LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Etiopia non sa che farsene della stele di Axum
30-DIC-2005 Libero



■ Glielo abbiamo ridato, l'obelisco di Axum, ma gli etiopi non sanno che farsene. E ora che, dal 25 aprile scorso, tornata a casa, l'hanno abbandonata. Avevano gi messo le mani avanti, del resto, spiegando che, almeno fino a settembre, non si sarebbe ricostruito nulla: occorreva attendere la fine della stagione delle piogge. Ma a poco meno di un anno dall'arrivo le 180 tonnellate di pietra basaltica sono ancora l, nei cassoni di metallo, protetti da qualche coperta e dei teloni, nella citt santa dell'antico impero etiopico, divise in tre pezzi, in attesa di essere ricomposte.
Spiega il Washington Post che durante la lunga attesa, gli archeologi un sito adatto erano anche riusciti a trovarlo, salvo poi scoprire che l sotto riposavano da millenni le spoglie dei sovrani che rivaleggiarono con Roma, la Gina e la Persia.
Tutto fermo, quindi. Anche se, nei patti, la stele va ricollocata jiel parco archeologico di Axum, con l'aiuto dei tecnici italiani dei Beni culturali. E il programma stato rispettato. Siamo nei tempi previsti, spiega il prof. Giuseppe Proietti, capo dipartimento per la ricerca, l'innovazione e l'organizzazione del ministero. Anzi, si continua a pagare perch nel 2005 il Consiglio dei ministri ha stanziato altri fondi, assegnati all'Unesco per realizzare il rimontaggio.
Si potrebbe anche individuare un luogo alternativo, se non fosse per le baruffe tra autoctoni. Nessuno vuole cedere un po' del proprio terreno per gli scavi. Poi, dove li mandiamo a pascolare gli armenti?, si chiedono i ras locali, gelosi s del patrimonio culturale dell'antica capitale della Regina di Saba, ma soprattutto della sopravvivenza in un Paese dove si crepa di fame. Ma il prof. Proietti nega che i fatti siano collegati: Sar il Parco degli Obelischi di Axum ad accogliere la stele. I lavori dovrebbero riprendere in primavera per poi essere di nuovo sospesi per la stagione delle piogge. Il completamento previsto per l'autunno dell'anno prossimo. L'esperto smonta la tesi del quotidiano statunitense: Le sepolture in realt sono in un'area adiacente e non sotto la fossa che c' gi e sulla quale stato compiuto uno studio geologico per tenere conto di eventuali sollecitazioni si-smiche. Che il lavoro sia stato complesso, evidente, ma la scuola italiana di restauro la migliore al mondo e lasciare il lavoro ultimo agli etiopi, ai tedeschi o agli svedesi che gi si erano offerti gratuitamente, sarebbe stato paradossale.
Forse ad Addis Abeba sono stati pi furbi del Negus, Hail Selassi, che nel 1969, pur di non pagare i costi di trasporto, facendo di necessit virt, lo don agli italiani, lasciandolo a Roma. Incalzata dall'obbligo di riparare ai danni del colonialismo, l'Italia vers all'Etiopia. la somma necessaria al viaggio del monumento. Se non che, prima della partenza, il denaro era gi stato speso. E fu cos che i nostri ex sudditi ci riregalarono l'obelisco. Infine, sborsando sei milioni di euro, il governo Berlusconi era riuscito a rispedire il collo a destinazione.
Da oppositore ormai storico del progetto, Vittorio Sgarbi si attendeva un esito simile: Lo sapevo. Basta pensare che hanno chiuso la Domus Aurea a Roma. Per tenerla in piedi occorrevano 4-5 milioni di euro. Molto meno di quel che hanno speso per questa vicenda. Non c'era nessuna urgenza e nessuna necessit, se non la rivendicazione terzomondista di alcuni giornalisti inglesi che avevano acceso l'animo di una parte del potere locale, anche se al popolo non interessa niente dell'obelisco. Ma ora dobbiamo erigerlo a nostre spese. Perfetti garantisce che i copti attribuiscono una valenza di grande significato religioso all'obelisco e si guarderebbero bene dal trattarlo male. Peccato che non sia nemmeno un simbolo sacro cristiano, ma di una religione che non c' pi, replica Sgarbi.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news