LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA: Recuperati tre dei sei crocifissi rubati Abbandonati dai ladri a Corleone
COSMO DI CARLO
Giornale di Sicilia Provincia di Palermo 30-DIC-2005



CORLEONE. Recuperati dalla Polizia tre dei sei crocifissi rubati la scorsa primavera dalla Chiesa di San Martino a Corleone.
Gli agenti del commissariato cittadino dopo settimane di pressanti e approfondite indagini e decine di perquisizioni, pedinamenti e giorni di appostamenti, hanno costretto i ladri a disfarsi di parte del bottino. Gli ispettori di polizia li hanno rinvenuti avvolti in fogli di giornale sul bordo di una strada alla periferia del paese. I tre crocifissi ritrovati, uno dei quali in legno intagliato e coperto da lamine dorate, ritenuto il pi prezioso, saranno ora consegnati all'arciprete decano monsignor Vincenzo Pizzitola.
Il furto degli oggetti sacri, che ornavano gli altari laterali della chiesa Madre, risale alla fine di aprile di quest'anno. Subito dopo la Pasqua - racconta monsignor Pizzitola - ho notato che erano stati staccati da alcuni altari della Chiesa tre crocifissi, ma ho pensato che fossero stati spostati per le pulizie dal personale e in un primo momento non ho dato importanza al fatto, ma qualche giorno dopo ho notato che altri due crocifissi erano stati spostati dal loro posto e il giorno erano scomparsi.
Uno dei sei oggetti sacri rubati, ritenuto il pi prezioso stato portato via dai gradoni dell'altare del fonte battesimale. Il legno di questo simulacro, di cui si sconosce il periodo in cui stato realizzato, intagliato e coperto da lamine
d'oro e anche il cristo crocifisso in metallo ricoperto dalle preziose lamine. Dopo aver contattato il personale di servizio della cattedrale ed essersi accertato che gli oggetti non erano stati spostati dal personale delle pulizie ma rubati, monsignor Pizzitola denunci il furto presso il commissariato di Polizia cittadino; era l'undici maggio 2005. L'arciprete rifer ai funzio-nari che tutti gli oggetti sottratti, erano stati inventariati e catalogati dalla Sovrintendenza ai Beni Culturali di Palermo con le relative immagini fotografiche. Immediatamente gli agenti di polizia coordinati da Maurizio Antonucci, hanno avviato le indagini. Che si sono subito indirizzate verso ambienti e personaggi ritenuti sensibili.
Nei giorni scorsi la svolta, dopo una serie di controlli a tappeto. Gli ignoti ladri temendo di essere stati scoperti si sono disfatti di parte della refurtiva che stata ritrovata nelle adiacenze di una strada alla periferia del paese. Gli investigatori non hanno reso noto il luogo esatto del ritrovamento, per non compromettere le indagini che sono ancora in corso. I funzionari non nascondono di essere ottimisti e sperano nelle prossime ore di potere recuperare l'intera refurtiva ed arrivare all'identificazione degli autori del furto sacrilego.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news