LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Val di Noto, meglio il barocco o il metano?
SALVO GUGLIELMINO
Europa 29-DIC-2005

I petrolieri della texana Phanter non andranno via dalla zona protetta datt'Unesco. Anche se la ricerca di gas e petrolio non ha prodotto nulla

Meglio morire di fame che di inquinamento, dicono a Noto, la capitale del barocco siciliano. l'ultimo atto della guerra scoppiata tra le associazioni ambientalistiche ed una societ texana, la Panther, che da alcuni mesi sta trivellando la Sicilia orientale alla ricerca di "idrocarburi liquidi e gassosi", come da regolare autorizzazione della giunta regionale di Tot Cuffaro. Per scaramanzia, il progetto era stato siglato con una parola greca, "Eureka", in onore del siracusano Archimede. Ma, per il momento, le scavatrici americane hanno fatto cilecca. Nessuno dei due pozzi, che abbiamo trivellato nelle campagne del ragusano, produce un flusso di gas continuo. Ma noi continuiamo a credere nel potenziale produttivo della Val di Noto, nonostante i risultati non incoraggianti promette dalla sua residenza di Houston, Jim Smitherman III, il giovane presidente della multinazionale americana. Dalle sue parole trapela una evidente delusione. Contiamo di poter perforare uno o due altri pozzi nel 2006. Ma non abbiamo ancora deciso dove sia meglio farlo. Qualsiasi decisione non solo comporta costosi studi geologici e d'ingegneria, ma soggetto anche al rilascio di autorizzazioni da parte delle autorit regionali e dei Comuni interessati. Eppure, secondo insigni scienziati, nel sottosuolo della Sicilia (e nel mare antistante), esisterebbero ben 51 miliardi di metri cubi di gas da mettere a valore, a un costo di produzione che si aggirerebbe sui 10 dollari al barile equivalente di petrolio. Una fonte energetica alternativa e soprattutto meno costosa. La terra del nero d'Avola e dei pomodorini di Pachino potrebbe, in teoria, diventare la riserva energetica del Mezzogiorno, perch, in gran parte, quel gas naturale(meno costoso di quello algerino o libico) andrebbe a sostituire l'olio combustibile o il carbone nelle centrali elettriche. La Sicilia potrebbe raggiungere un livello
di autonomia energetica ed un'economia pi robusta se le compagnie petrolifere fossero incoraggiate a lavorare e ad usare nuove tecnologie per lo sviluppo delle esplorazioni e
la destra sulla questione fa solo propaganda. Se davvero ci fosse tanto gas in questo territorio, sarebbe una ricchezza per tutti
della produzione sostiene lo stesso Smitherman. Secondo l'analisi dei petrolieri americani, la Sicilia avrebbe tutto da guadagnarci: potrebbero arrivare investimenti, posti di lavoro, sviluppo.
Ma, naturalmente, non tutti la pensano cos nella Val di Noto. Lo spauracchio che il sud-est della Sicilia, veda deturpato il proprio territorio e demolita la notoriet internazionale dal business delle trivellazioni. Il gas infatti, si troverebbe nell'entroterra vicino ad alcuni antichi centri abitati, da Noto a Ragusa Ibla, da Modica a Caltagirone, da Palazzolo Acreide a Militello in Val di Catania, che l'Unesco ha inserito tra i siti da considerare "patrimonio dell'umanit". E poi la storia del metano un'assoluta presa in giro. il cavallo di Troia per arrivare al petrolio, ben pi remunerato e prezioso gridano in coro i capi delle varie associazioni ambientaliste, sostenute in questa partita anche dai sindacati. Gli americani vogliono entrare liberamente nei nostri terreni, trivellare, costruire serbatoi e condotte, come accaduto tragicamente a Priolo o Gela. Stranamente, in questa crociata antiamericana, gli ecologisti hanno trovano un alleato trasversale nell'assessore regionale al turismo, Fabio Granata. un fatto gravissimo. Una perdita di sovranit politica sul territorio da parte della Regione. La Sicilia non in vendita agli americani, ha pi volte tuonato l'esponente di Alleanza nazionale. Ma dalla giunta Cuffaro ci si pu aspettare di tutto. Era stato l'ex assessore all'industria della Regine siciliana, Marina No, dell'Udc, ad avviare la contestata trattativa con la ditta americana. Il sigillo finale all'operazione era stato impresso nell'ottobre del 2004 da un assessore di Forza Italia, Antonio D'Aquino, uomo vicino a Gianfranco Miccicch e Marcello dell'Utri. Poi, sull'onda delle manifestazioni di piazza, il presidente Tot Cuffaro aveva cercato di correre, ai ripari. Nei siti dichiarati patrimonio dell'umanit dall'Unesco, la ricerca e le coltivazioni petrolifere sono vietate. In altre zone, si pu continuare, se si, tratta di ricerche di metano. Un modo "gattopardesco" per cercare di stemperare le polemiche. Sanno fare solo propaganda, taglia corto Sergio D'Antoni, l'ex leader della Cisl, oggi esponente della Margherita siciliana. un gioco delle parti tra una pseudo ala ambientalista della giunta Cuffaro e l'ala affarista. A parole solidarizzano con le associazioni ambientaliste, ma nei fatti non hanno sospeso alcuna concessione. Anzi, hanno approvato una legge sul turismo, eliminando proprio l'emendamento che revocava le trivellazioni nei siti Unesco. Come andr a finire questa "petrolgas-novella", insomma, difficile dirlo. Gli americani continuano a ribattere che non c' alcun rischio per i beni culturali ed i siti dell'Unesco. Il nostro investimento, circa 350 milioni di euro, riguarda solo la ricerca di gas metano. Il petrolio non ci interessa. Perforiamo solo in campagna, nei terreni adibiti a pascolo, in piena armonia con il paesaggio. E poi i comuni avranno dei benefici finanziari: il cinque per cento del ricavato delle royalties, circa 100 mila euro all'anno per ogni pozzo. Ed altri 100 mila euro all'anno saranno destinati ad iniziative culturali. Questo spiegherebbe la solerzia con la quale il comune di Ragusa, sia stato il primo (e l'unico) a rilasciare la concessione edilizia in caso
di nuovi pozzi. I soldi sono soldi, e fanno comodo a tutti, soprattutto in tempi di tagli agli enti locali. Magari ci fosse davvero tanto gas nel territorio della Val di Noto, sospira sotto le spesse lenti, Raffaele Leone, ex sindaco di Noto della Margherita. Sarebbe una ricchezza per tutti. E poi, la cattedrale di Noto non crollata n per l'inquinamento, n per il terremoto. Ma per l'incuria ed i mancati interventi di restauro.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news