LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Clonato un edificio che non c'
Antonio Guizzi
30-DIC-2005 Roma


LASSURDO PERMESSO DI COSTRUZIONE PER IL "ripristino filologico" del fabbricato alla salita Arenella, demolito una quarantina d'anni fa, ha suscitato stupore in tanti colleghi ingegneri e architetti e anche indignazione in quei professionisti che, non avendo timori reverenziali, non esitano ad esprimere la loro opinione critica.
L'architetto Alessandro Castagnaro, docente di storia dell'architettura contemporanea che si firmato anche nella qualit di presidente dell'Amai Campania (ritenendo quindi di poter esprimere il pensiero degli ingegneri e degli architetti di questa associazione) afferma che "La societ procede e avanza velocemente, mutano i linguaggi, le tecniche, le tecnologie, i materiali; non pensabile quindi che questo avanzare venga rinnegato dai nostri amministratori realizzando un falso".
Vittorio Di Pace, decano degli architetti europei,
autore di migliaia di progetti in Italia, in Sudamerica, in Africa e in Medio Oriente, ferocemente critico nei confronti del Comune di Napoli, si posto una specifica domanda: "Ma se il personale tecnico comunale talmente incolto e impreparato da obbligare gli amministratori ad ingaggiare una enorme pletora di consulenti, questi cosiddetti consulenti pagati a peso d'oro cosa fanno, a cosa servono?".

Alla domanda di Vittorio Di Pace occorre dare una risposta. Con un certo imbarazzo sono costretto a rammentargli che il consulente dei consulenti, che recentemente stato citato dalle cronache di casa nostra come il pi pagato di tutti, anche presidente della Commissione edilizia del Comune. Devo ritenere che ad un uomo della sua competenza non sarebbe sfuggita l'anomalia di questo progetto: devo dedurre quindi che il presidente quel 7 luglio in cui fu esaminato il progetto era stato chiamato ad esprimersi su ben pi rilevanti questioni. Ma altre domande sono state poste da alcuni colleghi e la prima riguarda la norma in applicazione della quale stato approvato il progetto. Si tratta dell'articolo 11, comma 5, delle norme di attuazione della variante generale al piano regolatore entrata in vigore nel luglio dello scorso anno che recita testualmente: "Sono ammessi, a parit di superficie utile e volume preesistenti, interventi di ripristino filologico, rivolti a ricostruire l'intero manufatto, o parti di esso, eventualmente demolito o crollato, purch sia possibile, attraverso fonti iconografiche, cartografiche, fotografiche e catastali, documentarne la consistenza certa.
Tale documentazione deve essere contenuta in apposita relazione storica asseverata ai sensi dell'articolo 481 del codice civile". A questa preziosa ricerca - che stata effettuata dal prof. Benedetto Gravagnuolo, preside della nostra facolt di Architettura, con puntigliosa attenzione - non certo imputabile lo schiocchezzaio del permesso di costruzione, di cui sono e restano responsabili i tecnici del Comune e la Commissione edilizia. Costoro hanno dato un'interpretazione sur-rettizia al concetto di "ripristino filologico" su cui si fonda il dispositivo del permesso di costruzione per "il restauro e risanamento conservativo" del fabbricato della salita Arenella. Se la filologia, che insieme una scienza e una tecnica che consente di ricostruire, un monumento, un quadro, un libro, un film o un edificio attraverso la ricerca approfondita di quanto pu essere utile per far rivivere com'era l'opera, il presupposto indispensabile che esistano, sia pure in parte con danni evidenti, il monumento, il quadro, il libro, il film o il fabbricato.
Nel caso in questione l'edificio non esiste da quarant'anni, sicch l'intervento non "di restauro e di risanamento conservativo", come testualmente specificato nel permesso di costruzione. L'assurdo nella contrad-dittoria motivazione riportata nel citato permesso, laddove fa riferimento alla "ricostruzione a parit di volume e di superficie del fabbricato".
C' poi da osservare che nel citato articolo 11, comma 5, delle norme di attuazione alla variante generale al piano regolatore, non affatto previsto l'obbligo della ricostruzione del fabbricato con i materiali usati nella costruzione del vecchio edificio: gli interventi devono soltanto rispettare le superfici e il volume preesistenti.
Una seconda risposta la si deve a coloro che - consapevoli della incommerciabilit di questa area essendo inutilizzabile il permesso di costruzione - intendono conoscere il finale di questa bizzarra vicenda.
Premesso che sarebbe impossibile richiedere una variante al permesso di costruzione perch, enormemente difforme dall'originario sarebbe il nuovo progetto redatto secondo crite-ri di razionalit e impieghi di materiali e tecniche moderni, non resta a mio parere che una inevitabile soluzione: l'annullamento del permesso di costruzione in applicazione del potere di autotutela di cui gode la pubblica amministrazione quando si rende conto di aver emesso un provvedimento errato o che viola la legge.
Nell'ipotesi in cui il Comune non dovesse procedere all'annullamento del permesso di costruzione, dovrebbe intervenire, in applicazione dell'articolo 39 della legge regionale sul "Governo del territorio" (questa la togata definizione della nuova legge regionale urbanistica), l'amministrazione provinciale o, in caso di inadempimento di questa, la Regione. Poich l'annullamento opera "ex tunc" (cio l'atto amministrativo non risulterebbe mai nato), i proprietari potrebbero presentare un nuovo progetto, razionale nei suoi caratteri distributivi, volto alla realizzazione di un fabbricato da eseguirsi con materiale e tecniche del nostro tempo, con la dotazione dei posti auto prescritti dalla legge Tognoli, le eliminazioni delle barriere architettoniche, con l'impianto di ascensore e l'osservanza delle leggi antisismi-che . Tutto questo in conformit del citato articolo 11 comma 5 senza gli infingimenti e le distorsioni che hanno suscitato le vivaci critiche dei pi autorevoli esperti dell'architettura. Il tentativo di voler "donare" un edificio inesistente costituisce il test preoccupante delle difficolt che dovranno affrontare i tecnici che intenteranno progettare il restauro e il risanamento conservativo nel centro storico, cercando di orientarsi nel dedalo di quei 169 articoli delle norme di attuazione della variante generale al piano regolatore, di improbabile decrittazione.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news