LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scuole di eccellenza, una riforma ineludibile
MICHELE CILIBERTO*
il manifesto 30-DIC-2005




Il nostro un curioso paese: anche le idee pi innovative possono morire prima ancora di crescere, riducendosi a grigi testimoni di una politica sostanzialmente conservatrice. Il caso delle Scuole di eccellenza un esempio clamoroso di questo tratto tipico della nostra vita nazionale: nate per rinnovare l'Universit e rafforzare il campo della ricerca in Italia, rischiano di diventare qualcosa di profondamente diverso da quello per cui erano state pensate. E' paradossale, ad esempio, che esse stiano mettendo in difficolt di ogni genere - a cominciare da quelle finanziarie - proprio quelle Universit che avrebbero dovuto contribuire a rafforzare, adeguandole alle esigenze complesse e raffinate della societ contemporanea.

Giustamente l'Unit, a suo tempo, ha richiamato l'attenzione su questo punto, con un articolo di Valeria Giglioli del 13 novembre, in cui viene sottolineato come l'Universit e i beni culturali siano profondamente penalizzati dalla nuova legge finanziaria, con tre sole eccezioni, lIstituto Italiano di Tecnologia di Genova e due Scuole di Studi avanzati, una a Firenze, l'altra a Lucca, quest'ultima nata per impulso del Presidente del Senato. Si tratta di una decisione durissima per l'Universit italiana, che viene colpita in uno dei suoi gangli vitali il rapporto, costitutivo e programmatico, fra ricerca e didattica, cio il perno intorno al quale hanno girato gli studi superiori in Italia, fin dall'unit nazionale.
Alla crisi di questo rapporto si arrivati anche per il costituirsi e lo svilupparsi della cosiddetta Universit di massa, soprattutto negli anni '60 e 70 del secolo scorso. Non c' per dubbio che questo processo si sia fortemente accelerato in tempi pi vicini a noi, nonostante gli sforzi fatti per tenere insieme il binomio di ricerca e didattica, via via adeguandolo alle tumultuose trasformazioni degli ultimi decenni.

