LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tesoro, ultimi colpi del 2005
ISABELLA BUFACCHI
il Sole 24 ore 29-DIC-2005

Rimborso anticipato di titoli per 2,958 miliardi utilizzando il conto di disponibilit Bankitalia

ROMA - Per i conti pubblici 2005 sono giunte ieri due buone notizie in chiusura d'anno: il rimborso anticipato di titoli di Stato per 3 miliardi di euro circa, impiegando il Conto disponibilit per ridurre il debito/Pil, e la pubblicazione in Gazzetta ufficiale dei decreti che autorizzano due operazioni di cessione di immobili pubblici per quasi un miliardo, al fine di migliorare il deficit/Pil, sostituendo la mancata vendita di 240 caserme della Difesa prevista nella Finanziaria di quest'anno che avrebbe dovuto fruttare fino a 1,3 miliardi (vedere il Sole-24 Ore di ieri).
Tenuto conto che l'ultimo giorno del 2005 utile allo Stato per incassare un pre-festivo (venerd 30 dicembre) e che la prudenza ha consigliato di evitare il sovraffollamento di fine anno nel sistema dei pagamenti Target, la giornata di ieri trascorsa con il tradizionale via-vai dei tecnici di Via XX Settembre per mettere a punto gli ultimi complessi dettagli delle operazioni in chiusura registrate dai tipografi della Gazzetta ufficiale. Inevitabile qualche coda: le firme di alcuni contratti di cessione degli immobili tra Fintecna e Agenzia del demanio prevista questa mattina.
Cala lo stock del debito. Per centrare l'obiettivo del debito/Pil, che quest'anno dovrebbe salire al 108,2% contro il 106,6% del 2004, il Tesoro ha messo a segno in chiusura d'anno una serie di operazioni di riduzione dello stock del debito. L'ultima, per l'appunto, la catena di buy-back chiusi .il 22, 23. 27 e 2S dicembre per complessivi 2,958 miliardi di euro e resa nota ieri. Per questo riacquisto, via XX Settembre ha dovuto attingere alle eccedenze del Conto di disponibilit, una prassi tra l'altro consolidata, anche perch il fondo di ammortamento per la riduzione dei titoli di Stato stato pressoch prosciugato lo scorso 15 dicembre per un maxi-rimborso a scadenza di BTp per 4,773 miliardi. Tra le operazioni che hanno contribuito a ridurre lo stock del debito pubblico a dicembre va ricordata la cartolarizzazione Inps6 da cinque miliardi di euro. Il Tesoro, inoltre, ha fatto sapere in ottobre di aver utilizzato il fondo di ammortamento per tre miliardi di euro, mentre in novembre l'uso delle eccedenze del Conto di disponibilit ha consentito il riacquisto di titoli di Stato per 726 milioni.
Le ultime tantum salva-deficit. Il 2005 l'ultimo anno per l'Italia contrassegnato con il disco verde dell'Ile che consente il ricorso alle una tantum per ridurre il deficit/Pil: il Governo italiano, infatti, si impegnato con Bruxelles a tagliare le misure straordinarie sul deficit del 30% l'anno nel triennio 2003-2005. E di non farne pi a partire dal 2006. La cessione di immobili pubblici ha dunque potuto tener banco in questa chiusura d'anno per l'ultima volta con obiettivo deficit. Cos ieri Mef, Agenzia del demanio, Fintecna e le banche Bnl, Banca Intesa e Morgan Stanley arranger del fondo PatrimonioUno hanno finalizzato gli ultimi dettagli di due operazioni di dismissioni di propriet immobili pubbliche per un totale che non arriva ai mille milioni di euro. Fintecna acquister 23 immobili dall'Agenzia del demanio per una cifra che dovrebbe aggirarsi attorno ai 400 milioni di euro (vedere il Sole 24 Ore del 21 dicembre). E gli arranger del fondo sottoscriveranno a fermo e con sconto le quote di PatrimonioUno, finanziando con un prestito la rimanente parte di debito e staccando un assegno per lo Stato per meno di 800 milioni di euro.
Questo incasso per lo Stato con vendite di immobili non deve essere frainteso con una vera e propria correzione dei conti pubblici, n tantomeno con una "manovrina extra": piuttosto il Mef ha dovuto sostituire, sia pur con un certo affanno, la mancata realizzazione della vendita di 240 caserme della Difesa inclusa nella Finanziaria 2005, per la quale era previsto il coinvolgimento della Cassa depositi e prestiti. La Cdp, in realt, pronta da tempo: ha istituito lo scorso maggio la Dgsps
(Direzione gestione e supporto politiche di sviluppo) con il compito di realizzare le iniziative di finanziamento a sostegno delle politiche di sviluppo demandate alla Cassa dal legislatore. Questa nuova direzione gestisce anche i fondi per la dismissione immobili della Difesa: si occuper della concessione di anticipazioni finanziarie pari al valore degli immobili in uso alla Difesa da dismettere per mezzo del Demanio per un importo tra 954 e 1.357 milioni cos come stabilito dalla Finanziaria 2005. La vendita delle 240 caserme relativamente a questa cessione non stata fatta perch gli immobili non sono stati "valorizzati" per tempo: secondo fonti bene informate, molte caserme in vendita si sono rivelate addirittura non accatastate. Dunque invendibili. Il 2005 si chiude senza il lancio della terza cartolarizzazione su cessione di immobili, Scip3, programmata dal Tesoro per velocizzare la vendita delle unit residenziali della Difesa agli inquilini. Resta da vedere se questa securitization riuscir a vedere la luce l'anno prossimo. Nel 2006 l'attivit di alienazione, razionalizzazione e valorizzazione immobiliare dello Stato non si arrester comunque perch l'ultima Finanziaria ha stabilito che gh incassi provenienti dalla cessione di immobili pubblici confluiranno nel fondo di ammortamento per i titoli di Stato per ridurre il debito/Pil.

Operazioni taglia-deficit
Le una tantum immobiliari per il deficit/Pii 2005
Tipo di operazione Soggetti coinvolti Importo (mln)

Cessione diretta Demanio-Fintecna fino a 400*

Fondo Patrimonio Uno Bnl, Banca Intesa Rnn* Morgan Stanley fmo a 800

Plusvalenza cessione quote fondo Rp (Fondo immobiliare pubblico)
600
Cessione diretta Demanio 175*

Vendita caserme della Difesa Cdp-Demanio
1.000 1.300

Cartolarizzazione alloggi Difesa
Scip3 1.000

Vendita reti autostradali Anas-lspa 4.000


Stock del debito. Per centrare l'obiettivo del debito/Pil, che quest'anno dovrebbe salire al 108,2% contro il 106,6% del 2004, il Tesoro ha messo a segno in chiusura d'anno una serie di operazioni di riduzione delio stock del debito. L'ultima la catena di buy-back per circa 3 miliardi resa nota ieri
m Operazioni taglia-deficit. Ministero dell'Economia, Agenzia del demanio, Fintecna e le banche Bnl, Banca Intesa e Morgan Stanley hanno finalizzato gli ultimi dettagli di due operazioni di dismissioni di propriet immobili pubbliche per un totale di circa un miliardo



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news