LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cacciari frena sul Moses: ecco i progetti alternativi
Marisa Fumagalli
CORRIERE DELLA SERA, 25 luglio 2006




Il sindaco: voglio che siano chiare le ragioni del ripensamento. Venezia, documento della giunta con “soluzioni meno costose”

IL COSTO DELL'OPERA
Il Mose costerà 4,2 miliardi di euro Sono stati già finanziati 1,198 miliardi e, di questi, 910 sono stati già spesi

VENEZIA — «A me interessa soprattutto che vengano chiariti i motivi del ripensamento. Che le mie osservazioni sul Mose siano messe nero su bianco — dice Massimo Cacciai! —. Poi, decida il governo il da farsi».
Il prossimo governo, viste le imminenti elezioni. Il sindaco di Venezia pare comunque soddisfatto per aver incassato il parere unanime della Giunta sul documento sulla salvaguardia, nel quale il primo cittadino non risparmia critiche al progetto del Mose, suggerendone anche la revisione, sulla base dì studi alternativi: un ventaglio di proposte, con soluzioni più semplici, meno impattanti e meno costose,- per la difesa della città dalle acque alte. Ma il Mose — la cui «taumaturgica» parola con annesse polemiche accompagna veneziani (e non) da qualche decennio — non è già in fase di cantiere? «Le opere complementari e gli interventi propedeutici sono conclusi — spiegano i dirigenti del Consorzio Venezia Nuova —. Ora siamo alla struttura vera e propria. Il 21 per cento della costruzione è realizzato». Tutto da buttare? No. Nelle parole del sindaco, la soluzione alternativa dovrebbe essere «compatibile con l'avanzamento dei lavori».
I numeri del Consorzio: costo dell'opera 4,2 miliardi di euro; finanziati 1,198 miliardi e di questi impegnati o già spesi 910. «Ma c'è dell'altro. Si prevede che i costi di gestione saranno enormi — sottolinea Laura Fincato, assessore all'Ambiente —. I quattrini per Venezia verranno interamente prosciugati dal Mose. Occorre riflettere anche su questo. A proposito delle questioni tecniche, invece, andrei più cauta. Ho detto sì all'ordine del giorno del sindaco: ma non sono così sicura che i suoi esperti abbiano più argomenti rispetto a quelli del Consorzio».
La storia del Mose assomiglia al Monopoli: arrivati a una certa casella, si torna al punto di partenza. È vero che Massimo Cacciali non ha mai mostrato grande entusiasmo per il progetto delle paratìe mobili (molti ricordano la sua vecchia battuta «C'è l'acqua alta? Veneziani, mettetevi gli stivali»), pur nell’alternarsi di caute aperture. Al Consorzio Venezia Nuova, per esempio, si sostiene che, durante l'ultima campagna elettorale (quella che vide la sfida tra il pm Casson e il filosofo, gli amici-nemici), Cacciari tenesse un atteggiamento interlocutorio; ora il sindaco sembrerebbe più critico. Motivi di opportunità politica? «In verità, Massimo ha sempre nutrito molti dubbi», nota Paolo Costa, ex sindaco di Venezia, fautore dichiarato del Mose. Aggiunge: «Il progetto fu approvato definitivamente, con l'aggiunta di una serie di prescrizioni, sancite dal Consiglio comunale nell'aprile del 2003. Che non mettevano in discussione il Mose. Indicavano piuttosto interventi complementari, vincolanti. Mi sfugge il senso della Commissione istituita da Cacciari, composta da persone contro. Per fare che? I progetti alternativi andavano valutati in passato, non oggi. Se l'obiettivo finale è quello di introdurre qualche miglioramento, sta bene. Se si tratta di arrestare l'opera, allora è una follia».
Continua Costa: «Non sono neppure d'accordo sulla questione dei finanziamenti. Gli stessi quattrini erogati per un grande progetto, certo non verrebbero stanziati per altro. Penso, al contrario, che il Mose potrebbe fare da traino anche economico». Conclude, con un monito: «Non si sacrifichino alla politica gli interessi della città».



COME SALVARE VENEZIA
La giunta di Massimo Cacciari ha prodotto un'ordine del giorno sul tema della salvaguardia di Venezia e della sua laguna che prospetta soluzioni alternative al Mose e compatibili con lo stato di avanzamento dei lavori

Che cos’è il “Mose”
Il Mose, Modulo Sperimentale Elettromeccanico, è un sistema di paratoie mobili pensate per difendere Venezia dall’acqua alta chiudento temporaneamente le tre bocche di porto (Lido, Malamocco e Chioggia). Il progetto, che comprende anche la creazione di scogliere e il rialzo delle rive, dovrebbe chiudersi nel 2011-2012
Come funziona
Le paratoie alle tre bocche di porto della laguna si sollevano quando è prevista una marea superiore ai 110 cm. E ne bloccano il flusso

LE ALTERNATIVE
PARATOIE A GRAVITA'
Paratoie non fisse ma affondate, che invece di alzarsi contro la corrente sono girate dalla parte opposta e si fanno «tirare su». La loro presenza è stagionale
PERLA
Una nuova stazione marittima galleggiante alla Bocca del Lido la libererebbe dal vincolo portuale: si stima di abbassare ii livello della marea di 20 centimetri
ARCA
Bocche chiuse con cassoni autoaffondanti i lungi 120 metri ancorati a pali temporanei, prevede chiusure diverse a seconda i dei livelli di marea
DOGE
Al posto di elementi metallici, si pensa a un «salsicciotto» di gomma che si gonfi di aria o acqua: è formato da numerosi moduli e consente ampia «flessibilità di chiusura»
NAVI PORTA
Con l'alta marea le navi, che all'inizio dell'inverno vengono disposte perpendicolarmente all'apertura della bocca, ruotano intorno a
«piloni-stipiti” fissati che le affondano
SERVIZI TECNICI
Bocca del Lido attrezzata con paratoia e una diga di 10 km a metà laguna, che isolerebbe Venezia e a difende anche dall'inquinamento di Porto Marghera



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news