LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trovata la necropoli di "nonno" Giovanni
LUCA LIPPERA
Messaggero Cronaca di Roma 28-DIC-2005

Tombarolo ultrasettantenne aveva novemila statue rubate. Le rivendeva a Porta Portese

Alcuni pezzi pregiati costavano anche 4.000

Probabilmente ha dei compiici

Novecento euro per un vassoio affrescato. Duemila per una maschera funeraria. Quattromila e spicci per una statuetta di bronzo. Pezzi autentici, ottima conservazione, valori reali da capogiro. A Porta Portese, in nome degli Etruschi e dei loro misteri, si facevano affari d'oro. Un neo-tombarolo di 74 anni, emulo dei trafficanti che negli Anni Sessanta depredarono le necropoli di mezza Italia, da mesi vendeva sottobanco reperti archeologici degni di un museo. L'uomo, denunciato dalla Guardia di Finanza per impossessamento di beni culturali, non ha voluto dire n dove sia la "miniera" che custodisce i tesori n chi lo abbia aiutato nell'estrazione.
Le voci, nel principale mercato romano della domenica, si rincorrevano da tempo. Si parlava di un "vecchietto" con una bancarella carica di cianfrusa-glie e il retrobottega, fatto di casse e scatoloni, pieno di meraviglie. Gli uomini del comando provinciale della Fiamme Gialle, guidati dal capitano
Alessandro Lo Bello, hanno verificato due giorni fa che la storia non era affatto una leggenda. L'uomo, Giovanni F., un pensionato romagnolo di Misano Adriatico, domiciliato a Roma a casa della sorella, a Prima Porta, stato sorpreso domenica sera in macchina con due borsoni carichi di merc. Andava a fare consegne dopo aver raccolto le "ordinazioni" a Porta Portese nel corso della mattinata.
Il fenomeno dei tombaroli spiega il capitano Lo Bello non mai sparito del tutto. Diciamo che si attenuato. L'uomo in questione, tuttavia, non fa assolutamente parte della "vecchia guardia". Finora non aveva alcun precedente penale, n di questo n di altro tipo. Era il perfetto insospettabile. Giovanni F., divorziato, originario della Calabria, ha lavorato per molti anni in un albergo di Misano vicino Rimini. La Finanza ritiene che il suo giro d'affari fosse di diverse decine di migliaia di euro al mese. L'attivit per lui era a costo zero ragionano le Fiamme Gialle Probabilmente ha trovato una tomba o una serie di tombe e le ha depredate ricavandone utili enormi.
Gli investigatori stanno cercando di capire se il pensionato avesse qualche complice. Il timore che Giovanni F. abbia individuato, da solo o in compagnia, una intera necropoli e che la stia "vendendo" pezzo a pezzo ai collezionisti e ai trafficanti di reperti archeologici nazionali e internazionali. Tutti gli oggetti sequestrati al neo-tombarolo sono stati consegnati alla Sovrintendenza perch vengano stimati e analizzati. Secondo un primo, sommario, esame i reperti dovrebbero risalire all'ottavo secolo prima di Cristo. Zona di probabile provenienza l'Alto Lazio. Ma non c' alcuna indicazione sulla localit del ritrovamento. L'uomo ha detto di aver ricevuto parte della merc in regalo e di aver trovato il resto per caso.
Domenica scorsa i finanzieri hanno tenuto d'occhio Giovanni F. I clienti "normali" venivano liquidati, a Porta Portese, con l'offerta di qualche gingillo da nulla. Ad altri, invece, veniva mostrato un catalogo pieno di fotografie. Arrivata la sera, il pensionato si mosso in macchina da Prima Porta per fare le consegne. A quel punto stato fermato. Nel bagagliaio c'erano tre borsoni pieni di anfore, pezzi di mosaico e statuette. A quel punto si deciso di perquisire la villetta di Prima Porta dove abita la sorella del romagnolo e un capanno attiguo. Sono saltati fuori 8.972 pezzi: 2.089 tra vasi integri e frammenti, 3.002 tessere da mosaico, 3.568 lastre d marmo da dimore romane, e poi coppe, brocche, maschere, lampade a olio, utensili di bronzo. Da qualche parte c' un tesoro che afrriva dall'Antichit. Ma l'uomo, per ora, se tiene ben stretta la "mappa".



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news