LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA: Piano paesaggistico. Poco spazio agli enti locali
Marcello Zasso
06/01/2006, Il Giornale di Sardegna


«La tabella di marcia proposta dalla Giunta pecca di centralismo» Asel all'attacco


I Comuni non ci stanno e chiedono alla Giunta regionale più tempo per discutere il piano paesaggistico. La tabella di marcia fissata dalla Regione non lascia molto spazio agli enti locali. Le convocazioni di sindaci e presidenti delle province sono state fissate a partire da lunedì e si concluderanno il 16 febbraio.

OGNI RAPPRESENTANTE av r à solo cinque minuti a disposizione per “co-pianificare”, con rito abbreviato, il nuovo piano presentato dalla Regione. E per farlo, sindaci e presidenti dovranno raggiungere Cagliari, perché solo lì saranno ascoltati da mamma Regione. Michele Cossa, deputato del gruppo misto eletto tra i Riformatori, ha radunato ieri oltre trenta sindaci iscritti all’Asel, l’associazione degli enti locali di cui è presidente. «La Regione sta procedendo troppo in fretta, i tempi concessi agli enti locali non sono sufficienti », denuncia il deputato. «Parlano di co-pianificazione, ma quella messa in atto della Giunta è solo pianificazione centrale».

Il presidente dell’Asel critica duramente l’atteggiamento della Regione «che, nei confronti dello Stato, rivendica la propria autonomia ma poi si dimostra fortemente centralista». L’Asel chiede di rinviare gli incontri o, in alternativa, rivolge l’invito ai comuni costieri a disertare le convocazioni o a considerarle incontri interlocutori, non defi n i t i v i . Anche dal Consiglio regionale si levano critiche ai tempi rapidi proposti dalla Giunta. Secondo Luciano Uras (Prc) il modo in cui sono stati fissati gli incontri «rischia di essere un rituale di consultazione sterile e burocratico», e propone che le riunioni previste abbiano «una funzione di illustrazione preliminare, finalizzata a chiarire gli obiettivi fondamentali della proposta». Per Uras il confronto con la Regione deve essere svolto in due tempi per «dare la possibilità a Amministrazioni provinciali e comunali, sindacati, associazioni dell’impresa, associazioni culturali, ecologiste ed ambientali di approfondire la documentazione ». La proposta di Maria Grazia Caligaris, della Rosa nel pugno, è di ritardare gli incontri. «Rimandare di dieci giorni l’avvio della consultazione permetterebbe di ottenere risultati più soddisfacente per tutti», sostiene la consigliera socialista. «Ci vorrebbe una gestione del tempo meno condizionata dal cronometro».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news