LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei, niente bagni in fuga dagli scavi
susy malafronte
IL MATTINO 23-APR-2006





POMPEI. Scoraggiata dalla chiusura dei bagni degli scavi un'intera comitiva di inglesi, ieri mattina, è scappata via da Pompei rinunciando, così, alla visita preferendo il Museo archeologico di Napoli: «Almeno là i bagni sono aperti», ha commentato la guida del gruppo, dopo una telefonata fatta all'ufficio informazioni.
Rubinetti a secco, servizi igienici chiusi, niente bagni chimici, come invece aveva annunciato il sindaco, disagi e proteste dei visitatori. Il bollettino turistico degli scavi archeologici di Pompei - a tre giorni dell'emergenza idrica che ha colpito ventidue comuni dell'area vesuviana e risolta ieri con la riparazione della condotta regionale - racconta ancora di scene di disperazione e di crisi di pianto di stranieri alla ricerca di un bagno.
E i diecimila turisti che ieri si sono riversati nella città archeologica più conosciuta al mondo dove hanno fatto pipì? Alcuni hanno percorso due chilometri a piedi per liberarsi nei bagni del santuario. Altri hanno affollato bar e ristoranti per usufruire della toilette. I più fortunati, invece, hanno appagato i bisogni fisiologi nei wc di quegli autobus che ne sono dotati.
Fino alla resa degli inglesi: «Dopo un attento monitoraggio abbiamo accertato che non si è prefigurata alcuna grave emergenza sanitaria che necessitava la collocazione di bagni chimici a ridosso dell'area archeologica - ha spiegato il sindaco Claudio D'Alessio -rassicurati, anche, dal ritorno a pieno regime dell'erogazione idrica. La macchina organizzativa - ha precisato - è stata perfetta nel garantire acqua a
tutti i cittadini che ne hanno fatto richiesta. Posso affermare con fierezza che abbiamo affrontato brillantemente l'emergenza idrica».
Il direttore amministrativo degli scavi Luigi Crimaco reputa la soprintendenza archeologica di Pompei vittima dell'emergenza: «La soprintendenza non è che una delle vittime di questa vicenda che provoca agli scavi di Pompei un indubbio danno di immagine. Dal momento in cui si è manifestato il problema - dice il manager -abbiamo assicurato l'approvvigionamento acquistando l'acqua e rifornendo gli scavi con quattro autobotti al giorno. C'è stato qualche disagio con la chiusura dei bagni solo nei momenti di scambio tra una autobotte vuota e una nuova piena». Se i bagni di Porta Marina Superiore, ieri, hanno funzionato a singhiozzo, rimanendo totalmente chiusi nei giorni scorsi,, i servizi di piazza Esedra e di piazza Anfiteatro sono stati totalmente interdetti ai turisti da giovedì scorso perché sprovvisti di serbatoi.
La Regione, intanto, informa della ripresa dell'erogazione idrica nei comuni del comprensorio vesuviano raggiunti dalla condotta 1300 interessata dal guasto: «Secondo i rilievi dei tecnici dell'assessorato - SDieeano - tra le cause della falla potrebbero essere abusi edilizi commessi lungo il percorso della condotta, per il mancato rispetto della fascia di garanzia. In particolare, i tecnici hanno rilevato che, proprio in corrispondenza della falla, gravava un muro di confine abusivo». L'emergenza idrica, però, ha solo accentuato il problema in quanto la precarietà dei servizi igienici degli scavi di Pompei, visitati ogni anno da tre milioni di turisti, dura 365 giorni l'anno.
Su dodici bagni, a disposizione dei tremila turisti, appunto, solo nove sono funzionanti. Quattro sono dislocati all'ingresso di Porta Marina Superiore, quattro all'entrata di piazza Esedra, quattro, di cui solo uno funzionante, a Porta Anfiteatro. «I servizi igienici di piazza Anfiteatro- dice una guida turistica - hanno la porta elettronica. Accade, dunque, che più di dieci persone in fila, in attesa di entrare nell'unico bagno funzionante, devono aspettare circa un'ora. È fuori da ogni logica una situazione simile. Ancora più assurdo è che, su diecimila visitatori al giorno, in media mille turisti hanno un solo bagno a disposizione».



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news