LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La scoperta del Museo Borghese
31 DIC 2005 il Riformista



Agli inizi di dicembre, dopo un accurato re-styling, i depositi del Museo Borghese a Roma hanno fatto il loro ingresso ufficiale come pinacoteca accanto alla galleria principale, dove sono ospitati i capolavori della collezione che Scipione Caffarelli Borghese, l'accanito "Cardinal Nepote" del papa Paolo V, aveva raccolto in lungo e in largo e con tutti i mezzi. Immensa e pregiatissima, la collezione di Scipione contiene, tra gli altri, Caravaggio, Raffaello, Bernini. Non si pu per mostrare sempre tutto, e se vero che ogni museo ha i suoi depositi per conservare quel che non in grado di esporre, e che questi hanno talvolta la stessa funzione dello sgabuzzino o della soffitta di casa, altrettanto vero che tali spazi, raffigurati nell'immaginario collettivo come oscuri rifugi di sculture e quadri polverosi e magari -almeno secondo le romantiche leggende che circolano su quelli del Louvre - di qualche fantasma inquieto, spesso nascondono opere molto preziose. Opere mute, che non hanno occasione di far comprendere alcunch di loro e di d che rappresentano.
Nel caso della Galleria Borghese, grazie alla decisione dei curatori - in omaggio a un'innovativa idea d'allestimento - di dare voce all'arte in se stessa, e idi'intervento di uno sponsor consistente, questi luoghi inaccessibili e misteriosi si sono aperti ai visitatori. Rivelando che i tesori di Sdpione non erano solo al piano nobile. Ecco, infatti, apparire la Minerva nell'atto d'abbigliarsi di Lavinia Fontana, il San Francesco di Annibale Carracci, un Cristo Portacroce, nel sofferto cromatismo di Sebastiano del Piombo; ma anche una Testa d'apostolo, riferita addirittura a Rubens.
Qui le opere, non pi silenti, raccontano lo sviluppo dell'arte europea dalcinquecento al settecento, delineato nella sua faticosa ricerca tecnica e stilistica anche attraverso le tante riproduzioni di scuola e di bottega, in modo tale che persine il visitatore inesperto ne possa cogliere il valore culturale. Vale la pena di soffermarsi su alcune delle versioni in mostra; quella ispirata alla Madonna con il collo lungo del Parmigianino, attribuita a un artista bolognese e da lui trasformata in un ritratto di Santa Caterina, oppure le due copie dei dipinti del Correggjo: Leda e Maddalena leggente, quest'ultimo, scomparso durante la seconda guerra mondiale, consegna alla riproduzione la prova della sua esistenza. La pinacoteca dei depositi delinea la storia di un processo creativo nei suo complesso e delle relazioni con gli archetipi di riferimento, mostrando quanto la tensione verso l'ideale renda il cammino degli artisti, proprio perch arduo, ricco di contenuti: ci emerge dalla Psiche, trasportata all'Olimpo, attribuita al van Noort -cattolico, fiammingo e maestro di Rubens - che interpreta in chiave mitologica il tpos religioso dell'assunzione della Madonna ed ispirata a un originale di Raffaello, conservato nella Villa Chigi sul Tevere, o dai ritratti femminili d'ispirazione leonardesca, dove affiorano i tentativi degli autori di raggiungere quello sfumato, indefinibile colore d'incarnato che Leonardo riusciva a dare alle sue dame. In uno spazio espositivo rosi riqualificato, quello che da sempre rimasto inutile e oscuro all'occhio del pubblico diviene lo snodo di un'operazione culturale, mettendo in luce, per mezzo di una disposizione che favorisce l'osservazione di colori, soggetti e stili compositivi, il valore dell'evoluzione del percorso artistico, la filogenesi dell'arte. Una scelta creativa, con la quale il Museo Borghese si avvia ad essere modello rilevante anche sotto l'aspetto dell'educazione alla cultura. ■



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news