LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quando torneremo a governare l'Italia finirà la stagione dei condoni
Fabrizio Vigni
www.AprileOnLine.Info n.046 del 26/05/2004.


Quello che segue è l'intervento per dichiarazione di voto dell'on.Fabrizio Vigni durante la discussione sulla proroga del condono edilizio approvata ieri dalla Camera.

Signor Presidente, onorevoli colleghi, noi del gruppo dei Democratici di sinistra-L'Ulivo, come tutto il centrosinistra, esprimeremo un voto contrario sul provvedimento in esame, non soltanto perché siamo stati contrari sin dall'inizio all'ipotesi di un condono edilizio, ma perché la proroga dei termini dello stesso equivale, per il Governo, all'ammissione di un fallimento; per il paese, poi, il protrarsi dei termini del condono equivale al protrarsi dei danni arrecati all'ambiente e alla legalità.
Si tratta di un fallimento per il Governo perché delle entrate previste - 3 miliardi e 800 milioni di euro della manovra di bilancio - ad oggi ne sono giunte nelle casse dello Stato all'incirca il 10 per cento (queste sono le stime)! Ci rammarichiamo del fatto che il Governo, in particolare il ministro Tremonti, non abbiano voluto rispondere in questa sede ai nostri interrogativi su quante siano state effettivamente le domande presentate ad oggi e quante le risorse incassate. Evidentemente, vi è reticenza da parte del Governo, anche perché si vuole nascondere l'ennesimo «buco» che l'azione del centrodestra sta creando nel bilancio dello Stato.
La vostra risposta è stata quella di attribuire le colpe all'incertezza, nell'attesa della sentenza della Corte costituzionale: non è cosi! Questa può essere una delle ragioni del basso gettito, ma in realtà i conti non tornavano sin dall'inizio, perché, anche in occasione dei precedenti condoni, nel 1985 e nel 1994, le entrate furono molto più basse rispetto a quelle previste. Gli stessi tecnici del Servizio bilancio della Camera avevano segnalato l'inattendibilità delle previsioni finanziarie.
Insieme al fallimento finanziario, vi sono purtroppo i danni pesantissimi che il condono ha già arrecato all'ambiente e alla legalità. Al primo, perché i soli annunci del condono hanno scatenato da tempo una nuova pesante ondata di abusivismo. I dati li abbiamo ricordati già e sono impressionanti: dal 2002 si è invertito un trend virtuoso, che aveva portato ad una riduzione del numero delle costruzioni abusive.
Vi è un nuovo impressionante aumento del 41 per cento tra il 2001 ed il 2003. Solo nel 2003 vi sono state 40 mila nuove costruzioni illegali: non si tratta di piccoli abusi, ma di grandi abusi che, messi insieme, fanno una vera e propria nuova città illegale. Potremmo chiamarla «Berlusconia», in omaggio a chi l'ha voluta e l'ha favorita: non è una delle città invisibili di Italo Calvino, ma una città di cemento e mattoni reali che sfregiano coste e parti pregiate del nostro paese.
Si tratta della sanatoria più pesante che l'Italia abbia avuto: mai prima si erano condonati abusi anche in aree protette ed a vincolo paesaggistico; mai prima d'ora si erano condonati abusi su aree demaniali. Tuttavia, il danno peggiore che si sta provocando è quello alla cultura della legalità e dell'etica pubblica, alla coscienza dei diritti e dei doveri di una comunità. È un vero e proprio veleno che si sparge sotto la pelle del paese e lo rende peggiore.
La civiltà di un paese non si costruisce solo con le buone leggi - e voi ne state facendo di cattive -, ma con i comportamenti dei cittadini, con la cultura che si stratifica nel tempo, con l'etica pubblica che si contribuisce a costruire. Con le leggi ed i messaggi devastanti che state dando agli italiani voi state rendendo peggiore il paese.
Noi abbiamo contrastato il condono edilizio e ad esso abbiamo contrapposto le nostre proposte per una corretta pianificazione del territorio, per un'efficace repressione e prevenzione dell'abusivismo, per un incentivo all'edilizia di qualità e all'edilizia legale. Per tali ragioni, non solo ribadiamo il nostro voto contrario alla proroga dei termini del condono edilizio, ma confermiamo un messaggio semplice e forte: quando il centrosinistra tornerà a governare l'Italia, finirà la stagione dei condoni. Il nostro messaggio è: mai più condoni.
[Fabrizio Vigni]




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news