LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tra i tesori dell'Ambrosiana spunta un Boccaccio os
Stefano Salis
Il sole 24 ore 18/2/2006

La fortuna aiuta gli audaci, si dice. Ma anche i filologi, capaci di ritrovamenti insperati quanto clamorosi. Come quello annunciato ieri alla Biblioteca Ambrosiana di Milano. Non si tratta solo di fortuna, ovviamente. Per queste scoperte ci vogliono occhi che le sappiano vedere: e questa
storia lo dimostra ampiamente. Dai ricchi fondi della biblioteca milanese saltato fuori nientemeno che un manoscritto completamente autografo di Giovanni Boccaccio. E gi cos la notizia sarebbe ghiotta Diventa gustosa quando si viene a sapere che il manoscritto in questione trasmette i celebri e osceni Epigrammi di Marziale (poeta latino morto intorno al 104 d.C).
Ma non solo: Boccaccio non si limit a copiare i versi del poeta latino. A margine, infatti, annotava le proprie emozioni con delle postille piuttosto vivaci (a un certo punto esclama: Che questo poeta sia maledetto, tale l'oscenit del testo) e faceva dei piccoli disegni, come sua abitudine. In questo codice si contano quattro eleganti schizzi, uno dei quali raffigura il poeta Seneca. A compiere la scoperta un giovane studioso della Cattolica, Marco Petoletti (33 anni), che sta eseguendo ricerche personali sulla tradizione dei classici latini presenti all'Ambrosiana.
Il filologo si imbattuto nel manoscritto una settimana fa: dapprima la grafia (un'elegante e precisa minuscola) lo ha insospettito. Assomigliava fortemente all'altro manoscritto di Boccaccio (1313-1375) custodito all'Ambrosiana (un commento di San Tonunaso all'Etica di Aristotele, firmato alla fine con l'epigrafe Ioannes de Certaldo scripsit feliciter"). Ma questo indizio non basta. Scatta allora "l'indagine poliziesca". Ed ecco che lo soccorrono le ultime tre parole del penultimo foglio, un sistema che Boccaccio usava quando doveva catalogare i suoi manoscritti. Toxica saeva gerit (ultime parole di un verso che suona come un'invettiva contro il denaro: autore Giovanni di Salisbury, accluso da Boccaccio in appendice). Coincidono con quelle che ha sotto gli occhi. la prova definitiva. Quel manoscritto dell'Ambrosiana uno di quelli che fu affidato da Boccaccio al frate Martino da Signa perch lo cedesse (dopo la sua morte) alla biblioteca degli agostiniani di S. Spirito a Firenze dove, appunto, fin la biblioteca privata dell'autore del Decameron. Il giallo risolto. Boccaccio copi il Marziale, molto probabilmente, al monastero di Montecassino, durante il suo soggiorno campano del 1362-63. Anzi. Fu Boccaccio a "scoprire" Marziale: dopo di lui, gli umanisti fecero a gara a ricopiarsi il licenzioso poeta. Ma il ritrovamento milanese sposter in maniera decisiva le nostre conoscenze sulla tradizione manoscritta di Marziale e aiuter a conoscere meglio le abitudini di Boccaccio. Altri suoi disegnini si ritrovano, per esempio, nel codice del Decameron di Berlino studiato da Vittore Branca. anche possibile che il codice sia stato ceduto per un certo tempo da Boccaccio a Petrarca. L'autore di Certaldo economicamente non se la passava benissimo e copiava manoscritti anche su commissione e spesso li prestava all'amico poeta.
La curiosit della scoperta, come ha sottolineato il prefetto dell'Ambrosiana, mons. Gianfranco Ravasi, che il manoscritto fa parte della collezione originale della Biblioteca. Ossia: era l fin dalla fondazione (nel 1609), comprato, per conto del cardinale Federico Borro-meo, da un certo signor Domenico. Ci sono voluti 400 anni per "riconoscere" il Boccaccio e l'occhio esperto di un assegnista di ricerca della Cattolica. Un suo illustre "predecessore", Angelo Mai che trov in un palinsesto il De Republca di Cicerone, fu. poi, nominato cardinale e lodato da Leopardi. Nel caso dello studioso milanese, della scuola di Giuseppe Billanovich, ci saranno pubblicazioni (la prima su Italia medioevale e umanistica) e, verosimilmente, la camera accademica. Il manoscritto era anche stato restaurato nel 2000, ma nessuno si mai accorto che era di pugno di Boccaccio. Un colpo di fortuna cos non capita tutti i giorni. Falsa modestia: oltre la fortuna, ci vuole perizia e acume. La vicenda lascia uno stimolante interrogativo: quante altre sorprese pu riservare una biblioteca vasta e per molti versi ancora inesplorata come l'Ambrosiana? Il prefetto Ravasi si congeda dal pubblico con un sorriso sornione.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news