LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma - Ambizioso programma di mostre alla Galleria Borghese Raffaello e un po' di Bacon
Anna Coliva
26-02-2006 IL SOLE 24 ORE DOMENICA ARTE





Il programma delle dieci mostre che si terranno alla Galleria Borghese dal 2006 al 2015, nato attorno a dieci artisti, di cui la Borghese possiede l'opera capitale.
Avevamo inaugurato questo modello d'esposizione con Bernini, una mostra pensata e allestita nel corpo stesso del museo, partendo dal suo carattere e riflettendo sulla sua identit. Era il centenario di Bernini, e si decise di svolgere in forma espositiva, nelle sale della Galleria, articolando il contesto attorno a prestiti d'eccezione, un discorso storiografico che era comunque necessario per capire i gruppi marmorei berniniani.
Di nuovo, faremo ora nel 2006 con Raffaello Sanzio, il divino artefice, cui il cardinal Borghese rivolse la sua indomita e prepotente passione fino al punto di sottrarre con la forza, nel 1607, la Deposizione di Raffaello alla chiesa di San Francesco al Prato di Perugia, per la quale era stata dipinta e che fino a quel momento la conservava.
Le ragioni, anche delittuose, della presenza del dipinto nella Galleria Borghese sono diventate ragioni indissolubili dall'opera, studiate alla pari del suo stile. Cosicch la sua presenza nel museo - e sono molti i casi analoghi nei musei italiani - divenuto un elemento di arricchimento della sua storia.
Ma quel quadro, nello stesso tempo, rinvia con una forza artistica di assoluta evidenza alla fase in cui l'esperienza fiorentina di Raffaello evolve verso un equilibrio classico, cos innovativo da rivoluzionare i suoi stessi canoni e costituire il linguaggio universale delle Stanze Vaticane. un discorso che alcune delle opere originariamente raccolte nella collezione del Cardinale Borghese, e oggi disperse nei pi diversi musei del mondo, svolgevano naturalmente, nel passato, con l'evidenza della loro domestica contiguit. E che oggi pu essere ricostruito con gli studi di storia dell'arte e con i suoi artifici dimostrativi, tra i quali la mostra il pi coinvolgente e significativo. Ma la Galleria Borghese uno scrigno interamente ricoperto di decorazione, di una personalit talmente forte che perfino lo spostamento di collocazione di un'opera provoca comunque un mutamento della fisionomia delle sue sale, dei suoi percorsi. Eppure non si pu precludere a un museo che un'eccezionalit anche nel novero della stessa categoria delle raccolte di antica fondazione aristocratica, quel progresso e quella vitalit di comprensione che derivano da una mostra, quando essa conseguenza di studi e riflessioni convincenti. N si pu precludergli quella orientata divulgazione, quel dinamismo d'intelligenza che una mostra produce nel pubblico.
La soluzione in formule espositive che nascano dalle opere stesse del museo, dalle interrogazioni che esse stesse pongono agli studi, cos come al gusto e alla curiosit dei visitatori. un tipo di mostra speciale e possibile solo in quei musei la cui storia sia cos forte da costituirne qualcosa come una personalit, anch'essa a suo modo artistica. Di musei di questo genere l'Italia possiede alcuni importantissimi esemplari, dove l'impossibilit di allestire manifestazioni non un limite ma il suggerimento per azzardare uno specifico modello che sviluppi e dia voce all'identit del luogo, assecondi le vicende e gli intenti della sua storia, si impossessi e rappresenti in quegli stessi spazi le esigenze della ricerca storica. Seguire i suggerimenti e le esigenze del luogo il contrario del l'evento costruito per intercettare e suscitare l'interesse del pubblico, proponendo soggetti sorprendenti, inattesi, sconosciuti o riproponendo miti assoluti, quasi senza terra e senza tempo.
Questo modello alternativo e in qualche modo interno alla vita e alla struttura del museo richiede di essere applicato a tutti i protagonisti artistici della Galleria. Cos, dopo Raffaello sar la volta di Canova (2007), Correggio nel 2008, Bacon-Caravaggio nel 2009, Dosso Dossi nel 2010, Tiziano nel 2011, Cranach nel 2012, Bernini-Giacometti nel 2013, Domenichino nel 2014, I Borghese e l'antico nel 2015.
Nell'intenzione, sono l'esito e la riprova conclusiva del lavoro che si svolge normalmente in un museo. Perch la tutela, la manutenzione, il restauro, la museografia, la diagnostica, la ricerca archivistica, la filologia, l'interpretazione storico critica, la divulgazione, il dibattito scientifico, insomma tutti quegli elementi che costituiscono la vita dello studioso nel museo, sono tutti strumenti propri della storia dell'arte. E sono tecniche della conoscenza che nell'atto pubblico e perfino spettacolare della mostra trovano il proprio necessario momento di divulgazione. Esistono mostre che non sono cos strettamente legate al l'evoluzione della storia dell'arte. Semplicemente si tratta di una tipologia, tra le pi diffuse, ma non pi di un specifica tipologia all'interno dell'ampio sistema delle mostre che notoriamente divenuto uno dei motori determinanti dello sviluppo della cultura, e anzi ne ha accentuato la trasformazione in un'imprenditoria. Ma al contrario, un museo dove gli strumenti della storia dell'arte non siano tutti applicati, un museo sofferente. E la mostra l'esito conclusivo dell'utilizzo completo dei mezzi del mestiere.
* Direttore della Galleria Borghese




news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news