LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nuova cultura senza un'idea. Le attese (deluse) di un cambiamento
Ernesto Galli Della Loggia
Corriere della Sera 03/11/2002

In pochi altri campi come in quelli della scuola e della cultura la destra era
attesa alla prova del governo. Perch l' istruzione ha rappresentato uno dei
territori dove pi forte si fatta sentire la grande trasformazione degli anni
Sessanta; e a molti sembra necessario da tempo un ripensamento profondo di
troppi esperimenti finiti nel nulla; perch nell' Italia repubblicana,
storicamente, uomini, cose e istituzioni della cultura si sono identificati per
decenni con posizioni di sinistra e viceversa; e infine perch ancora oggi pi
che mai la vitalit di uno schieramento politico testimoniata anche dalla sua
capacit di identificarsi con idee-forza, di rappresentare valori collettivi.
Come si sarebbe mossa dunque la destra di governo ? Quali contenuti nuovi
avrebbe adottato? Che cosa avrebbe fatto? A tutt' oggi mi pare che il bilancio
si riduca al pi classico buco nell' acqua. Alla testa dell' istruzione, della
cultura e delle Rai-tv, il trio Moratti-Urbani-Baldassarre ha infatti finora
brillato per inconcludenza ed evanescenza, per l' assenza dal dibattito pubblico
sui molti temi di cui pure le rispettive cariche avrebbero obbligato ciascuno di
loro a occuparsi. Alla guida dell' istruzione, Letizia Moratti si fin qui pro
dotta solo in provvedimenti secondari di tipo tecnico-organizzativo. Magari
utili, ma dalla destra ci si poteva attendere che il suo ministro si sentisse in
dovere di cimentarsi con almeno una delle grandi questioni di merito che stanno
minacciando di mandare in polvere l' idea stessa di scuola e di universit: il
rapporto delle giovani generazioni con il lascito culturale del passato, la
subordinazione soffocante del sapere scolastico-universitario al mondo del
lavoro e all' attualit, il dilagare nei programmi di un eclettico
enciclopedismo, la liceizzazione degli studi universitari e i risultati negativi
dell' autonomia degli atenei. Ma su neppure una di tali questioni la Moratti si
spesa, tutta corazzata com' nel suo compassato managerialismo. Nel campo
affidatole non riuscita a comunicare al Paese il senso di alcuna novit, di
alcuna svolta. Non diverso il caso del ministro Urbani: un po' di compitini
istituzionali, una nomina l, una mostra l, ma nel complesso nulla mai d'
importante, mai nulla che abbia toccato davvero un nervo della nostra situazione
culturale, della sua tormentatissima vicenda storica, del suo cos ampio
rapporto con il mondo. Mai un' iniziativa davvero nuova: se non quella,
sciaguratissima, sulle ventilate alienazioni del nostro patrimonio culturale.
Soprattutto, come per la Moratti, mai una passione, un' emozione, mai insomma la
cultura e la politica, e sempre, invece, e parlo dei casi migliori, la pi
burocratica delle routine. questo ci che sa fare la destra? E proprio in un
ambito dove per anni i suoi avversari sono stati accusati - non a torto - di
aver esercitato un soffocante predominio? la gestione Rai di Antonio
Baldassarre quello che la destra sa mettere in campo per quanto riguarda l'
intrattenimento e la cultura di massa? Vale a dire una programmazione soffocata
dall' ovvio, dalla volgarit, da canovacci vecchi di decenni, con la qualit
ridotta in spazi sempre pi marginali? Ci che soprattutto colpisce
negativamente nella politica governativa dell' istruzione e della cultura da
un lato l' insensibilit ai valori in gioco, all' importanza delle scelte, al
loro spessore storico; e dall' altro l' assenza di un' idea generale del Paese,
del ruolo che esso ha avuto, delle sue vocazioni, delle sue risorse. Insomma,
specie in un campo come questo, dove sarebbe possibile ottenere con mezzi
relativamente modesti risultati di forte significato politico-simbolico, e
quindi di notevole impatto pubblico, fanno difetto l' ispirazione, la voglia di
fare, la qualit delle persone. E qui come in molti altri casi il presidente del
Consiglio non sembra darsene troppo pensiero.

http://pacs.unica.it/rassegna/rassegna111002.txt


news

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

12-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 12 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news