LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO. Ciao Madama. Il restauro fa rivivere le stanze della duchessa
Renato Rizzo
LA STAMPA 31/12/2005

IL film del viaggio nel nuovo Palazzo Madama riconsegnato alla sua dignit da un restauro che, con qualche interruzione, durato 17 anni, incomincia con un esterno giorno: le facce un po' cos di gente che fa la coda in un freddo buono per le pizze surgelate d'un banco frigo.

Poi, dissolvenza e primo piano su un foglio di quaderno scritto a mano: in una colonna le date, partendo dal 23 dicembre, nell'altra il numero quotidiano di visitatori: da 2500 aio mila.

In tutto, pi di 33 mila persone. Come dire: oltre la met degli spettatori che, nello stesso periodo, hanno affollato le 81 sale cinematografiche di Torino. Madama Reale, ossia la duchessa Maria Giovanna Battista di Savoia Nemours, con i suoi appartamenti tutti oro e stucchi che, al confronto. Elisa di Rivombrosa viveva in una pensioncina, combatte ad armi pari con King Kong, Hany Potter, De Sica e Boldi.

un'apertura effimera: l'edificio che Juvarra ha iscritto nel catalogo dell'alta architettura chiuder, infatti, il 15 gennaio, in tempo perch, al piano nobile, vengano allestiti gli uffici di rappresentanza del Comitato Olimpico Internazionale. Quindi, altro stop sino al 20 ottobre quando sar di nuovo patrimonio di tutti e potr esporre i 30 mila pezzi delle sue collezioni oggi sistemati in caveaux di banche o depositi blindati della Gondrand.
Incominciamo allora, cori Enrica Pagella, direttore di Palazzo Madama, un itinerario tra meraviglie ritrovate e angoli nei quali ancora si alza la polvere dei cantieri.
Passo dopo passo, tra gente che cerca in queste stanze fi ricordo lasciatovi nel 1988.

Molto cambiato in questa costruzione che unisce tre epoche: medioevo, rinascimento e barocco.
Al piano terra quello che era il cortile del castello degli Acaja, ha pavimenti di vetro sotto i quali si vedono i resti della porta romana che fa da fondamenta: sar possibile, a piccoli gruppi, scendervi e addentrarsi nelle viscere antiche riscoprendo trame architettoniche e atmosfere. Nascoste nel corpo aulico dell'edificio, sofisticate-centraline tecnologiche nelle quali convergono tutti i segnali inviati dai dispositivi d'allarme, dalle telecamere a circuito chiuso, dai sensori che registrano le variazioni di temperatura e di umidit. Quello della sicurezza un capitolo assai, intricato nella storia di questo" recupero - spiega la dottoressa Pagella - in sostanza, i lavori di adeguamento alle norme del dopo Statuto, avevano determinato uh impatto preoccupante sulla struttura storica, non per funzionalit, certo, ma perch gran parte degli spazi erano stati sacrificati alla presenza disordinata e ingombrante di segnali, vieocamere, altoparlanti, scatole di derivazione, corse di tubi e canalizzazioni.
Si dovuto restaurare, quindi, con l'antico, anche il moderno tentando di riunire quello che una tecnologia usata in modo ottuso aveva diviso: ristrutturazione del palazzo e funzionalit del museo. Eccoci al magnifico scalone juvarriano che, con altre opere di sistemazione degli appartamenti aulici, cost alla Reggente una cifra colossale.

Tanto da far pensare al figlio, Amedeo II, di rinunciare all'eredit materna perche i debiti erano quasi pari ai lasciti. Nel lifting delle grandiose rampe hanno lavorato, in questi anni, 35 specialisti impegnati a ripulire i 5-6 strati che, nei secoli, avevano ricoperto i 5 mila metri quadrati dell'impianto ottundendone forme e colori. Un impegno che non ha solo fatto ritrovare le colorazioni originali, ma ha portato alla riapertura di due verande, lass, vicino al cielo. E la luce, ora, fa finalmente vibrare nella sua magnificenza il soffitto stuccato e dipinto.
C' una novit assoluta nel recupero del palazzo che segna il cuore di Torino: quello della torre quattrocentesca di Sud Ovest: utilizzata sinora come scala di servizio, diventata La Torre del Tesoro. Nei tre piani in cui articolata verranno esposti i pezzi pi belli dell'intera collezione del Museo Civico: gli imperdibili. Dalle oreficerie longobarde e ostrogote all'autoritratto di Antonello da Messina, dal manoscritto miniato di Van Eyck ai gioielli e agli avori che sembrano pizzi. Novit anche per la Torre Romana Nord: sar possibile salire, in piccoli gruppi, sino alla merlatura e godere d'un panorama mozzafiato, ma anche intraprendere un affascinante itinerario nei sottotetti sorretti da gigantesche capriate con centinaia di tronchi d'albero a fare da trave: una foresta diventata architettura. Avanti in questo viaggio: al piano terra, rivoluzionato da nuovi spazi per biglietterie e book-shop, si apre la sala di Staffar da che, fino al 1934, ospitava un ufficio della Questura (vi siete mai domandati perch in gergo la polizia viene definita madama?), ed ecco la Sala Acaja dove saranno riunite le collezioni gotiche e rinascimentali.

Il piano nobile la declamazione barocca della potenza sabauda. Una vera ossessione di specchi e intagli e affreschi. La Sala delle Guardie adiacente allappartamento della Reggente, ha riservato una sorpresa ai restauratori: quella sua tinta nocciola che da sempre si credeva originale, era solo sporco.

Tre strati di pittura tolti con il bisturi precisa Enrica Pagella. Qui, da febbraio a ottobre, sar allestito l'esclusivissimo bar del Ci, mentre l'ufficio di rappresentanza del Comitato Olimpico avr come cornice la sontuosa Sala delle Quattro Stagioni che, nel Settecento, era quella in cui si ricevevano gli emissari di altre corti.


Non solo luoghi dello sfarzo che intimidisce: alla morte di Maria Giovanna Battista le stoffe ormai lise che tappezzavano queste camere vennero messe in vendita per via di Trattazione senza formalit d'Incanti.. Parte finirono a un mercante per 2500 lire, un damasco fu reimpiegato nel castello di Chambery. Frange, drappi, cordoni e passamanerie in filo d'oro, invece, accuratamente staccati, vennero portati alla Zecca, fusi e trasformati in lingotti e lingottini. Nulla si distrugge, tutto si trasforma: l'oculatezza di Casa Savoia assoluta come una legge della fisica.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news