LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dove va il Bel Paese. Contro la riforma lo spauracchio dei musei all'americana
Ledo Prato
Il Tempo 16/11/2002

La defiscalizzazione tra i temi affrontati al Premio Impresa e Cultura di Napoli.

Si conclusa una nuova edizione del Premio Impresa e Cultura, quest'anno a Napoli, nella splendida cornice del Teatro di Corte di Palazzo Reale. Una buona occasione per tornare a parlare di rapporto pubblico-privato. D'altra parte l'edizione di quest'anno conteneva due novit importanti: la consegna del Premio ha coinciso con l'apertura della Settimana della Cultura d'Impresa, promossa da Confindustria, a cui hanno aderito dodici associazioni territoriali degli imprenditori; la scelta di Napoli, dopo i molti anni di Venezia, per sottolineare un rinnovato interesse per gli sforzi che anche
le imprese del mezzogiorno stanno compiendo nell'impegno a favore dei beni e delle attivit culturali.
Non a caso tra le imprese premiate figura un'azienda che opera nel lavoro interinale proprio nel mezzogiorno. Ma la celebrazione del Premio stata una occasione proficua per riprendere un te-
ma vecchio ma sempre attuale: la defiscalizzazione degli investimenti culturali. Con il contributo di esperienze di altri Paesi europei (soprattutto la Gran Bretagna) stato possibile un confronto ed esprimere qualche giudizio sulle norme del nostro Paese. Non stato difficile segnalare la lunga tradizione inglese in proposito e prendere atto che, anche da noi, si sta facendo lentamente qualche passo in avanti. Ad esempio l'articolo 38 della legge 342/2000 prevede che. le erogazioni liberali, nel campo dell'arte, a favore di enti e istituzioni pubbliche nonch di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute, oltre che di Stato, Regioni, Province e Comuni, possono essere dedotte dal reddito d'impresa. Recentemente il Ministro Urbani ha ampliato i campi d'intervento allo spettacolo. La legge, nella sostanza, ha stabilito un tetto alle erogazioni che, nel 2001, stato di 139,5 milioni di euro. Nel caso si fosse superato tale tetto i beneficiari avrebbero dovuto restituire allo Stato il
37% delle somme ricevute.
Questo complesso meccanismo ha scoraggiato molti enti sino a "rifiutare" le erogazioni per i delicati riflessi nella formazione dei bilanci. Il risultato che nel 2001 sono stati raccolti
solo 17 milioni di euro per iniziativa di 308 aziende. Ed proprio questa negativa esperienza che ha indotto il Ministero per i beni e le attivit culturali a concertare con i colleghi dell'Economia alcune importanti modifiche a partire dall'abolizione proprio del tetto. Durante il convegno si proceduto ad una valutazione sullo stato dei rapporti tra pubblico e privato. Segnalando l'assoluta anomalia
di un Paese nel quale il privato una volta blandito, quando si fa sponsor e non chiede niente
in cambio. Anzi in questi casi si sottolinea la sua lungimiranza sino ad attribuirgli sensibilit
proprie delle imprese pi avanzate d'Europa o degli Stati Uniti d'America. In altri casi bistrattato, sino ad assumere il carattere di soggetto di rapina, se si ipotizza un suo coinvolgimento
nella gestione del patrimonio culturale.
Schizofrenie di un Paese, o perlomeno di una parte di esso, che non ha digerito nessuna delle riforme, per quanto contraddittorie, dello Stato e della pubblica amministrazione. Che rimpiange un
modello imperniato sullo stato centrale, di tipo verticistico, e guarda con fastidio e supponenza gli altri livelli delle istituzioni pubbliche. Che si fa paladino della difesa dei diritti di tutti i cittadini ma in realt difende solo gli interessi di una casta. E in questo disegno cercano di fare annegare cambiamenti importanti che negli ultimi anni hanno consentito di aprire il nostro patrimonio a milioni di persone. Al Ministro Urbani, cos come abbiamo suggerito nel passato a Veltroni e alla Melandri, chiediamo di non rincorrere le sirene. Contraddizioni permangono. Aggiustamenti sono necessari. Ma attenti a non fare passi indietro. All'orizzonte non c' l'americanizzazione dei nostri
musei. Non era negli obiettivi di Veltroni e Melandri e non credo proprio che sia nel programma di Urbani. Il rapporto pubblico-privato un tema serio, di rilievo economico, sociale e culturale che si affronta entrando nel merito, fuori da furori ideologici. Non merita di essere brandito come uno spauracchio cui ricorrere quando fa comodo. Che la discussione continui. Ma poi si passi alle decisioni. Da Napoli giunge una richiesta chiara in questo senso.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news