La stessa distinzione delle lauree in triennale e specialistica, da un lato; e il potenziamento dei dottorati di ricerca dall'altro - nuclei centrali della politica universitaria di Luigi Berlinguer -avevano precisamente questo obiettivo principale. Ma le cose, anche per i limiti dell'azione riformatrice dello stesso Berlinguer, sono andate in un'altra direzione: il quadro che abbiamo oggi di fronte quello di una progressiva e irreparabile separazione tra didattica e ricerca.
Quello che si viene imponendo - si dice - il modello delle research unversities, autonome e finanziate dallo Stato, con una progressiva, ma inesorabile, trasformazione delle Universit di massa in puri luoghi di trasmissione di un sapere prodotto in altre sedi. E' un processo che deve essere duramente contrastato, in primo luogo dalle forze riformatrici e di sinistra, spazzando via gli equivoci che si annidano su questo terreno, a cominciare da quello sulla questione del merito.
L'Universit deve essere imperniata sul riconoscimento del merito: su questo non c' alcun dubbio, a patto di non cadere in forme di retorica che celano solamente la salvaguardia dell'esistente e la sostanziale immobilit delle classi sociali e delle lites dirigenti nel nostro Paese. Il primato del merito, oggi di moda, si deve accompagnare all'osservanza del principio costituzionale che obbliga la Repubblica a mettere tutti i suoi cittadini in condizioni di partenza omogenee e non predeterminate da privilegi di potere o di classe. E' solo a questo patto che il merito diventa un elemento decisivo della mobilit democratica del Paese, incrinando barriere sociali e culturali consolidate. Concepito in modo diverso, il merito diventa invece solamente la leva per rafforzare, in forme nuove, antichi privilegi.
E' curioso che un Paese come l'Italia, nel quale hanno operato straordinari educatori e teorici della scuola come Rodolfo Mondolfo e nel quale agli inizi degli anni '60 stata compiuta quella vera e propria rivoluzione - frutto di mezzo secolo di battaglie - che la scuola media unica, singolare, dicevo, che il livello e il fronte della discussione sia cos arretrato, perdendo quelle che erano diventate verit elementari, quasi senso comune. Certo, in questo spostamento di asse e di orizzonte culturale hanno inciso i processi di modernizzazione del Paese e le varie ideologie che ad essi si sono accompagnate. Ma il punto di fondo precisamente questo: la concezione e il segno complessivo della modernizzazione. Nella storia italiana si sono costantemente intrecciate, in modi inestricabili, grandezza e miseria, su Lutti i piani, compreso quello della scuola e dell'Universit.
Il problema delle forze riformatrici stato, e resta, quello di orientare quel sottile confine verso il primo e non il secondo corno del dilemma; n c' alcun dubbio, da questo punto di vista, che la separazione tra ricerca e didattica e la riduzione dell'Universit di massa a subalterno strumento di trasmissione di saperi istituiti altrove potenzi gli elementi di miseria della storia nazionale, favorendo una moder-nizzazione che, invece di porsi come elemento di mobilit democratica, si configura come leva di stagnazione sociale e culturale.
Intendiamoci; io sono persuaso che le Scuole di eccellenza siano importanti, e che la loro istituzione e il loro sviluppo sia richiesto dal livello che la ricerca in Italia deve assumere, se vogliamo essere all'avanguardia sul piano internazionale. La ricerca deve essere una delle grandi risorse del paese. Quello su cui bisogna confrontarsi, e discutere, il sistema in cui le Universit e le Scuole di eccellenza devono essere inserite, con una audace politica di carattere riformatore. E' necessario, infatti, sapere andare oltre i vecchi confini della ricerca in Italia, misurandosi con le nuove realt che sono emerse negli anni di crisi dell'Universit e che con l'Universit possono - e debbono -collaborare, dando vita a un nuovo sistema integrato della formazione e della ricerca. Sono molti gli Istituti di alta cultura che oggi in Italia sono scesi nel campo dell'alta forma-
zione e della ricerca, dotandosi di Scuole di eccellenza i cui diplomi, in molti casi, sono equipollenti ai diplomi di dottorato di ricerca rilasciati dalle Universit italiane.
E' un patrimonio eccezionale, che in Italia poco si conosce - eccezionale per le biblioteche spesso uniche al mondo di cui questi Istituti dispongono, per le attrezzature informatiche. per le collane editoriali che essi promuovono e che sono, nei loro rispettivi campi di ricerca, all'avanguardia della ricerca internazionale.
E' solo un esempio; ma il paese deve potersi giovare, con gli altri, anche di questo patrimonio - accumulato a volte lungo molti secoli. E ci sar possibile solo se si dar mano a un nuovo sistema integrato dell'alta formazione che abbia i suoi pilastri nell'Universit, nelle Scuole d'eccellenza, negli Istituti di alta cultura e nelle altre strutture che via via nasceranno. E' un problema di ordine sia culturale che istituzionale che pu essere risolto con efficacia sulla base di nuove forme di collaborazione fra Ministero dell'Universit e della Ricerca, da un lato, e Ministero per i Beni e le Attivit culturali dall'altro, con una politica riformatrice di ampio respiro, imperniata su un equilibrato, rigoroso e non clientelare uso delle risorse.
Solo in questo modo - ripensando l'alta formazione e la ricerca in termini di sistema, e tenendo fermo al tempo stesso il binomio di didattica e ricerca -, sar possibile avviare una politica effettivamente riformatrice. Ma il nostro, come si sa, non un Paese normale: da noi non si lavora cercando le necessarie sinergie: l'Universit in uno stato precomatoso: gli Istituti di ricerca hanno l'acqua alla gola; due sole Scuole di eccellenza - di cui una patrocinata dal Presidente del Senato - sono state finanziate ciascuna con 1,5 milioni di Euro ogni anno. Come hanno scritto Luciano Modica e Marta Rapallini, dopo le leggi ad personam, le Universit ad personam. Contrastare tutto questo uno dei massimi banchi di prova di una politica riformatrice nel nostro paese.
* presidente dell'Istituto nazionale di studi sul Binascimento



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news