LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali, la devolution fa male
Irene Berling
09/02/2006 L'Unit


In questo clima pre-elezioni, uno dei temi pi gettonati sembrano essere i beni culturali; e se questo non pu che far piacere agli addetti ai lavori, dallaltra parte - vista la situazione che dai pi stata definita orrenda, per esempio proprio su queste pagine da Vittorio Emiliani o da Salvatore Settis su La Repubblica - forte la volont dei tecnici di poter contribuire e dare un apporto. Cos come forte lo sconcerto nel leggere bozze di programmi sul tema da parte dellUnione o di formazioni politiche al suo interno, come la Margherita, che non sembrano poter incidere per la loro genericit e che soprattutto non sono nel solco di una decisa inversione di tendenza rispetto alle politiche fin qui attuate.
Si prevede ovviamente lincremento del settore finanziamenti, e non si possono tacere su questo versante tutte le azioni poste in essere dal governo di centro sinistra, ministri Veltroni e Melandri, grazie a cui seguirono numerose aperture o riaperture di aree importanti, come la Domus aurea o l'attenzione riservata al prolungamento di apertura di vari musei, che oggi solo la volont ferrea di molti soprintendenti tiene ancora aperti, con lo scopo precipuo di non arrendersi ad eventuali detrattori del sistema statale (a proposito, tra i tagli di fine anno da annoverarsi anche la diaria per le missioni ai tecnici che controllano il territorio, circa 0,20 euro l'ora, 6 euro giornalieri, un bel risparmio, non c' che dire...).
Per quanto riguarda invece il sistema Beni culturali, l'unica ricetta che viene rispolverata e in maniera anche imprecisa il passaggio della tutela alle Regioni, immemori del disastro Sicilia.
Ma vogliamo soffermarci un attimo sull'altro esempio negativo, cio il paesaggio in sub-delega agli enti locali e allo scempio cui si assiste impotenti del nostro territorio? E non vi sono sistemi di controllo che tengano, cos come si propone che vengano istituiti per la tutela; tre esempi per tutti, i piani paesaggistici di Campania, Lombardia e il caso recentissimo del Lazio, dove, grazie ad uno stravolgimento legislativo avvenuto nella gestione appena trascorsa, sarebbe stato possibile costruire davanti alla linea di costa marina, sopra i 1200 metri nelle aree boschive, per intenderci sul Terminillo, e per le aree archeologiche diffuse nel paesaggio storico dell'agro romano sarebbe stato necessario il vincolo statale, giustappunto, perch non tutelate ope legis. E non si pu tacere, sempre per rimanere in tema di enti locali, sulla scelta di porre in vendita a Roma il Poligrafico dello Stato, che da solo avrebbe risolto gran parte dei problemi espositivi nella Capitale, tanto da poterne diventare un piccolo Beaubourg, e l'Istituto Geologico, destinati a funzioni commerciali.
Vanno certamente salvaguardate le autonomie locali, ma in sinergia con la struttura statale, convergendo con finanziamenti e piani di intervento per obiettivi e contemporaneamente sciogliendo il nodo creato dalla modifica del titolo V della Costituzione, che divide artificiosamente la tutela dalla valorizzazione, in collaborazione con le Soprintendenze territoriali. Come non bastasse - ed per questo che la ricetta imprecisa - viene prevista la delega delle funzioni di tutela alle Universit, in un minestrone di stampo elettorale. Ora, evidente e necessario che il sistema universitario sia strettamente legato a quello dei beni culturali, non solo per la formazione, ma anche per tutte le funzioni legate agli studi e ricerche, dagli scavi all'elaborazione dei dati, anche digitali, e guai se non fosse cos; non sono in pochi a rimpiangere di non essere nel comparto ricerca, piuttosto che nel comparto Stato, proprio per l'affinit e per l'interscambio continuo tra i due settori. Ma come si svolgerebbe questo scenario, non dato sapere e riesce difficile perfino immaginarlo.
Nello stesso tempo, da pi parti viene avanzata l'ipotesi di unione tra Beni culturali e Turismo, come viene prefigurato nel recente articolo su queste stesse pagine dell'On le Melandri, ex ministro dei Beni culturali e a cui si deve un regolamento sulla vendita dei beni storico-artistici di propriet demaniale, mai tanto rimpianto. palese che le attribuzioni in materia di spettacolo, sport e impiantistica sportiva, risalenti al 1998, ministro Veltroni, invece che potenziare la struttura del Ministero per i beni e le attivit culturali, l'abbiano resa pesante, senza che a ci siano corrisposti finanziamenti adeguati, impoverendo perci ulteriormente i settori corrispondenti. Per quanto riguarda il turismo, i due settori sono diversificati: anche se da uno discende la fortuna dell'altro, ambedue necessitano di finanziamenti appropriati, oltre che di una gestione centralizzata. Anche il turismo infatti oggi decentrato in maniera, oserei dire, insensata, quando invece una delle nostre maggiori risorse dovrebbe giovarsi di direttive a livello nazionale, cos come i beni culturali, e i risultati si vedono nelle statistiche dei visitatori. Sembrerebbe pi giusto, semmai, tornare a parlare di beni culturali e ambientali, di stampo spadoliniano, in quanto strettamente connessi; in breve, siamo nella sfera della tutela del territorio, che pu essere garantita solo da una efficace politica di scelte in sinergia con gli enti territoriali.

*Presidente Assotecnici, IRENE Berling



news

13-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news