LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POLEMICA LEGGE DELEGA AMBIENTE Rifiuti: la sesta falsit di Crespi Pratesi?
Gianfranco Amendola*
Corriere della Sera 2005-12-29





Ha ragione il ministro Matteoli a sostenere che la normativa ambientale oggi in Italia confusa, poco coordinata, con vuoti d tutela e difficolt di applicazione, ma la riforma che lui sostiene non migliora certo la situazione: lascia inalterata la parte peggiore della normalit ed elimina invece tutto quello che oggi funziona.

In tema di rifiuti, e in riferimento a quella che il ministro chiama la sesta falsit della signora Crespi e di Fulco Pratesi (Corriere, 27 dicembre), tra detto che oggi la nozione di rifiuto in Italia si basa sulla legge n. 178/2002 voluta proprio dai ministro Matteoli.
Si sono cos svincolati dalle norme sui rifiuti e quindi, dalle procedure di garanzie che queste prevedono, tutta una serie d residui di produzione (residui che lUE considera rifiuti recuperabili, cio pur sempre rifiuti). Questa legge stata dichiarata contrastante con la normativa comunitaria (in quanto troppo permissiva) dalla Corte europea con sentenza dell'11 novembre 2004. La legge delega sull'ambiente, approvata solo pochi giorni dopo, invece di adeguarsi alla sentenza, ha riconfermato propria quanto condannato dalla Corte. La Commissione europea cos, il 5 luglio 2005, con una lettera del commissario Dimas al ministro Fin, dopo aver ricapitolato normativa e giurisprudenza comunitarie, ha concluso che l'italia con la legge delega permette che alcune sostanze od oggetti, i quali ai sensi della direttiva 75/442/CEE modificata sono da considerarsi rifiuti, vengono sottratti all'ambito della legislazione italiana sui rifiuti; inoltre l'Italia, avendo come prassi consolidata e persistente quella di adottare disposizioni volte a restringere l'ambito di applicazione della direttiva 75/442/Cee, si sottrae ai suoi obblighi verso la UE e pertanto viene sottoposta a nuova procedura di infrazione.
Il 20 dicembre 2005, la Commissione UE ha annunciato di aver iniziato contro lItalia ben 9 procedimenti di infrazione per inottemperanza alla normativa e alla giurisprudenza comunitarie proprio nel settore dei rifiuti: Negli ultimi anni l'Italia ha introdotto un meccanismo che restringe la definizione dei rifiuti e limita l'applicazione della direttiva quadro. Quattro procedure d'infrazione a tale riguardo sono gi in corso. Nel novembre 2004, la Corte di giustizia ha giudicato contraria alla direttiva l'interpretazione data dall'Italia alla definizione dei rifiuti. L'Italia deve ancora adottare misure per conformarsi 3 questa sentenza. Inoltre, una legge adottata nel dicembre 2004 ha per effetto che alcuni tipi d rifiuti non sono pi considerati tali in Italia, bench rientrino nella definizione di "rifiuti" ai sensi della direttiva, i rifiuti in questione sono i rottami metallici, altri rifiuti utilizzati nell'industria siderurgica e metallurgica e il combustibile derivato da rifiuti.
In risposta alle violazioni contenute nella legge italiana, nel luglio scorso la Commissione ha avviato una nuova azione legale nei confronti dell'Italia per infrazione "strutturale e persistente alla direttiva quadro sui rifiuti. L'Italia non ha risposto in modo soddisfacente alla prima lettera d'avvertimento della Commissione e la Commissione ria portante decisa d inviare un ultimo avvertimento scritto".
Valuti adesso il lettore se la Iegge di Matteoli sia conforme alla UE e chi ha scritto il falso. A meno di non ritenere anche i giudici della Corte europea e i membri della Commissiona UE immobilisti reazionari portatori di interessi parassitari.

*Magistrato coordinatore Gruppo ambiente della Procura della Repubblica di Roma, gi vicepresidente Commissione ambiente Parlamento europeo



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news