LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una perla nel cuore del Cassaro - Palazzo Natoli inserito nella Carta del rischio. Tra i suoi gioielli un affresco del Martorana
13/04/2006, La Sicilia



Tra gli edifici catalogati dagli esperti della Soprintendenza di Palermo nell'ambito del progetto Carta del rischio c' palazzo Natoli, che si erge nella salita San Salvatore, nel cuore del vecchio Cassaro. E' una dimora vincolata in base alla legge n..364/1909, oggi restaurata e frazionata in appartamenti. Andiamo a conoscerla. Venne fatta edificare nel 1765 dal marchese Vincenzo Natoli, giudice della Gran Corte criminale, che ricevette il titolo nobiliare da Carlo III di Borbone nel 1756.
Nella seconda met del Settecento, Palermo, che per il susseguirsi delle ultime vicende storiche aveva dismesso velleit di protagonismo, ritornava tuttavia a dare segni di espressiva vitalit. A quel tempo le famiglie nobili se ne facevano promotrici e la vita sociale si esprimeva attraverso sontuose feste e sfarzi di domestici imbellettati con ridicole parrucche. La citt contava circa duecentomila abitanti e circolavano poco pi di ottocento carrozze. Il palazzo si presenta con un grande portone adornato ai lati da colonne in marmo Billiemi e paraste tufacee, sormontato da un fregio con l'iscrizione Marc. Vinc. Natoli R.C. P. Perfecit. In corrispondenza del balcone principale della salita San Salvatore campeggia lo stemma dei Natoli: una torre merlata, da cui fuoriesce un vessillo e alla quale si appoggia un leone rampante. A ridosso del mascherone con la fronte bendata si trova la data (MDCCLXV).
Il Villabianca nel suo famoso Diario ricorda un grande atrio in cui stava una statua di Venere nuda, ma della scultura oggi non c' traccia. Subito dopo il terremoto del 1968 il palazzo fu visitato da ladri che asportarono diverse sculture e pezzi di pavimento maiolicato.
Attraverso uno scenografico scalone a doppia rampa si accede agli ambienti del piano nobile, caratterizzati da saloni affrescati da Gioacchino Martorana. In questa dimora ha lavorato anche Antonio Manno, ma delle sue testimonianze non c' pi nessuna traccia.
In una pittura ovale viene raffigurata la Madonna con il Bambino che glorifica San Vincenzo Ferreri tra un nugolo di angeli che compaiono in mezzo a squarci di nuvole. Secondo alcuni esperti questo affresco non da attribuire al Martorana ma a qualche giovane che segu le esperienze palermitane del Borremans.
E', invece, del Martorana l'Assunta che ricopre il soffitto di un ampio salone. Spiega la professoressa Maria Concetta Di Natale: L'Assunta non ha le mani giunte in preghiera, ma le braccia aperte e lo sguardo assorto, volto in su, come divenne in uso dopo la Controriforma. E' portata tra nubi verso il cielo da angeli e arcangeli, secondo la tradizione dei Vangeli apocrifi.
Il De Spuches afferma che l'affresco debba essere collegato alla morte della moglie del Natoli. Maria Sieripepoli, infatti, venne a mancare nel corso della edificazione della dimora. Cos, il marchese diede disposizione al pittore di ricordare simbolicamente l'ascesa al cielo dell'amata consorte con l'Assunzione di Maria.
Vincenzo Prestigiacomo



news

13-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news