LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tra i tesori dell'Ambrosiana spunta un Boccaccio os
Stefano Salis
Il sole 24 ore 18/2/2006

La fortuna aiuta gli audaci, si dice. Ma anche i filologi, capaci di ritrovamenti insperati quanto clamorosi. Come quello annunciato ieri alla Biblioteca Ambrosiana di Milano. Non si tratta solo di fortuna, ovviamente. Per queste scoperte ci vogliono occhi che le sappiano vedere: e questa
storia lo dimostra ampiamente. Dai ricchi fondi della biblioteca milanese saltato fuori nientemeno che un manoscritto completamente autografo di Giovanni Boccaccio. E gi cos la notizia sarebbe ghiotta Diventa gustosa quando si viene a sapere che il manoscritto in questione trasmette i celebri e osceni Epigrammi di Marziale (poeta latino morto intorno al 104 d.C).
Ma non solo: Boccaccio non si limit a copiare i versi del poeta latino. A margine, infatti, annotava le proprie emozioni con delle postille piuttosto vivaci (a un certo punto esclama: Che questo poeta sia maledetto, tale l'oscenit del testo) e faceva dei piccoli disegni, come sua abitudine. In questo codice si contano quattro eleganti schizzi, uno dei quali raffigura il poeta Seneca. A compiere la scoperta un giovane studioso della Cattolica, Marco Petoletti (33 anni), che sta eseguendo ricerche personali sulla tradizione dei classici latini presenti all'Ambrosiana.
Il filologo si imbattuto nel manoscritto una settimana fa: dapprima la grafia (un'elegante e precisa minuscola) lo ha insospettito. Assomigliava fortemente all'altro manoscritto di Boccaccio (1313-1375) custodito all'Ambrosiana (un commento di San Tonunaso all'Etica di Aristotele, firmato alla fine con l'epigrafe Ioannes de Certaldo scripsit feliciter"). Ma questo indizio non basta. Scatta allora "l'indagine poliziesca". Ed ecco che lo soccorrono le ultime tre parole del penultimo foglio, un sistema che Boccaccio usava quando doveva catalogare i suoi manoscritti. Toxica saeva gerit (ultime parole di un verso che suona come un'invettiva contro il denaro: autore Giovanni di Salisbury, accluso da Boccaccio in appendice). Coincidono con quelle che ha sotto gli occhi. la prova definitiva. Quel manoscritto dell'Ambrosiana uno di quelli che fu affidato da Boccaccio al frate Martino da Signa perch lo cedesse (dopo la sua morte) alla biblioteca degli agostiniani di S. Spirito a Firenze dove, appunto, fin la biblioteca privata dell'autore del Decameron. Il giallo risolto. Boccaccio copi il Marziale, molto probabilmente, al monastero di Montecassino, durante il suo soggiorno campano del 1362-63. Anzi. Fu Boccaccio a "scoprire" Marziale: dopo di lui, gli umanisti fecero a gara a ricopiarsi il licenzioso poeta. Ma il ritrovamento milanese sposter in maniera decisiva le nostre conoscenze sulla tradizione manoscritta di Marziale e aiuter a conoscere meglio le abitudini di Boccaccio. Altri suoi disegnini si ritrovano, per esempio, nel codice del Decameron di Berlino studiato da Vittore Branca. anche possibile che il codice sia stato ceduto per un certo tempo da Boccaccio a Petrarca. L'autore di Certaldo economicamente non se la passava benissimo e copiava manoscritti anche su commissione e spesso li prestava all'amico poeta.
La curiosit della scoperta, come ha sottolineato il prefetto dell'Ambrosiana, mons. Gianfranco Ravasi, che il manoscritto fa parte della collezione originale della Biblioteca. Ossia: era l fin dalla fondazione (nel 1609), comprato, per conto del cardinale Federico Borro-meo, da un certo signor Domenico. Ci sono voluti 400 anni per "riconoscere" il Boccaccio e l'occhio esperto di un assegnista di ricerca della Cattolica. Un suo illustre "predecessore", Angelo Mai che trov in un palinsesto il De Republca di Cicerone, fu. poi, nominato cardinale e lodato da Leopardi. Nel caso dello studioso milanese, della scuola di Giuseppe Billanovich, ci saranno pubblicazioni (la prima su Italia medioevale e umanistica) e, verosimilmente, la camera accademica. Il manoscritto era anche stato restaurato nel 2000, ma nessuno si mai accorto che era di pugno di Boccaccio. Un colpo di fortuna cos non capita tutti i giorni. Falsa modestia: oltre la fortuna, ci vuole perizia e acume. La vicenda lascia uno stimolante interrogativo: quante altre sorprese pu riservare una biblioteca vasta e per molti versi ancora inesplorata come l'Ambrosiana? Il prefetto Ravasi si congeda dal pubblico con un sorriso sornione.



news

19-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news