LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Che confusione al Museo Egizio
Salvatore Settis
La Repubblica 18/01/2006

Si aggrava ogni giorno che passa la penosa commedia degli equivoci del Museo Egizio di Torino. Il ministro Buttiglione ha dichiarato a Rai Tre (nella trasmissione di Corrado Augias Cominciamo bene del 9 gennaio) che il patrimonio del Museo stato conferito all'apposita fondazione il 19 dicembre scorso; la stessa cosa ripete Alain Elkann sulla Repubblica di ieri. Dato che il ministro ed Elkann (presidente della Fondazione Egizio) sono i firmatari dell'accordo, siamo tentati di prenderli sul serio. Ma l'atto convenzionale del 19 dicembre, ahiloro, dice tutt'altro, e cio (artt. 3 e 5}che il "conferimento", avverr in futuro, previa ricognizione inventariale dei beni ai sensi del regio decreto n. 1917/1927, e che il Ministero si impegna a redigere distinti verbali di consegna dei beni da conferire in uso alla Fondazione. Solo a ricognizione inventariale conclusa, il Ministero proceder alla formale consegna dei beni. In altri termini: non si d conferimento senza consegna dei beni, e non si d consegna dei beni senza ricognizione inventariale e relativo verbale. Tutto il resto (a seconda dei punti di vista) un pio desiderio o un bluff. Insomma, cominciamo male.
Elkann dice anche che il Consiglio Scientifico della Fondazione ha dato il suo parere favorevole alla nomina del nuovo direttore del Museo. Anche questo non esatto: come risulta dalle cronache di Marina Paglieri su Repubblica e di Maurizio Lupo sulla Stampa del 12 maggio 2005, la scelta del nuovo direttore stata fatta dal Consiglio di Amministrazione (dove non siede nemmeno un egittologo), e il Consiglio scientifico, presieduto da Edda Bresciani e composto da altri esperti di prim'ordine, ha appreso la nomina dai giornali. Il Museo Egizio ha un nuovo direttore di fama internazionale, ha annunciato il presidente della Provincia Saitta all'uscita del Consiglio di Amministrazione della Fondazione, scrive Lupo, forse gi domani la decisione sar sottoposta al Consiglio scientifico. Prima decidere, poi annunciare alla stampa, infine consultare il Consiglio scientifico: Alain Elkann sa molto meglio di me che questa sequenza esattamente l'incontrario di ogni best practice internazionalmente consolidata. Non ho nessuna ragione di dubitare delle credenziali del nuovo direttore dell'Egizio: ma pi esse sono alte, pi era opportuno che a riconoscerlo fossero in primis gli egittologi. Purtroppo non tutto qui. Mario Turetta, che da capo della segreteria del ministro Urbani diventato direttore regionale ai Beni culturali del Piemonte, ha emanato il 12 gennaio un ordine di servizio secondo il quale l'intero personale dell'Egizio, pur continuando a dipendere organicamente dal Ministero, posto funzionalmente alle dipendenze della Fondazione, la quale avr cura di determinare autonomamente l'organizzazione operativa, nell'ambito, tuttavia, degli istituti di stato giuridico del personale ministeriale; e ci in attesa di arrivare a uno specifico protocollo d'intesa, che stabilir l'assetto giuridico ed economico del personale. Questo pasticciato provvedimento non solo di legittimit quanto meno dubbia, ma viola in modo flagrante il contratto di servizio del 19 dicembre scorso, secondo cui il protocollo d'intesa Ministero-Fondazione deve avvenire prima del trasferimento del personale, e inoltre richiede il consenso del personale stesso. C' poco da stupirsi che il sindacato Uil abbia gi denunciato l'ordine di servizio alla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti. Questi contorcimenti e stravolgimenti sono dolorosi, specialmente perch rischiano di vanificare a Torino le importanti disponibilit manifestate in sede locale (Fondazioni San Paolo e Cassa di Risparmio), e di affossare nel Paese ogni idea di Fondazione museale. Le fondazioni museali, bisogna riconoscerlo, sono nate male, con una legge Veltroni del 1998 e un regolamento Urbani del 2001 che prevedono un vago "conferimento in uso" dei musei a fondazioni di diritto privato. Si cos favoritala confusione fra due modelli opposti, quello (virtuoso) dei privati che concorrono al buon funzionamento dei musei e quello (perverso) del museo-azienda che (recita un documento dello scorso novembre distribuito dalla presidenza del Consiglio e poi prontamente sconfessato) deve produrre il reddito necessario a sostenere conservazione e fruizione. Meglio sarebbe stato (e sarebbe ancora) non intorbidare le acque, e concepire le fondazioni museali in parallelo alle strutture pubbliche di tutela e non, invece, come sovraordinate ad esse, con l'inevitabile conflitto fra amministratori e tecnici che ne consegue. Se organizzate in modo opportuno, le fondazioni museali possono essere una straordinaria occasione per canalizzare non solo donazioni private, ma anche contributi di idee e di progetti. In questa partita importante e delicata il primo esperimento, quello del Museo Egizio, andava affrontato con alta competenza e pieno rispetto delle regole istituzionali e dei diritti del personale, e non girando a vuoto con frettoloso e approssimativo decisionismo.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news