno dei "gioielli" del Golfo degli Angeli oltre 400 visitatori, fra i quali anche numerosi stranieri (inglesi, tedeschi). A partire da
domenica 5 febbraio 2006, le escursioni guidate sono effettuate ogni domenica mattina, con partenza alle ore 10.00, grazie ad un programma escursionistico curato
dal prof. Antonello Fruttu e dalle guide volontarie Claudia Ghiani, Laura Lecca, Claudia Massidda, Natasha Sebis e Francesca Zedda. Il programma è sostenuto da un
contributo della Presidenza della Provincia di Cagliari. Il sentiero è stato predisposto a proprie spese dalle associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo
d'Intervento Giuridico grazie alla collaborazione del Comando Militare autonomo della Sardegna e del Comando Militare Marittimo autonomo in Sardegna, titolari
dell'area demaniale militare della Sella del Diavolo.


La Sella del Diavolo rappresenta uno dei simboli più noti di Cagliari ed alla sua storia è indissolubilmente legata: si rinvengono testimonianze archeologiche fin dal
neolitico (Grotta di S. Elia, stazione all'aperto della Sella del Diavolo, Grotta dei Colombi), dall'epoca punica e romana (tempio di Ashtart - Venere Ericina, luogo
della "prostituzione sacra", cisterne ed opere di raccolta idrica, cave, strada) e dal medioevo (monastero e chiesa benedettina di S. Elia, torre). Svettano tuttora,
benchè danneggiate dal tempo e dagli avvenimenti bellici, le torri di S. Elia (realizzata dai Pisani nel 1282) e del Pohet (del "pozzetto", del Poetto), in
collegamento con i vicini torre dei Segnali (o della Lanterna) ed il settecentesco Forte di S. Ignazio, baluardo contro l'invasione francese del 1793. Ancora durante la II guerra mondiale la Sella del Diavolo ospitò delle postazioni anti-aeree a
difesa di Cagliari. Ma non sono da meno la caratteristiche naturali, tanto da farla tutelare con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e D.M. 26 aprile
1965) ed in parte con vincolo idrogeologico (regio decreto n. 3267/1923 e successive modifiche ed integrazioni), da individuarla quale sito di importanza comunitario -
S.I.C. "S. Elia - Cala Mosca - Cala Fighera" (codice ITB002243) e futura riserva naturale regionale "Capo S. Elia" (legge regionale n. 31/1989). L'area è attualmente demanio militare - ramo Esercito e ramo Marina (artt. 822 e ss. cod. civ.). E' stata
classificata quale zona "H" con possibilità di interventi di "valorizzazione turistica" nel nuovo piano urbanistico comunale. Il promontorio è di calcare
miocenico del quaternario di origine biogena, coste alte e rocciose con alcune calette e diverse grotte, clima con forte escursione termica e notevole salsedine.
Presenti numerosi reperti fossili, molto interessante la vegetazione a macchia termoxerofila litoranea (olivastri, carrubi, ginepri, palme di S. Pietro, lentischi,
pini d'Aleppo, lecci, euphorbia dendroides, timo, sparto, ecc.) con peculiari endemismi (narciso canalicolato, scrofularia a tre foglie, bellium crassifolium,
iris planifolia). Particolarmente interessante la fauna: sono presenti e nidificanti il falco pellegrino ed il gheppio, la rondine, la volpòca, la pernice sarda, varie
specie di còrvidi, di uccelli marini, la volpe, il coniglio selvatico, il colombaccio, la tortora, lo storno, vari passeriformi.


La realizzazione del sentiero naturalistico ed archeologico della Sella del Diavolo (progetto degli ing.ri Giovanni Battista Cocco e Margherita Secci e della
paesaggista Iris Sohn, descrizione del prof. Antonello Fruttu), mediante semplice segnatura di sentieri preesistenti con vernice "ecologica" in terre naturali e
colore "verde foglia" e posizionatura di due pannelli illustrativi all'inizio ed al termine del percorso, intende consentire una migliore conoscenza da parte dei
residenti e dei turisti di questo inestimabile "gioiello" cagliaritano, evitando quelle faraoniche, dispendiose e distruttive opere pubbliche (monumento delle
rimembranze, funivia + servizi, illuminazione con mega-fari) che comitati promotori ed il Comune di Cagliari intendevano realizzare con l'utilizzo di cospicui fondi
pubblici). Nell'aprile del 2000 oltre 1.200 cagliaritani inoltrarono una specifica petizione all'amministrazione comunale per sventare tale assurdo progetto. Lo scorso
4 aprile il sindaco di Cagliari Emilio Floris, le Autorità militari, i Dipartimenti universitari di botanica di Cagliari, Novara e Roma hanno sottoscritto un accordo
per svolgere itinerari turistici e ricerche scientifiche a Cala Mosca, sulla Sella del Diavolo, a Capo S. Elia. Il Comune, per l'attuazione del progetto, ha circa
mezzo milione di euro (fondi legge regionale n. 37/1998, art. 19).


Evviva, anche l'amministrazione comunale cagliaritana ha scoperto in positivo la Sella del Diavolo! In proposito, però, vorremmo ricordare che, comunque, da anni la Sella del Diavolo è già perfettamente fruibile..... Oggi conoscere per tutelare e
valorizzare la Sella del Diavolo è diventato ancora più facile e sono già migliaia i cagliaritani ed i turisti ad aver percorso il sentiero in una delle aree cittadine più belle e significative: anche "Monumenti Aperti" è un'occasione per conoscerla !

Gruppo d'Intervento Giuridico e Amici della Terra



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news