LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POLEMICA LEGGE DELEGA AMBIENTE Ambiente: Crespi e Pratesi sbagliano
Altero Matteoli*
Corriere della Sera, 2005-12-27



La vicenda della delega ambientale (legge 308/2004) ormai in fase di avanzata attuazione. Si tratta di una importante opera di svecchiamento, coordinamento e razionalizzazione della normativa ambientale, tendente a mettere anche in questo campo l'Italia almeno alla pari con gli altri Paesi avanzati.
Contro questo provvedimento si scatenata una ondata di contestazioni, provenienti dal gruppo di immobilisti reazionari che si identificano nelle organizzazioni che da sempre in Italia hanno monopolizzato la tematiche ambientali e che hanno trovato nelle pieghe dell'attuale normativa ambientale nicchie di potere, rendite parassitarie, privilegi immotivati. Queste campagna caratterizzata dalla mancanza di argomenti reali e dalia forte insistenza su parole d'ordine che, in molli casi, sono sostanziate di vere e proprie falsit.
Ultimo esempio di questo atteggiamento te lettera a firma Giulia Maria Crespi e Fulco Pratesi che stata pubblicata a pagina 21 del Corriere.
In tale lettera, nel calderone di una acrimonia che forse trova origine nella particolare caratterialit dei due firmatari, le uniche affermazioni concrete sono vere e proprie falsit, che passo a elencare.
Si afferma che il testo stato elaborato in gran segreto e in assenza di confronti: ci falso, perch le associazioni imprenditoriali e sindacali sono rappresentate nel Consiglio economico e sociale per le Politiche ambientali, che io ho voluto istituire proprio per garantire un continuo confronto e un continuo scambio di opinioni con i soggetti del mondo economico e che ha fin qui svolto otto riunioni sull'attuazione della delega.
Molto corposa la massa di suggerimenti che stata ricevuta, e in buona parte recepita, dal ministero. Diverso il caso di alcune delle associazioni ambientaliste che hanno costantemente rifiutato il confronto concreto sui punti della delega e hanno sempre mantenuto un atteggiamento di critica pregiudiziale e apodittica: tra queste le associazioni presiedute da Crespi e da Pratesi.

Seconda falsit: si dice che il provvedimento di attuazione della delega non raggiungerebbe l'obiettivo di semplificare il quadro normativo. Baster a tal proposito osservare che col recepimento della delega vengono attuate otto direttive comunitarie e abrogate oltre cinquanta disposizioni legislative.

Terza falsit: si sottolinea che il quadro di riferimento istituzionale incerto, ma la devolution, cos come qualunque altra ipotesi di modifica costituzionale, conferma allo Stato la competenza esclusiva in campo ambientale.
Sull'argomento si pu poi disquisire quanto si vuole s sono disposto a farlo nelle sedi opportune,

Quarta falsit: la valutazione negativa della titolarit esclusiva del ministero dell'Ambienta nella nuova disciplina del danno ambientale. In realt l'intervento in giudizio delle Associazioni ambientaliste per il recupero del daino ambientale, ad oggi, ha portato al recupero di somme estremamente tenui, per non dire irrisorie, ti nuovo procedimento, nel quale Ie associazioni hanno potere d stimolo sul ministero, garantir finalmente e una volta per tutte che chi inquina paghi.

Quinta falsit: la gestione della difesa del suolo sarebbe affidata alla direzione politica del solo ministero dell'Ambiente, smantellando l'unitariet di governo del territorio per bacini idrografici. Basta leggere (e capire, naturalmente) le disposizioni presenti nel decreto legislativo per riscontrare l'assoluta falsit di questa affermazione.

Sesta falsit (ma sarebbe meglio dire affermazione di ignoranza): la fissazione francamente incomprensibile degli immobilisti reazionari di cui sopra riguardo alla articolazione tentacolare del controllo pubblico sulla definizione di rifiuto, dalla quale discendono molti degli interessi parassitari di cui ho gi parlato, rende costoro incapaci d leggere le pronunzie della Corte di giustizia. Infatti nelle ultime pubblicate costante l'affermazione per la quale sono da considerarsi rifiuti esclusivamente quei materiali che non possono essere utilizzati nell'ambito del processo produttivo da cui derivano, o di altro processo produttivo. A questo criterio ci siamo uniformati e non abbiamo nessuna intenzione di rivedere la nostra posizione.

Settima falsit (e ignoranza insieme): si grida allo scandalo perch, in caso di contrasto tra le amministrazioni coinvolte nel procedimento, il Consiglio dei ministri ad assumere la decisione in materia di Via. Evidentemente si ignora che tale procedura presente da sempre nel nostro ordinamento ed l'unico modo per comporre opinioni diverse che scaturiscono tra amministrazioni competenti.
Non voglio soffermarmi su altre amenit che costellano il corpo dell'articolo accennato, perch non meritano neanche una parola di risposta.
Proprio queste critiche pregiudiziali rafforzano la mia determinazione a portare a compimento anche questa riforma nell'interesse del Paese e spiegano la mia forte protesta contro un malcostume assai diffuso di disinformazione e di calunnia.

*Ministro dell'Ambiente



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news