LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Io, che trasformo l'acqua in musica
Fabio Isman
Messaggero Cronaca di Roma, 29-MAR-2006




Con me ritorna la musica dell'acqua
Leonardo Lombardi, 78 anni, restauratore di organi ad acqua. Dopo aver ripristinato quello di Tivoli, a Villa d'Este, ne ha ricostruito uno antico a Siviglia, nato nel '600 per opera dell'architetto milanese Vermondo Resta, nei giardini dell'Alcazar. Leonardo Lombardi racconta la storia di questi organi ad acqua, assai di moda nella stagione barocca, e di cui ormai pochissimi sopravvivono. Il pi celebre? Quello del Quirinale, restaurato da poco. L'organo di Tivoli? Il pi antico, celebrato da grandi viaggiatori come Michel de Montaigne.


D'idraulica antica, ho cominciato ad occuparmi negli Anni 80, studiando dapprima il sistema termale di Caracalla; io nasco come idrogeologo: mi sono laureato nel '52, ho girato il mondo, si potrebbe dire, a caccia d'acqua, spiega Leo (Leonardo) Lombardi, 78 anni. La genia dei Lombardi deve avere qualche cromosoma alquanto singolare. Nel 1927, il padre, Pietro, autore delle "fontane dei Rioni", che si ammirano un po' in tutta Roma: quelle delle Anfore, degli Artisti, e cos via; Ferruccio, il fratello di Leonardo e purtroppo da poco scomparso, si dedicato, tra l'altro, a censire palazzi e palazzetti, e ad inventariare le mille chiese di Roma che ormai non esistono pi; lui si messo, invece, a restaurare qualcosa di assai raro: gli organi ad acqua. Dopo aver ripristinato quello di Tivoli, a Villa d'Este (sulla spinta della direttrice, Isabella Barisi), ne ha ricostruito uno antico a Siviglia, nato nel '600 per opera dell'architetto milanese Vermondo Resta, nei giardini dell'Alczar. Insomma, come succede spesso, il nostro Paese esporta restauro, esporta Beni culturali.
Leonardo Lombardi racconta la storia di questi organi ad acqua, assai di moda nella stagione barocca, e di cui ormai pochissimi sopravvivono: II pi celebre di sicuro quello del Quirinale, restaurato da poco per volere di Francesco Cossiga e inaugurato da Carlo Azeglio Ciampi, creato a fine '500 da Giovanni Fontana, su commissione di Clemente VIII Aldobrandini, e dall'organaro Luca Blasi; rifatto nel '600 da padre Atanasio Kircher, e tornato a suonare nel 2002, forse dopo quasi due secoli di silenzio. Io, invece, mi sono dedicato a quello di Villa d'Este, a Tivoli, che il pi antico di tutti, celebrato da grandi viaggiatori come Michel de Montaigne, anche se il primo a parlarne un altro francese. Nicolas Audebert: se quello del Quirinale era tanto famoso che, due secoli dopo la costruzione, lo celebra ancora Giuseppe Gioacchino Belli, di quello di Tivoli veniva ricordato soprattutto "il diluvio".
Gli organi ad acqua sono uno strumento tipicamente barocco, ma nascono un'enormit di tempo prima. Ad inventarli, fu Ctesibio. Vive ad Alessandria tre secoli avanti Cristo, ne dirige anche la celebre biblioteca, ed considerato il massimo ingegnere dell'antichit, s'intende dopo Archimede; dalla Grecia, passano alla Roma antica, e dovevano fare un grande fracasso, se Seneca li accomuna a corni e tamburi. Fino alle realizzazioni nella Roma meno remota: Anche a Villa Aldobrandini a Frascati, a Villa Doria Pamphilj nella Capitale; ed altri esemplari, a Parma, Modena, nella Villa medicea di Pratolino; forse, uno successivo a Palazzo Reale di Caserta. Invece, uno antico, del III secolo, lo si pu ammirare nel museo di Aquincum, vicino a Budapest.
Quello di Villa d'Este, risale al 1567: opera del francese Lue Le Clerc e del nipote Claude Venard; ma con il tempo, tantissime parti erano andate ormai distrutte. Iniziava con squilli di tromba, che richiamavano il pubblico; poi, suonava l'organo. L'acqua arrivava in cima al nicchione, un tappo di pietra si sollevava, e, attraverso 44 tubi, lei sgorgava dappertutto: anche dalla facciata della fonte, creando appunto un "effetto diluvio", che i raggi del sole dotavano poi anche dell'arcobaleno. Doveva essere davvero suggestivo. Il segnale di chiusura della performance era l'aria che usciva dalla bocca di un tritone, con un suono di buccino, che aumentava di volume. Era cos forte, che, un giorno, i campagnoli tiburtini invadono la villa; e, non reggendolo pi, mandano in mille pezzi lo strumento.
Sempre a Villa d'Este, non lontana un'altra fontana, essa pure ripristinata da Lombardi: quella "della civetta". Sono di derivazione ellenistica; una simile esisteva a Pompei; qui, si sentono gli uccellini cantare; poi, appare una civetta: gli uccellini tacciono, e riprendono lentamente, uno a uno, solo dopo che il rapace se n' andato via. I meccanismi di questo tipo di strumenti sono stati descritti da padre Kircher, in epoca evidentemente pi tarda, ma con grande precisione. A volerli, pi d'ogni altro, stato forse il cardinale Ippolito II d'Este: sul Quirinale, che era la Vigna Carafa da lui presa in affitto, i lavori per il nicchione della fontana cominciano con lui; e la villa di Tivoli, non a caso, si chiama ancora "d'Este". Per il restauro, abbiamo scovato un organaro, Rodney Briscoe, che vive a Diss, in Inghilterra, ha la manutenzione di ben 300 strumenti nella zona, e ne costruisce di nuovi: lui che ha provveduto anche all'esemplare per Siviglia, dove, dello strumento originale, era rimasto poco pi del ricordo. E i costi? Ridicoli, visto il risultato che se ne ottiene; per quello di Villa d'Este, poco pi di 10 milioni di euro, conclude Leo Lombardi.



news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news