LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Museo Egizio di Torino - San Paolo, assegno da 41 milioni
Laura Carcano
Il Sole 24 ore 26-10-2005 NORDOVEST CULTURA - TEMPO LIBERO





MECENATISMO NORDOVEST - La Compagnia nel 2005 ha investito il 9 per cento in pi per l'arte e la cultura

In febbraio sar finanziata una mostra dedicata al Papiro di Artemidoro per sostenere il Museo Egizio di Torino


Nell'attuale crisi della finanza pubblica, dalla Compagnia di San Paolo arriva ossigeno per la cultura. Soprattutto in Piemonte e al Nord-Ovest, dove la fondazione metter in campo, in quattro anni, sino al 2008, circa 500 milioni per finanziare, oltre alla ricerca, la formazione, le attivit nell'assistenza e nella sanit, anche interventi a favore dei beni culturali e dell'arte.
La logica quella che ha portato finora a investire nei circuiti: in quello dei Musei del centro storico a Torino, ad esempio, progetto nell'ambito del quale rientra il restauro in corso della facciata e dello scalone di Palazzo Carignano. O di Genova, dove per arte e cultura la fondazione ha stanziato 24 milioni dal '98 al 2005: la Compagnia, in particolare, ha sostenuto la riqualificazione urbana del centro storico medioevale della citt e, in occasione di Genova Capitale della cultura 2004, ha finanziato il restauro della Strada Nuova e dei suoi Musei (Palazzo Rosso, Palazzo Bianco, Palazzo Doria Tursi).
La Compagnia affronter, con altri soggetti, la ristrutturazione e il riallestimento del Museo Egizio, un'operazione da 50 milioni, di cui ha gi garantito la met delle risorse. Una sfida - annuncia Dario Disegni, responsabile Arte, cultura e beni ambientali della Compagnia di San Paolo - che ci vede impegnati direttamente nella gestione della Fondazione Museo antichit Egizie. Un primo lancio avverr a febbraio 2006, a Torino, a Palazzo Bricherasio, con una grande mostra che poi approder in Europa e negli Stati Uniti, dedicata al prezioso "Papiro di Artemidoro", che abbiamo acquisito proprio per l'Egizio. Per la Compagnia, investire in formazione e ricerca risulta strategico anche per una cultura che consolidi competenze "durevoli" sul territorio. Attraverso la Fondazione per l'arte, ente strumentale, che dar vita nel 2006 a un centro di studi e di documentazione specialistico sul Barocco a Venaria - spiega Disegni - contribuiremo a migliorare i modelli di gestione dei beni museali e culturali nell'area. Anche il Centro per la conservazione e il restauro di Venaria Reale diventer sempre pi un riferimento per il Nord-Ovest.
Il Documento programmatico pluriennale 2005-2008, che determina strategie, programmi e strumenti operativi - recentemente presentato - indica che la Compagnia di San Paolo destiner il 30% delle risorse all'arte, alla cultura e ai beni ambientali. E investir fortemente su Torino Capitale mondiale del libro e sul rilancio del Museo Egizio. Lo stanziamento di 132 milioni dell'esercizio 2004 ha sostenuto 721 iniziative, collocando la fondazione tra le prime sei in Europa. Il budget 2005 dovrebbe aggirarsi sui 134,73 milioni, 41 dei quali per il settore beni e attivit culturali e arte (erano 38 nelle linee programmatiche per l'anno in corso). Investimenti in crescita del 9,3% rispetto al 2004 (37,5 milioni). Risorse destinate a diventare quasi 43 nel 2006. La crescita della capacit di spesa stata costante: molto rapida tra il 1993 e il 2000, significativa, ma pi contenuta, tra il 2000 e il 2005. Negli ultimi anni la nostra fondazione - spiega il segretario generale Piero Gastaldo - ha raggiunto un livello di spesa di assoluta rilevanza, sostenibile nel lungo termine in quanto compatibile con il mantenimento del valore reale del patrimonio, passibile di miglioramenti ma, nelle attuali condizioni macroeconomiche, non destinato a crescere in modo particolarmente significativo. Insomma, uno scenario di stabilit. Nei prossimi quattro anni - continua Gastaldo - agiremo su ricerca e innovazione come fattori precompetitivi e ci focalizzeremo sui nostri diversi enti strumentali, come il SiTi, Istituto superiore sui sistemi territoriali, che la Compagnia ha contribuito a far nascere, favorendone la "cooperazione orizzontale" con altre realt italiane ed europee.
Dal Documento programmatico 2001-2004 emergono equilibri relativamente stabili tra le grandi aree tematiche in cui, a partire dal 2001, articolata l'attivit istitizionale. Il blocco ricerca-istruzione-sanit, ha inciso per circa il 50% sul totale delle risorse. In questi anni - spiega Dario Disegni - strategica stata per anche l'attenzione alla dimensione qualitativa dello sviluppo. All'arte, alla cultura e ai beni ambientali, fattori di sviluppo economico, andato in media circa il 30% delle erogazioni. Dai 31 milioni del 2001 si arrivati ai 41 previsti nel 2005. L'impegno della Compagnia, pur non potendo compensare la carenza di fondi pubblici, vuole contribuire a dare certezza, come agli altri, anche a questo settore, su cui si investito negli anni passati. Il restante 20% dei contributi andato alle politiche sociali. Equilibri - fa sapere la fondazione ex bancaria - che potrebbero essere confermati anche nella fase che si apre, quella relativa alla programmazione 2005-2008.






news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news