LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA: In vendita i beni della Difesa
Gianluigi Cancelli
23/06/2005 Il Secolo XIX


Venticinque siti all'incanto. Numerose costruzioni e aree sono destinate a scopi pubblici da anni
Caserme, forti, poligoni. Perfino un'ex base Nato e lo stadio Picco della Spezia Polemica la Regione: un assurdo riservare l'acquisto soltanto ai privati


Il ministero della Difesa mette in vendita, per ragioni di bilancio, alcuni tra i pi importanti "gioielli" di famiglia.
Caserme, forti, poligoni di tiro ed ex aree militari situate lungo l'intera penisola, che in molti casi si trovano in aree strategiche e a dir poco "appetite" dal mercato immobiliare. Come ad esempio, per quanto riguarda la Liguria, lo stadio "Picco" della Spezia, una serie di immobili e terreni a Portovenere e sull'isola Palmaria, la caserma Crespi di Savona, l'ex base della Nato a Calice e ancora le caserme Turinetto di Albenga e Camandone di Diano Castello. Propriet che, come previsto dalla Finanziaria 2005, potranno essere acquistate solamente dai privati. In questo modo - denuncia l'assessore alla pianificazione territoriale e urbanistica della Regione, Carlo Ruggeri - la cessione di beni dello Stato non pi utili alla Difesa si traduce in un impoverimento delle comunit locali, invece che diventare un possibile incremento di risorse per le pubbliche amministrazioni.
Per quanto riguarda le propriet che il ministero della Difesa ha in Liguria, quelle messe in vendita sono venticinque. A Genova l'elenco comprende l'ex magazzino foraggi, la caserma Gavoglio, l'ex forte Castellaccio e l'ex osservatorio di Oregina. Alla Spezia e dintorni saranno messi in vendita una base logistica, l'area dove sorge lo stadio Picco, il complesso ex Mardichi, l'ex forte Planelloni, il complesso immobiliare per la fusione di tritolo Valdilocchi di Pagliari, la fortificazione-poligono, l'ex casa cantoniera e l'ex forte Pezzino Alto di Portovenere, il complesso immobiliare, le fortificazioni e i terreni annessi dell'isola Palmaria, la base logistica di Valdilocchi e l'ex batteria Monte Bastia a Vezzano Ligure.
Per quanto riguarda invece il ponente ligure, nel savonese la vendita riguarda la caserma Turinetto, il magazzino demaniale di via Piave e l'area del poligono di tiro di Campochiesa ad Albenga, l'ex base Nato Scatter di Calice, il forte centrale di Calizzano-Magliolo sul colle del Melogno, l'ex forte Bruciato di Pontinvrea-Stella e la caserma Crespi di Savona. Nell'imperiese, infine, verranno alienati la caserma Camandone di Diano Castello e il magazzino del Genio ad Imperia.
Contro il decreto che prevede la vendita di questa serie di propriet del ministero della Difesa ai privati, si subito schierato l'assessore regionale Carlo Ruggeri. Il programma di dismissione contenuto nel decreto ministeriale - spiega l'assessore - prevede l'alienazione di beni per molti dei quali esiste da tempo un forte interesse pubblico, gi reso noto dagli enti locali che per alcuni avevano richiesto l'acquisto ai sensi dell'articolo 80 della Finanziaria 2004. Il programma di dismissioni prevede ora che gli acquirenti possano essere solo dei privati, un assurdo. Bisogner trovare una soluzione per consentire ai comuni di poter accedere all'acquisizione di questi beni, molti dei quali gi utilizzati a scopi pubblici da anni. Quanto meno la Regione Liguria chieder, oltre a un serio confronto con il governo, che venga ripristinato il diritto di prelazione, gi previsto dalla legge 662 del 1996.





news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news