LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POLEMICA LEGGE DELEGA AMBIENTE Fai e Wwf: ambiente meno protetto con il maxidecreto. Lettera aperta a Berlusconi
Giulia Maria Crespi*, Fulco Pratesi**
Corriere della Sera 23/12/2005



Gentile presidente Berlusconi
gli schemi d decreti legislativi di riordino della normativa ambientale in attuazione della legge delega n.308/2004, licenziati lo scorso 3 ottobre dalla Commissione dei 24 saggi appositamente costituita dal ministro Matteoli, sono stati accorpati in un unico decreto di 318 articoli pi 45 allegati, contenente le nuove disposizioni in materia di Via, Vas e Ippc, danno ambientale, rifiuti e bonifiche, tutela dell'aria, difesa del suolo, lotta alla desertificazione, tutela delle acque e gestione delle risorse idriche.

Il nuovo testo unico, che comprende il 70-80% della normativa ambientale (restano escluse le aree protette, l'inquinamento acustico e l'energia), stato gi approvato in prima lettura dal Consiglio dei ministri lo scarso 18 novembre ed in attesa di passare all'esame delle Commissioni parlamentari competenti e della Conferenza unificata Stato Regioni per rispettivi pareri. A quel punto il decreto ritorner a Palazzo Chigi per la definitiva approvazione.

Il ministero ha lavorato sul testo in gran segreto senza mai confrontarsi con le associazioni di categoria (ambientali, imprenditoriali, sindacali ecc.) e con le istituzioni pubbliche che meglio rappresentano gli interessi dei cittadini (regioni, provnce e comuni}, in palese contrasto con quanto previsto sia dalla stessa legge delega sia dai diritto comunitario in materia di informazione e partecipazione del pubblico.

Il risultato un pasticcio giuridico senza precedenti, che da un lato ha fallito l'obiettivo di semplificare il quadro normativo (armonizzandolo con le pi recenti norme comunitarie e rendendolo comprensibile e applicabile senza ambiguit da amministratori pubblici e operatori economici) e dallaltro ha introdotto, a esclusivo vantaggio di una parte del mondo produttivo, novit che abbassano drasticamente gli standard d qualit esistenti a tutela dell'ambiente determinando un corrispondente abbassamento dei livelli di tutela.

Non vi chiarezza -neppure nella definizione del quadro istituzionale d riferimento poich tutte le disposizioni contenute nel nuovo testo affermano l'assoluta centralit del ministro dell'ambiente nei confronti delle istituzioni regionali e locali (e la devolution?), rischiando cos di innescare situazioni di conflittualit altissima e d minare alla base l'applicabilit delta normativa stessa.

Entrare nel merito di un provvedimento cosi complesso non semplice anche per gli addetti ai lavori. tuttavia possibile riassumere in modo non tecnico alcune delle modifiche peggiorative pi rilevanti
alte norme attualmente in vigore.

Riguardo ai risarcimento dei danni all'ambiente (chi inquina, paga?) scompare sia la legittimazione di Regioni, Provnce e Comuni ad agire dinanzi al giudice ordinario sia quella dell'intervento in giudizio delle associazioni ambientaliste. II ministro dell'Ambiente rimane lunico titolare dell'azione.

Viene modificato lintero sistema di gestione della difesa del suolo e della tutela e gestione delle acque mediante l'introduzione di un sistema affidato alla direzione politica del solo ministro dellAmbiente, che di fatto smantella l'unitariet di governo tisi territorio per bacini idrografici, una conquista e un pilastro della legislazione ambientale degli ultimi decenni, comportando, in modo diffuso e difforme dal dettato costituzionale, una palese invasione dello Stato su competenze di Regioni ed Enti locali.
IN tema di rifiuti, confermata la decisione di non assoggettare alla normativa nazionale di settore i sottoprodotti dei processi industriali, in palese contrasto con i principi comunitari di tutela della salute e dell'ambiente e con le direttive di settore, la questione rilevante poich la facolt di immettere in commercio beni di qualit inferiore a quella dei prodotti 'vergini determinare situazioni di tossicit e diffusione dell'inquinamento difficilmente controllabili.
Viene infine del tutto compromessa l'autonomia della procedura d valutazione dell'impatto ambientale (anche in questo coso in palese contrasta con la legislazione comunitaria) poich si prevede che il giudizio di compatibilit ambientale possa essere espresso dai Consiglio dei ministri anche senza (o contro) il parere dell'autorit ambientale competente. Viene legittimata, quindi, una decisione del tutto politica sulle opere da sottoporre a Via, che pu essere attivata su richiesta degli stessi proponenti.
Ecco perch, gentile Presidente, ci rivolgiamo a lei. Per chiederle d fermare il decreto in attesa di un sereno e approfondito confronto, indispensabile per garantire l'efficacia di questo fondamentale intervento normativo.


*Presidente Fai-Fondo per l'ambiente italiano

**Presidente del Wwf Italia



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news