LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dove va il Bel Paese. Contro la riforma lo spauracchio dei musei all'americana
Ledo Prato
Il Tempo 16/11/2002

La defiscalizzazione tra i temi affrontati al Premio Impresa e Cultura di Napoli.

Si conclusa una nuova edizione del Premio Impresa e Cultura, quest'anno a Napoli, nella splendida cornice del Teatro di Corte di Palazzo Reale. Una buona occasione per tornare a parlare di rapporto pubblico-privato. D'altra parte l'edizione di quest'anno conteneva due novit importanti: la consegna del Premio ha coinciso con l'apertura della Settimana della Cultura d'Impresa, promossa da Confindustria, a cui hanno aderito dodici associazioni territoriali degli imprenditori; la scelta di Napoli, dopo i molti anni di Venezia, per sottolineare un rinnovato interesse per gli sforzi che anche
le imprese del mezzogiorno stanno compiendo nell'impegno a favore dei beni e delle attivit culturali.
Non a caso tra le imprese premiate figura un'azienda che opera nel lavoro interinale proprio nel mezzogiorno. Ma la celebrazione del Premio stata una occasione proficua per riprendere un te-
ma vecchio ma sempre attuale: la defiscalizzazione degli investimenti culturali. Con il contributo di esperienze di altri Paesi europei (soprattutto la Gran Bretagna) stato possibile un confronto ed esprimere qualche giudizio sulle norme del nostro Paese. Non stato difficile segnalare la lunga tradizione inglese in proposito e prendere atto che, anche da noi, si sta facendo lentamente qualche passo in avanti. Ad esempio l'articolo 38 della legge 342/2000 prevede che. le erogazioni liberali, nel campo dell'arte, a favore di enti e istituzioni pubbliche nonch di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute, oltre che di Stato, Regioni, Province e Comuni, possono essere dedotte dal reddito d'impresa. Recentemente il Ministro Urbani ha ampliato i campi d'intervento allo spettacolo. La legge, nella sostanza, ha stabilito un tetto alle erogazioni che, nel 2001, stato di 139,5 milioni di euro. Nel caso si fosse superato tale tetto i beneficiari avrebbero dovuto restituire allo Stato il
37% delle somme ricevute.
Questo complesso meccanismo ha scoraggiato molti enti sino a "rifiutare" le erogazioni per i delicati riflessi nella formazione dei bilanci. Il risultato che nel 2001 sono stati raccolti
solo 17 milioni di euro per iniziativa di 308 aziende. Ed proprio questa negativa esperienza che ha indotto il Ministero per i beni e le attivit culturali a concertare con i colleghi dell'Economia alcune importanti modifiche a partire dall'abolizione proprio del tetto. Durante il convegno si proceduto ad una valutazione sullo stato dei rapporti tra pubblico e privato. Segnalando l'assoluta anomalia
di un Paese nel quale il privato una volta blandito, quando si fa sponsor e non chiede niente
in cambio. Anzi in questi casi si sottolinea la sua lungimiranza sino ad attribuirgli sensibilit
proprie delle imprese pi avanzate d'Europa o degli Stati Uniti d'America. In altri casi bistrattato, sino ad assumere il carattere di soggetto di rapina, se si ipotizza un suo coinvolgimento
nella gestione del patrimonio culturale.
Schizofrenie di un Paese, o perlomeno di una parte di esso, che non ha digerito nessuna delle riforme, per quanto contraddittorie, dello Stato e della pubblica amministrazione. Che rimpiange un
modello imperniato sullo stato centrale, di tipo verticistico, e guarda con fastidio e supponenza gli altri livelli delle istituzioni pubbliche. Che si fa paladino della difesa dei diritti di tutti i cittadini ma in realt difende solo gli interessi di una casta. E in questo disegno cercano di fare annegare cambiamenti importanti che negli ultimi anni hanno consentito di aprire il nostro patrimonio a milioni di persone. Al Ministro Urbani, cos come abbiamo suggerito nel passato a Veltroni e alla Melandri, chiediamo di non rincorrere le sirene. Contraddizioni permangono. Aggiustamenti sono necessari. Ma attenti a non fare passi indietro. All'orizzonte non c' l'americanizzazione dei nostri
musei. Non era negli obiettivi di Veltroni e Melandri e non credo proprio che sia nel programma di Urbani. Il rapporto pubblico-privato un tema serio, di rilievo economico, sociale e culturale che si affronta entrando nel merito, fuori da furori ideologici. Non merita di essere brandito come uno spauracchio cui ricorrere quando fa comodo. Che la discussione continui. Ma poi si passi alle decisioni. Da Napoli giunge una richiesta chiara in questo senso.



news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news