LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le maginifiche citt dell'Unesco
PINELLA LEOCATA
Sicilia Catania 04-GEN-2006

II piano di gestione degli 8 centri del Val di Noto dichiarati patrimonio dell'umanit

La festa di Sant'Agata patrimonio dell'umanit. I catanesi lo pensano da sempre, ma a dirlo, adesso, l'Unesco che ha inserito i festeggiamenti patronali tra i beni etnoantropologici tutelati cos come i monumenti, i beni culturali e paesaggistici delle citt tardo barocche del Val di Noto. Si tratta di otto citt: Noto, Palazzolo Acreide, Scicli, Modica, Ragusa, Militello Val di Catania, Caltagirone e Catania. Centri rasi al suolo dal terribile terremoto del 1693 e risorti, nell'arco di una quarantina d'anni, con uno stile omogeneo e di qualit, tale da avere convinto l'Unesco nel 2002, a Budapest, in occasione della venti.seiesima sessione del comitato scientifico - a dichiararli patrimonio dell'umanit accogliendo cos una proposta presentata sette anni prima. Le otto citt del Val di Noto sono state considerate espressione del genio, dell'arte e dell'architettura tardo barocca ed esempi di altissima qualit artistica, resi ancora pi particolari per l'omogenit geografica, cronologica e artistica della ricostruzione.
Nella citt di Catania tra i beni mo numentali tutelati dall'Unesco sono stati inseriti la Badia di Sant'Agata, la cattedrale, la Collegiata, tutta via dei Crociferi con le relative chiese, il monastero e la chiesa di San Nicolo all'Arena, il seminario dei Chierici, palazzo Biscari, palazzo Municipale e castello Ursino. Meritevole di tutela anche l'Orto Botanico, in quanto bene naturalistico, i musei di castello Ursino e la casa Verga. Tra i beni immateriali, come detto, stata inclusa la festa di Sant'Agata. Beni che, insieme a tutti gli altri del Val di Noto dichiarati patrimonio dell'umanit, saranno gestiti secondo un piano elaborato e coordinato dal-l'arch. Mirella Muti, sovrintendente di Siracusa, e dall'arch. Manuel Roberto Guido del Ministero dei Beni culturali, coadiuvati dagli esperti scientifici prof. arch. Tatiana Kirilova Kirova del Politecnico di Torino, dal prof. Pietro Antonio Valemmo de La Sapienza di Roma e dal gruppo di lavoro del consorzio Civita coordinato dalla dott. Giovanna Castelli.
Il piano di gestione, sottoscritto dai responsabili della tutela - ministero e assessorato regionale dei Beni culturali e dagli amministratori degli otto Comuni, sar presentato stamattina, nella sede della sovrintendenza di Catania, dall'assessore regionale ai Beni Culturali Alessandro Pagano.
Il piano un documento complesso che parte dall'analisi delle risorse dell'area - dallo stato di conservazione urbana e dei manufatti, fino all'individuazione dei possibili rischi e degli strumenti di pianificazione e di controllo - per poi fissare una strategia per la valorizzazione e per lo sviluppo del territorio, strategia che passa anche dalle capacit ricettive e turistiche del territorio (alberghi e ristoranti, ma anche strade, ferrovie e aeroporto...). Il piano di gestione indica anche le regole di comportamento che gli otto comuni interessati dovranno seguire per coordinare le iniziative e le strategie di promozione e per ottenere le risorse economiche necessarie. Queste ultime sono soprattutto risorse comunitarie delle quali il piano indica le misure attraverso cui concorrervi per creare strutture, spazi espositivi, teatri, e poi anche per realizzare spettacoli, musica e altre espressioni culturali.
L'analisi che oggi sar presentata alle amministrazioni comunali e provinciali individua i punti di forza e quelli di debolezza del Val di Noto. Tra i primi, i punti di forza, incluso l'enorme patrimonio monumentale e culturale, la concentrazione territoriale dello stesso, la presenza di fiere e di prodotti artigiani di qualit, quella di feste folcloristiche, di una ricca tradizione culinaria, e di una cultura solidale di origine contadina e la presenza di bagli e masserie da ristrutturare e riutilizzare. I punti deboli sono individuati nella carenza di infrastrutture - strade, ma anche reti informatiche - la scarsa presenza di strategie di marketing di livello europeo, la scarsa diffusione della cultura d'impresa e la scarsa flessibilit degli strumenti di gestione urbana e del territorio.
Su questo piano di gestione oggi si terr un primo confronto pubblico in vista dell'approvazione.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news