LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Per l’Ermitage-Italia spunta una nuova ipotesi Sede provvisoria al Te, aspettando il Podestà
29-08-05, pag. 7, gazzetta di Mantova



E se fosse il Palazzo del Podestà, una volta portato a termine il complesso intervento di ristrutturazione, l’edificio più adatto ad ospitare la sede italiana del museo Ermitage di San Pietroburgo? Tra i corridoi di via Roma si dice che questa soluzione non dispiaccia affatto al sindaco Brioni. E i ben informati sussurrano che la strada possa essere praticata in futuro, passando, nell’immediato, attraverso una sistemazione temporanea della sede italiana del prestigioso museo russo a Palazzo Te. Non è più un mistero, ormai, che per la sede dell’Ermitage non sia in corsa solo la palazzina liberty di largo 24 Maggio. Tra le opzioni, come stabilito da una recente delibera della giunta comunale, ci sono anche altri edifici che la Fondazione Cariverona (che per l’acquisto dell’immobile vicino a San Sebastiano aveva stanziato 3 milioni e 200 mila euro) potrebbe acquistare e consegnare poi all’amministrazione comunale chiavi in mano. Il Palazzo del Podestà, però, è uno degli edifici oggetto di un difficile piano di recupero funzionale, attraverso il project financing, avviato dal Comune durante l’amministrazione Burchiellaro. L’ex sindaco aveva pensato, per quei 5.500 metri quadrati, un piano di recupero che doveva portare nelle stanze duecentesche gli uffici di rappresentanza del municipio, dalla sala per la riunioni del consiglio comunale agli uffici dei gruppi consiliari, dalla sala giunta fino all’ufficio del sindaco. Con uno spazio al piano terra da destinare ai privati (coinvolti nell’operazione di finanza) e da adibire a ristorante. Con il cambio della guardia ai vertici di via Roma il destino del Podestà potrebbe cambiare di nuovo? Forse. L’ipotesi di cui si parla nei corridoi del Comune prevederebbe la sistemazione temporanea della sede italiana dell’Ermitage a Palazzo Te, in attesa del recupero dell’edificio duecentesco. Ma dove? La villa gonzaghesca ospita già (in spazi angusti) la sede del Centro Internazionale del Te. Al piano superiore, invece, gli spazi sono occupati dalla collezione egizia Acerbi, dalla collezione mesopotamica Sissa, dalla raccolta di pesi e misure dei Gonzaga, dalla quadreria moderna e dalla collezione Mondadori. E non c’è solo il problema dei locali. Resta da stabilire se Mikhail Piotrovsky, il direttore generale del grande museo russo (che nell’ottobre del 2004 aveva detto ‘sì’ all’accordo con Mantova sulla base del progetto esecutivo per la palazzina di largo 24 Maggio) è al corrente e d’accordo sul cambio di collocazione della sede che sembra profilarsi in via Roma.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news