LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ulss e soprintendenza, scontro sullo Jona
Michele Fullin
IL GAZZETTINO 29-DIC-2005

Il direttore Antonio Padoan replica all'architetto Renata Codello: Considerazioni fuori luogo, scriver a Roma

La soprintendente andata al di l delle competenze. Il ministero deve sapere cosa accade a Venezia

Dalle ampie vetrate del suo ufficio si vede la struttura portante quasi completata del nuovo ospedale di Mestre. Per terminare la costruzione ci vorranno ancora molti mesi di lavoro tuttavia lo "scheletro" del grande edificio che sta sorgendo a Zelarino visibile a chiunque vada a fare le spese al centro commerciale Auchan.
Due anni fa nessuno ci avrebbe scommesso un soldo bucato - esordisce il direttore generale dell'Asl 12 Antonio Padoan - e invece l'anno prossimo cominceranno ad allestire gli interni. Venezia, Mestre e la terraferma avranno cos un ospedale all'avanguardia.
In effetti, ci sono opere di cui si parla poco e crescono a vista d'occhio (e l'ospedale di Mestre ne l'esempio) mentre ce ne sono altre come il famigerato "quarto ponte" sul canai Grande di cui si parla contnuamente e che sono invece da anni ferme al palo.
In un'intervista pubblicata venerd scorso sul Gazzettino, la Soprintendente Renata Codello aveva esternato a lungo sul progetto dello studio Altieri per la realizzazione del nuovo padiglione Jona, che trasformerebbe l'ospedale Civile in una struttura moderna e funzionale. Per la Soprintendente la volumetria del nuovo edificio e i materiali di costruzione (vetro e ferro) sarebbero inaccettabili e per questo ha bloccato tutto, suggerendo alternative che ora sono diventate inaccettabili per l'Asl.
Sono rimasto qualche giorno in silenzio - precisa Padoan -per rispetto istituzionale e personale nei confronti dell'architetto Codello, ma le sue dichiarazioni sono andate al di l delle sue competenze.
La Soprintendente ha parlato intanto di dimensioni eccessive e materiali inappropriati per Venezia.
Non capisco, in quanto a dimensioni, il nuovo edificio pi basso di due metri rispetto a quello esistente e avevo detto che si sarebbe potuto abbassarlo di un piano perch l'ultimo lestinato ad ospitare servizi tecnici e gli spogliatoi. L'abbiamo impiegato molte volte ma i prolemi permangono. Veniamo al nateriale: vetro e ferro. Sorrido quando l'architetto Codello mi viene a dire che vetro e ferro non hanno precedenti a Venezia. Vogliamo ricordare la Carive, l'Enel, l'Universit all'ex Macello? Il ponte di Calatrava? La verit che vetro e ferro sono stati utilizzati parecchio a Venezia dagli anni Cinquanta in poi. Se c'era da "temperare" la presenza del vetro nella facciata con dei marmi o altro bastava un'osservazione. Il costo dell'opera non sarebbe variato.
Ci sono anche altre osservazioni.
Le altre sono tutte sbagliate. Dice che lo Jona "una buonissima costruzione in calcestruzzo degli anni 20 e ristrutturata di recente". In realt ci sono stati gravi cedimenti e una perizia del professor Vitaliani ha evidenziato carenze statiche su tutti i solai. Non le consentito dire sciocchezze di questo genere senza sapere come stanno le cose. Continuiamo? Dice che il padiglione Semerani " un esempio di eccellenza sanitaria". Proprio in quell'edificio l'Asl ha speso 10 miliardi delle vecchie lire negli ultimi anni per metterlo a posto. stato riempito il vuoto di quell'inutile ed enorme portico e sono stati rifatti completamente gli impianti di condizionamento e antincendio. Tra le stanze di degenza e il corridoio ci sono cinque gradi di differenza nella temperatura. Questo l'esempio di efficienza sanitaria.
Tra i motivi di perplessit, la Soprintendenza ha parlato anche di costi di manutenzione troppo alti.
Ho letto dichiarazioni molto antipatiche, del tipo "il direttore generale se ne andr e all'Ulss rester sul groppone un'opera costosissima da mantenere". Non consentito all'architetto Codello di esprimere questi giudizi perch non la riguardano e comunque, per dovere di informazione, i primi 25 anni di manutenzione sono a carico del costruttore. Vorrei poi ricordare
che l'opera stata approvata dal Nucleo di valutazione regionale, formato da dirigenti molto esperti che evidentemente la pensano diversamente. Ma poi ci sono dichiarazioni pericolosissime del tipo "qualunque nuovo edificio a Venezia ha bisogno di un consenso ampio". Ci mi fa ricordare tempi politico-studenteschi molto distanti. Frasi come "il project financing stato un errore" mi confermano quanto inopportune siano simili dichiarazioni fatte da un dirigente, la quale tra l'altro propone alternative scartate dall'azienda perch antieconomiche. Queste dichiarazioni le spedir al ministro dei Beni culturali perch possa valutare ci che sta accadendo a Venezia.
In definitiva, il rapporto con la Soprintendenza si guastato o c' la possibilit di recuperarlo?
Credo che la Soprintendenza faccia un lavoro importante, necessario e generalmente apprezzato, ma questo lavoro non pu essere un diniego indifferenziato a tutto ci che nuovo. Questa tendenza si rafforza nei confronti dell'ente pubblico mentre il resto della citt viene trasformato in residenza alberghiera con stravolgimenti interni di edifici anche storici. Questo vincolismo ossessivo una punizione per la citt. In definitiva, alla fine sono convinto che l'intelligenza e la saggezza prevarranno.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news