LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MANTOVA: Opere pubbliche, aperto il dibattito. La Margherita: giusto eliminare i progetti di Porta Mulina e Palazzo del Podestà
31-10-05, pag. 9, Cronaca di Mantova

30-10-05, pag. 10, Cronaca

Il no del comitato ministeriale: vantaggi solo per le imprese

Il project financing è uno strumento che consente di mettere insieme pubblico e privato per la realizzazione di grandi opere pubbliche. Con reciproci vantaggi. In pratica, il privato anticipa le risorse necessarie a realizzare strade o a ristrutturare immobili che un Comune non avrebbe subito a disposizione. In cambio, rientra con la gestione dell’infrastruttura. Questo consente di procedere speditamente, evitando lungaggini burocratiche legate agli appalti pubblici. Il Comune di Mantova ha chiesto un parere al Comitato interministeriale per la programmazione economica-unità tecnica di finanza di progetto sui tre project financing dello stadio, di palazzo Podestà e di Porta Mulina. «Emergono perplessità - è stata la risposta del 19 ottobre - in merito alla possibilità di qualificare correttamente come realizzati secondo lo schema della finanza di progetto gli interventi relativi alla ristrutturazione di palazzo Podestà e alla realizzazione dei nuovi uffici comunali. Entrambi i procedimenti evidenziano una assenza di trasferimento del rischio di gestione sul soggetto privato (futuro concessionario)». L’unità tecnica ha anche messo in risalto «alcune incongruenze sul piano economico-finanziaro». Per quanto riguarda lo stadio, l’Unità tecnica non ha evidenziato problemi.



Ds e Sdi ora sollecitano un confronto sugli obiettivi della giunta


L’eliminazione dal piano opere pubbliche del Comune di due project financing su tre (quelli di Porta Mulina e del Palazzo del Podestà), salvando solo il nuovo stadio, viene definita dalla Margherita «un’operazione di buon senso». Soddisfatto anche il gruppo Uniti dell’Ulivo (i 4 consiglieri diessini di stretta osservanza brioniana). Preoccupati, invece, il capogruppo dei Ds, Giorgio Maglia e quello dello Sdi, Paolo Gianolio, che auspicano a breve un confronto nella maggioranza sugli obiettivi della giunta. Sulle strategie di governo, dunque, l’Ulivo ha pareri differenti. «Io - dice Maglia - difendo lo strumento del project financing come opportunità offerto ai Comuni per realizzare le grandi opere, alla luce del patto di stabilità e dell’esiguità delle risorse a disposizione. Detto questo, concordo sul fatto che Palazzo del Podestà venga ristrutturato: però, l’amministrazione deve dire chiaramente quali sono le risorse che utilizzerà. Per ora abbiamo saputo qualcosa, ma troppo poco, solo dalla Gazzetta. Per quanto riguarda Porta Mulina, il piano non può essere cancellato con un tratto di penna e, dal punto di vista ambientale e architettonico, ritengo importante l’indicazione della vecchia giunta di concentrare tutti gli uffici comunali in un unico edificio. E poi - conclude - prima di cancellare i grandi progetti sarebbe bene discuterne seriamente con tutta la maggioranza». Il socialista Gianolio auspica «un confronto con tutte le forze della maggioranza, in cui l’amministrazione spieghi i motivi per cui ha ritenuto di cancellare quei piani. Se io sono d’accordo? Lo dirò solo quando mi avranno chiarito tutti i punti. E poi, io penso che non si tratti solo di cancellare qualcosa ma anche di proporre scelte alternative: è su questo che, spero, verterà il confronto». La cancellazione dei due project financing è, per Doriano Piva di Uniti nell’Ulivo, «un atto dovuto, visti i soldi che avrebbe dovuto sborsare il Comune». E aggiunge: «Su Porta Mulina non sono mai stato d’accordo e, dunque, ben venga la decisione di eliminare il progetto. Per quanto riguarda Palazzo del Podestà, concordo sul fatto che questo nostro gioiello vada restaurato; non è giusto, però, che il privato vi partecipi senza mettere nulla: se vuole essere della partita metta la sua parte». Piva condivide la scelta di «salvare» il nuovo stadio fuori città: «In questo modo - dice - i commercianti e i residenti nella zona del Martelli non avranno più problemi quando il Mantova giocherà in casa». Per Daniela Colturani, capogruppo della Margherita, «letta così sulla Gazzetta, l’operazione della giunta sui project financing mi pare di buon senso. Un’operazione in perdita fatta con un privato non mi sembra, infatti, il massimo. Ho qualche dubbio, invece, sul metodo utilizzato: credo che sarebbe stato meglio coinvolgere il consiglio comunale».



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news