LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POLEMICA LEGGE DELEGA AMBIENTE Crespi e Pratesi: quelle accuse del ministro
Giulia Maria Mozzoni Crespi*, Fulco Pratesi*
CORRIERE DELLA SERA, 30/12/2005


Alla lettera aperta in cui invitavamo il presidente del Consiglio a riconsiderare le scelte che il governo sta per compiere rispetto alla delega ambientale, nessuna risposta. Replica invece il ministro Matteoli (Corriere, 27 dicembre) definendoci immobilisti reazionari, accusandoci di avere nicchie di potere, rendite parassitarie, privilegi immotivati e di dire vere e proprie falsit. Disarmati, pi che sconcertati, da una reazione cos poco istituzionale, riteniamo opportuno tralasciare ogni reazione ad accuse cos personali.
Il ministro dovr per chiarire cosa intenda per rendite parassitarie e nostri privilegi, E importante, invece, entrare nel merito d alcune questioni sollevate, dando voce a coloro che hanno condivise da subito le nostre critiche.

Ad esempio, il prof. Salvatore Settis, direttore delle Scuoia Normale di Pisa: Con le nuove disposizioni la tutela ambientale aumenta o diminuisce? I rischi per la salute pubblica e le impunit per coloro che commettono danni e scempi ambientali aumentano o diminuiscono? Secondo Crespi e Pratesi si abbassano i livelli di tutela, il ministro sembra sostenere il contrario. Ma perch il ministro si sottrae a un confronto serio su questi argomenti? Non c' stato alcun vero confronto nella redazione dei testi e non parlo solo dei soggetti che per legge avrebbero dovuto essere coinvolti nella predisposizione di questi, ma neppure con quanti di queste materie sono i massimi esperti
A sottolineare la marginalizzazione degli interessi collettivi il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani: Il ministro Matteoli liquida con molta pesantezza le critiche degli ambientalisti, ma gli argomenti usati sono alquanto deboli anche alla luce dell'opposizione decisa avanzata in particolare da Regioni, Province e Comuni.
Non solo gli ambientalisti e i gruppi sociali, ma le stesse istituzioni sono state messe ai margini.
L'allegato di 420 pagine contenente numeri e indici, ossia la sostanza, stato trasmesso alle Regioni il 7 dicembre per ottenere il parere il 15, in assenza di quello spirito di "leale collaborazione" che ci deve essere fra le istituzioni.

Tra le tante riserve d merito ne cito alcune: la volont d far uscire dal ciclo dei rifiuti una parte di lavorazioni e di farlo per lo pi con intese dirette tra produttori e ministero rischia di provocare ulteriori problemi sul territorio; lo smantellamento delle autorit di bacino idrografico quale luogo di concertazione tra Stato e Regioni e la centralizzazione sul ministero ci riporta a una stagione che ha gi dato cattiva prova; e ci vale anche per valutazioni di impatto ambientale e il danno ambientale.


Dello stesso parere i segretari confederali di Cgil-Cisl-Uil, Agnello Modica, Bellini e Loy: La Legge delega prevede che con atto del ministro dell'Ambiente e della tutela del territorio, siano individuate forme d consultazione delle organizzazioni sindacali e imprenditoriali e delle associazioni nazionali riconosciute perla protezione ambientale e per la tutela dei consumatori.

"Predisposizione" cosa ben diversa da alcune riunioni in sede tecnica dei Cespa (Consiglio economico e sociale delle politiche ambientati) tenutesi un mese dopo l'approvazione in Consiglio dei ministri, e mentre il ministro dichiarava l'indisponibilit ad assumere qualsiasi modifica sostanziale. Un provvedimento di oltre 700 pagine, che rimette in discussione l'intera legislazione ambientale, richiederebbe un confronto vero, con tempi adeguati, con tutti i soggetti interessati.


La partecipazione elemento essenziale dalla democrazia, per questo abbiamo prodotto un primo documento sintetico che esprime le nostre maggiori preoccupazioni, critiche e correttivi indispensabili e su questa base abbiamo condiviso, in ampia compagnia, quanto elaborato dai presidenti delle Regioni, come abbiamo dichiarato il 14 dicembre. Se il ministro ci tiene ai contributi sostanziali sospenda l'iter del provvedimento e apra una vera fase d confronto.

Lo stesso prof. Roberto Passino, direttore Irsa-Cnr, considera che la lettera, priva di qualit e sostanza, manifesta solo nervosismo per la generale disapprovazione e l'isolamento in cui il ministro si cacciato presentando un increibile decreto delegato di norme ambientali. Tacciare di falsit le critiche senza provare il contrario non convince nessuno. Altro sarebbe stato se il ministro avesse potuto dichiarare d aver ascoltato tesi contrapposte e motivare le ragioni delle sue scelte. Non risulta per che le tesi corrispondenti alle numerose e documentate critiche siano state esaminate n che ai portatori delle stesse sia stata data la possibilit di illustrarle.


*Giulia Maria Mozzoni Crespi, Presidente del Fai
Fulco Pratesi, Presidente dei Wwf



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news