LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un grande museo delle forze armate per conoscere meglio la nostra storia
Ettore Gentili
Secolo d'Italia 3/5/2003

A Roma c un pezzo di storia di cui si continua ad ignorare l'importanza ed il suo fondamentale apporto nella crescita culturale della nazione. Si tratta della storia militare e dei relativi musei che ne custodiscono i reperti, testimoniandone l'evoluzione dall'Unit d'Italia ad oggi. Si tratta di ben sei raccolte suddivise in autonomi spazi direttamente gestiti dalle singole armi che cos come sono concepiti oggi non riescono ad attirare l'interesse del grande pubblico ed a raccogliere un numero sufficiente di visitatori. D'altro canto sono ancora in ottimo stato di conservazione e perlopi funzionanti i fortini militari che costituivano la corona difensiva della capitale in caso di assedio dall'esterno. evidente che si tratta di strutture strategicamente superate e inadatte anche allattuale uso di caserme.
La storia militare italiana parte importante della nostra cultura: sia per l'innovazione tecnologica che ha prodotto, ad esempio nei comparti della meccanica dei trasporti, nell'elettronica delle teletrasmissioni o nellingegneria infrastrutturale, sia per quanto riguarda la conoscenza diretta delle vicende storiche, di cui i conflitti bellici e la gestione dell'ordine pubblico costituiscono da sempre un fattore decisivo.
Le trasformazioni che il nostro paese sta compiendo con il superamento dell'esercito di leva, insieme al sempre crescente impegno delle nostre forze armate nelle missioni di pace all'estero, meritano la creazione di un luogo che possa raccogliere la testimonianza del lungo percorso compiuto. Sarebbe infatti auspicabile poter studiare in sito (e cio proprio all'interno di uno dei fortini ottocenteschi, veri e propri monumenti dell'ingegneria militare), i centocinquant'anni di storia della difesa italiana: dalla preparazione della seconda guerra d'Indipendenza, alla riorganizzazione dell'esercito nazionale, dalla partecipazione ai conflitti mondiali, all'adesione nel Patto Atlantico ed alla continua preparazione ed innovazione di uomini e mezzi per gli attuali compiti di antiterrorismo.
Proprio in questi giorni il decreto Tremonti ha imposto la vendita di una parte del patrimonio edilizio del ministro della Difesa, per cui mantenere dei piccoli e semisconosciuti musei dell'Arma dei carabinieri, dei bersaglieri, del genio e della motorizzazione militare, dei paracadutisti e degli alpini, rappresenta soltanto un onere per l'immobilizzo di sedi e personale, mentre attraverso l'allestimento di un grande museo storico delle Forze armate italiane si aiuterebbero soprattutto i giovani a far conoscere ed amare una delle componenti pi significative della storia italiana che sta arricchendosi di interessanti ed innovativi sviluppi.






news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news