LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lo sfregio di Palazzo Altemps cos sono stati favoriti i privati
ADRIANO LA REGINA
La Repubblica (Roma) 02/04/2006

COME difendere il patrimonio storico e artistico di questa citt dalle insidie di coloro che per primi dovrebbero tutelarlo? Vengono ormai compiuti impunemente misfatti di ogni genere, persino annunciati trionfalmente com' nel caso dei monumenti occultati al fine di dare spazio alla propaganda commerciale e politica. ora giunto il turno degli obelischi, gloria dell'antico Egitto e trofei imperiali di Roma, destinati alla miserabile funzione di totem pubblicitari. Dopo lo sfregio di Piazza del Popolo apprendiamo dell'imminente deturpamento della Piazza di S. Giovanni in Laterano. Intanto perdura l'insulto a Palazzo Venezia ove le arcate quattrocentesche sono tamponate con infissi di metallo e di plastica onde poter ricavare nella loggia una sala per banchetti. Residenza pontificia, ambasciata della Serenissima, ambasciata dell'impero austroungarico, museo d'arte, ufficio del capo di governo durante il fascismo, il palazzo di Venezia ora adibito a sede di festini aziendali in affitto a ore. Questo stato di cose ha raggiunto livelli di intollerabilit con la vicenda di Palazzo Altemps, su cui Repubblica ha ripetutamente, e invano, richiamato l'attenzione negli ultimi mesi. La parte del palazzo rimasta in propriet privata stata venduta per oltre 27 milioni di euro e lo Stato pu acquisirla per prelazione. l'occasione che si attendeva da oltre vent'anni per dare completa attuazione al programma originale del museo, concepito fin dal 1981 quando la soprintendenza archeologica acquist la maggior parte dell'edificio. Gli uffici centrali e periferici del Ministero per i beni culturali si dimostrano per inclini ad assecondare le aspirazioni degli acquirenti privati piuttosto che gli interessi dello Stato. La soprintendenza ai beni architettonici ha omesso di informare tempestivamente della compravendita l'ufficio competente, la direzione regionale del Ministero, come sarebbe stato suo dovere fare per consentire l'esercizio del diritto di prelazione.
Gli ambienti ministeriali sostengono che lo Stato potrebbe restare vittima di mire speculative con l'acquisto dell'immobile ad un prezzo non congnuo. Non vero, ed essi lo sanno bene. In materia di prelazione il nuovo codice dei beni culturali ha recepito la norma gi contenuta nella legge del 1939. Vale pertanto anche la giurisprudenza esistente al riguardo. Lo Stato non ha l'obbligo di pagare un prezzo artatamente aumentato epu acquisire il bene al valore di mercato. E' sempre stato cos.
L'Agenzia del Demanio si dimostrata disponibile all'acquisto del palazzo. Le difficolt provengono dunque dal Ministero per i beni culturali. La parte acquirente si nasconde per altro dietro otto societ a responsabilit limitata con sedi a Napoli, Vico Equense e Porto Santo Stefano, facenti capo tutte allo stesso amministratore unico e ciascuna con capitale sociale di 10 mila euro.
Lo strumento di compravendita palesemente concepito per rendere difficile la prelazione e in ogni caso per tentare di non cedere allo Stato una parte dell'immobile, certamente la pi pregiata. Del resto, a favore di una prelazione parziale si sarebbero espressi pi volte gli stessi ambienti ministeriali.
Le sventure di Palazzo Altemps non terminano comunque qui, perch incombe su esso anche la minaccia di essere destinato a sede del distrutto museo geologico di Largo di Santa Susanna. Non per ammissibile che si tenti di porre riparo ad un errore producendo altri guasti! Palazzo Altemps fu adattato gi nel Seicento a sede di una collezione di scultura antica, ed ospita attualmente la collezione Ludovisi con altre opere d'arte classica. Tutto questo non ha nulla a che fare con il museo geologico, il quale dovrebbe restare nella sua sede storica.
Non abbiamo mai dubitato della probit del ministro Rocco Buttiglione, che resta indiscussa, ma ora, alla prova dell'indisturbata operosit di alcuni dei suoi uffici ai danni del nostro patrimonio storico e artistico, dobbiamo anche dire che ci riesce molto difficile fare affidamento sulle sue capacit di governo in questa delicata materia.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news