LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GROSSETO.Depredati di centinaia di opere d'arte
di Claudio Bottinelli
IL TIRRENO 08-APR 2006, GROSSETO



II professar Mazzolai denuncia la scomparsa di moltissimi quadri e reperti antichi

GROSSETO. La citt di Grosseto non mai stata ricchissima di opere d'arte, ma anche vero che stata depredata nel tempo delle sue opere d'arte pi belle e, nel corso dei secoli anche delle sue campane, visto che ne mancherebbe*} almeno sedici all'appello. E' battagliero, e vorrebbe tanto riaverle a Grosseto quelle opere d'arte, il professor Aldo Mazzolai, 82 anni, gi professore al liceo scientifico e al classico, insegnante di storia dell'arte e di lettere, archeologo e direttore per decenni del museo archeologico di Grosseto che ha contribuito a ricostruire nella sua veste attuale, l'uomo che quando "Roselle era silenziosa", quando cio era ancora quasi dimenticata, come scrisse il professor Massimo Pallottino, spron alla sua riscoperta.
Sono almeno duecento - nota Mazzolai - le opere d'arte elencate da Alfonso Ademollo fra quelle esistenti in citt nel 1894, delle quali non si sa pi nulla. Semplicemente sono sparite. Per alcune si conosce come furono alienate o portate via, e non sono pi qui. Senza parlare dei reperti archeologici, etruschi e romani, che sono spariti a migliaia.
Mazzolai si infervora e rincara la dose: Ma lo sa - ci dice -che a Grosseto di fatto sono spariti due musei, quello archeologico e quello d'arte che erano ospitati nell'attuale palazzo municipale? Addirittura sono sparite intere collezioni egizie che erano al museo, i cui pezzi sono finiti chiss dove, forse nelle sale di qualche famiglia grossetana?
Ricorda l'immediato dopoguerra, il professor Mazzolai, quando assieme a Luciano Bianciardi, riordin quel che restava di museo e biblioteca: Trovammo di tutto, perfino indumenti intimi femminili- ricorda - per mancavano tanti "pezzi" finiti chiss dove.
Una storia in parte ricostruibile quella dei tesori che Grosseto non ha pi.
Nel 1927, per esempio, - cita il professor Mazzolai - l'allora podest di Grosseto fece una trattativa con un antiquario di
Genova dando quattro pitture a fondo d'oro del Quattrocento in cambio di un sarcofago che oggi al museo e che era stato ritrovato nei pressi di fetia. Un cambio scellerato, visto che il sarcofago, oltretutto, era gi nel museo! E l'anno dopo sempre il Comune vendette a un privato oggetti archeologici e altro, e per poco non finivano in quella vendita anche i seicenteschi studi per sculture di B.Mazzuoli che oggi sono al museo d'arte sacra.
Emblematico il caso della "Assunzione" di Benvenuto Di Giovanni che era nel Monastero di Grancia e spar sul finire dell'Ottocento per ricomparire nelle sale del Metropolitan Mu-seum di New York. Attorno a questo dipinti di grande pregio, ricorda Aldo Mazzolai, ci fu uno scontro fra me e il critico d'arte Vittorio Sgarbi Era il 1984 e quella "Assunzione" ricomparve nel negozio di un antiquario a Roma, in via del Babbuino. Mi fu dato torto, e oggi non so pi che fine ha fatto.
L'Addimandi scrive che nel 1865, il canonico Chelli don al museo 158 quadri di sua propriet. Di molte - dice Mazzolai - si persa la traccia.
Cosa potrebbe essere fatto? Difficile a dirsi - riflette Mazzolai - ma una cosa certa: bisognerebbe innanzi tutto ricostruire, dai documenti, l'elenco di ci che Grosseto ha avuto, che era suo e che non c' pi, e seguirne quindi le tracce, se possibile.
L'arrabbiatura di Aldo Mazzolai, quando parla di ci che "sparito" non si ferma ai dipinti e alle sculture. Anzi, pensando agli oggetti archeologici, s'infiamma: Il primitivo museo, di fatto, - dice - fu venduto, e perfino il Frontone di Talamone, che sarebbe spettato a Grosseto, finito a Orbetello, insieme a tanti altri oggetti che con la compiacenza delle Sovrintendenze sono finite sulle rive della laguna o in altri musei della Toscana. Poi ci sono i furti, tipo quello famoso della collana che i ladri portarono via nel 1957, quando il museo archeologico era ancora in via
Mazzini: un ladro si fece chiudere dentro, poi apr ai compagni e fecero man bassa.
E ci sono stati, e ci sono ancora purtroppo, i clandestini che scavano le tombe. E' un esperto in questo settore, il professor Mazola, visto la sua lunga attivit come direttore del museo archeologico, in anni nei quali gli scavi clandestini erano ben pi fiorenti di oggi
Si era arrivati - ricorda Mazzolai - a vendere una tomba prima ancora che fosse scavata. A scatola chiusa. Si cercava l'acquirente che pagava una certa cifra e diveniva proprietario, e una volta fatto lo scavo clandestino, di quasi tutto quello che c'era.
Non mancano aneddoti anche curiosi, su questo fronte: La sfinge che oggi al museo archeologico - ricorda Mazzolai - riuscii a recuperarla perch, mentre viaggiavo in treno sulla linea per Siena, sentii due persone che confabulavano e parlavano di una statua che stava per essere venduta e che si trovava nella bottega di un barbiere. Scesi in fretta e furia dal treno alla prima fermata, corsi da quel barbiere e mi feci consegnare la sfinge, riuscendo a salvarla.
Storie di malefatte, o d vendite ufficiali ma con poco senso, che hanno di fatto depredato la citt di Grosseto.
Storie di cui si conosce sono qualche traccia. Sar difficile, anche volendolo, poter ritrovare tutto quel che stato portato via. Ma almeno - riflette il professor Mazzolai, chiaramente amareggiato - ci potremmo tentare. Forse qualcosa almeno potremmo recuperare.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news