LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Svendite immobiliari e aumenti delle tariffe. Ecco il piano economico della Destra al governo
Lucia Urciuoli
www.AprileOnLine.Info n.08 del 30/03/2004.


Gli apprendisti stregoni .


In questo particolare momento economico la priorita' deve essere tutelare il potere d'acquisto di salari e pensioni ed evitare l'impoverimento del ceto medio''. Cos Gianfranco Fini ha commentato l'ipotesi di riduzione dell'Irpef avanzata da Berlusconi domenica a Cernobbio. ''E comunque ne dobbiamo ancora discutere - ha aggiunto Fini - perch non lo abbiamo ancora fatto. Condividiamo quanto detto da Fini (e poi da Maroni e Follini) ma, mentre loro chiedono al Governo pi collegialit, noi vorremmo pi seriet. E, soprattutto, una diversa via duscita dalla crisi economica. Leconomia italiana va male. Va peggio di tutte le altre economie del mondo. Se ne sono accorti persino Confindustria, Confcommercio e Bankitalia, i pilastri su cui per tre anni si appoggiata larchitrave delle disastrose ed inique politiche economiche di Giulio Tremonti. La crescita per il 2004 secondo Bankitalia non potr superare l1%. La caduta competitiva oramai costante da tre anni a questa parte (-3% il dato sulla produzione) e lobiettivo fissato dal Governo di portare il rapporto deficit/Pil al 2,2% nel 2004 , quantomeno, irrealistico. Linflazione aumenta molto pi che in tutti i Paesi dellarea Euro, i consumi delle famiglie diminuiscono, le loro condizioni di vita peggiorano. Limprovviso bagno di realt ha costretto le migliori menti economiche della Casa delle Libert a fare gli straordinari. Berlusconi e Tremonti ritirano fuori larmamentario, oramai usurato dopo tre anni della riduzione fiscale per i redditi medio-alti (della proposta di tagliare le festivit per decenza non parliamo) mentre i centristi ed An, che temono lemorragia di consenso da parte della loro base elettorale, prendono le distanze. Noi, ancora una volta, ci accontentiamo di ricordare lassoluta incapacit di questi strumenti di trarre fuori dalle secche la nostra economia. Oltre che lassoluta iniquit del modello sociale che prefigurano. Ma noi oggi vorremmo parlarvi anche di cosa si muove tra le seconde file del Polo. E non trascurare il generoso sforzo compiuto da Gianni De Michelis, che di Berlusconi ascoltato consigliere, il quale ha tirato fuori dal cilindro il coniglio invano cercato da tempo da Tremonti. Serve una manovra straordinaria, 70 miliardi per sostenere leconomia: attivare investimenti per 20 miliardi nei prossimi 18 mesi e mettere a regime un programma di interventi da 10 miliardi lanno dal 2006 al 2010. Ok, grazie. E dove li dovremmo prendere tutti questi soldi? I soldi ci sono, invece (!?!). O si possono reperire (ah, ecco). E come? Aboliamo forse il provvedimento che ha tagliato le imposte per le successioni dei miliardari? O magari, la finiamo con i condoni che stanno erodendo per oggi e per il prossimo futuro la base imponibile e demolendo il patto fiscale? La finiamo con questa idea della doppia aliquota sul reddito delle persone fisiche e torniamo a ragionare su unidea equa e democratica di progressivit fiscale? Evitiamo di buttare fondi pubblici per costruire inutili ponti sullo Stretto e li indirizziamo, piuttosto, verso la ricerca o verso quegli investimenti di politica industriale in grado di far crescere la qualit dei nostri prodotti?
Niente di tutto questo, largo allimmaginazione. Il piano De Michelis immagina che un consorzio di banche e fondazioni bancarie, possa rilevare sedi ministeriali, caserme ed altri immobili di Stato da riaffittare agli occupanti. Il resto verrebbe da un insieme di misure decisamente provocatorie come il raddoppio delle tariffe pubbliche. Ok. Bene. Perfetto, non facciamoci assalire dai soliti pregiudizi nei confronti delluomo ed esaminiamo la proposta. Quanto alla proposta di vendita e riaffitto degli immobili vanno ricordate forse a De Michelis due cose. La prima, vendere per riaffittare da privati non significa risolvere ma solo spostare un po avanti il problema del reperimento di risorse pubbliche, a meno che De Michelis non ipotizzi uno scenario futuro di Ministeri e Prefetture messe sotto sfratto per morosit. La seconda, piuttosto difficile credere che il Tesoro riesca, nei tempi ristretti richiesti da De Michelis a portare avanti unoperazione del genere da 20 miliardi, considerato che da 24 mesi si impantanato in una operazione di dismissione del demanio pubblico talmente scellerata e male organizzata che tra poche settimane si ritrover a dover ripagare, con gli interessi, i primi titoli venduti avendo per incassato dalla vendita dei beni stessi solo un decimo di quanto previsto (e di quanto fatto mettere nel bilancio dello Stato per poter dimostrare di avere i conti a posto). Quanto al raddoppio delle tariffe pubbliche conviene forse ricordare a De Michelis lassoluta iniquit di aggravi su voci di spese per servizi che colpiscono i cittadini indifferentemente dalla loro condizioni economiche. Probabilmente la distinzione nelluso di tasse o tariffe per provvedere alle esigenze dello Stato andrebbe ricordata. Bisogna agire ora, senza paura, dire le cose come stanno, senza ottimismi di facciata. Serve una cura choc ha detto, infine, De Michelis. Proprio le stesse parole usate a Cernobbio da Berlusconi. Grazie mille, caro Gianni e caro Silvio, ma di choc in vita vostra ce ne avete gi dati abbastanza. Pu bastare cos. Un ultimo rilievo, questa volta non faceto. Queste proposte sarebbero farina del sacco non solo di De Michelis ma di Cirino Pomicino. Dettaglio non grave se non ponessimo mente al fatto che questultimo viene dato in riavvicinamento allUlivo e precisamente a Clemente Mastella. Se sono le idee, e non solo i giudizi sugli uomini, a tracciare il solco, non ce n abbastanza per ricordare che tra Cirino Pomicino ed il centrosinistra il solco piuttosto profondo?

[Lucia Urciuoli]





news

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

26-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

Archivio news