LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Soprintendenze contro Comune
Alessandra Sallemi
Nuova Sardegna Cagliari, 21/04/2006

Dopo la sentenza al Tar che ha imposto agli enti di trovare l'accordo per liberare l'anfiteatro

Santoni: «Devo valutare le posizioni da assumere»

CAGLIARI. Il soprintendente ai Beni monumentali, Gabriele Tola, è fuori e ancora non ha avuto modo di affrontare la nuova situazione burocratico-amministrativa dell'anfiteatro provocata dalla sentenza del Tar che di fatto invita le parti ad accordarsi per togliere le tribune. Il soprintendente ai Beni archeologici Vincenzo Santoni deve valutare le posizioni da assumere nei confronti del Comune e questo succederà di concerto con l'avvocatura dello Stato. Il soprintendente regionale Paolo Scarpellini deve stare a guardare ma si dichiara pronto a proporre anche lui una bozza di accordo se quelle circolate di recente non riuscissero a produrre l'effetto ufficialmente desiderato: porre fine alla sepoltura del più importante monumento di Roma imperiale isolano giunto fino al nostro tempo. Infine il dubbio: se il Comune non riesce a convincere i soprintendenti a eliminare il meno possibile, ricorrerà al Consiglio di Stato?
Secondo Scarpellini si tratta di accordarsi sulle parti da togliere ma anche di trovare una soluzione per la frequentazione del teatro in occasione degli spettacoli estivi. A giudizio della soprintendenza ai Beni monumentali le tribune installate con i fondi del Giubileo erano state autorizzate esclusivamente perché non si trattava di un'opera definitiva. Inoltre, dal carteggio di questi anni risulterebbe che le due soprintendenze, quando videro il progetto, non trovarono traccia del secondo e terzo anello e autorizzarono i lavori nella platea, nel parco e in una sola fila di tribune. Gli ambientalisti di Gruppo di intervento giuridico e Amici della Terra intervengono dopo la sentenza del Tar per portare un ulteriore contributo: dopo cinque anni un nullaosta paesaggistico «perde efficacia» e resta in piedi soltanto se arriva un nuovo provvedimento. Quindi «dal dicembre 2003 l'allestimento ligneo non sarebbe autorizzato sul piano paesaggistico». Nelle prossime settimane si dovrà chiarire un aspetto: come mai a febbraio soprintendente ai Beni monumentali e Comune avevano cominciato a trovare una sintonia su un'ipotesi e poi, pochi giorni prima dell'udienza del 29 marzo, la bozza di progetto mandata dal Comune era differente. La prima ipotesi prevedeva che venissero levati il secondo e il terzo anello dalla gradinata per installarli di nuovo nella parte cava del teatro così da riformare il semicerchio perduto nei secoli dell'anfiteatro. L'intesa riguardava anche il numero di spettatori: non più di un migliaio. Un'ulteriore possibilità non considerata in febbraio ma che da più parti si chiedere di rispolverare è il progetto Malgarise: l'architetto veneto vent'anni fa proponeva di allestire un teatro di legno nello spazio tra il monumento e l'Orto Botanico, di illuminare adeguatamente l'anfiteatro romano e di tenerlo però al riparo dal calpestìo degli spettatori per aprirlo alle visite con orari e percorsi di sicurezza. Quel progetto presentava alcuni problemi di accesso, ma secondo alcuni tecnici andrebbe riconsiderato: teneva al riparo il monumento, lo valorizzava, gli spettatori estivi della lirica potevano entrare in un teatro dal panorama straordinario ma senza in alcun modo intaccare il monumento romano. Neppure i più accesi sostenitori della polemica contro le tribune di legno sull'anfiteatro hanno mai negato la necessità di cercare spazi all'aperto per gli spettacoli estivi. Alcuni, poi, hanno ammesso la possibilità di continuare ad andare all'anfiteatro ma con un carico di spettatori di gran lunga inferiore a quello possibile sulle tribune (5 mila e 500). Per una municipalità alle soglie delle elezioni è un pessimo problema. Il candidato del centrosinistra Gian Mario Selis denuncia lo scempio fatto per piantare quei tubi di metallo: si perforò la roccia del monumento rovinandola. E' per questo che l'anfiteatro, secondo Selis, «è un nuovo Poetto».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news