LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Voglio abitare dentro un'idea
Massimiliano Fuksas
L'Espresso 04-GEN-2006

Muri trasparenti. Facciate coperte d'acqua. Pareti di lava. Ville e appartamenti cambiano faccia. E il piccolo la sfida pi grande. Parola di un guru dell'architettura


Le aspirazioni a una casa sono infinite come infiniti sono coloro i quali pensano e sognano alla loro casa ideale. Cercando di fare ordine tra le grandi residenze unifamiliari o i piccolissimi padiglioni oltre la citt, o ancora aggregati di case, appartamenti o, usando un termine dispregiativo, palazzine, ci si pu facilmente perdere. In fin dei conti il cosiddetto gusto comune immagina l'abitazione senza tanto discostarsi dai modelli pi banali o da quello che si vede in trasmissioni del genere "Grande Fratello". Poi ci sono i pi sofisticati che vedono le pareti all'interno del loro appartamento come il nemico da abbattere. Pentendosene alla prima occasione quando rumori e fritture si diffondono, senza barriere, nel loro meraviglioso loft.
E poi ci sono coloro i quali non hanno accesso a un'abitazione di propriet e a volte neanche in affitto, che qualunque luogo o qualunque dimensione va bene pur di uscire da una delle peggiori difficolt della vita: l'assenza di un tetto. Facendo scorrere immagini di architetture residenziali sparse in diversi paesi del mondo, che hanno come proprietari appartenenti a differenti classi sociali e che possono essere spazi minimi o generosi, quello che risulta abbastanza chiaro che il vero sogno, la vera aspirazione per quanto concerne una casa sono la superficie, un'altezza importante del soffitto e grandi finestre che, contrastando con tutti i principi energetici, inondano di luce e di aria lo spazio interno. Il complesso di appartamenti a Oy-Oulun, in Finlandia, di una risposta di grande eleganza tramite le doppie facciate che coprono l'edificio - colorate, di legno o di vetro - in cui si declina perfettamente il "condominio" come un luogo di privacy, ma anche di comunit. E questa la grande sofferenza di tutti quelli che devono vivere insieme ad altri: vorrebbero s un condominio, ma essere i soli abitanti dell'edificio. La difficolt del vivere insieme ha portato, negli ultimi rrcnt'anni, una gran parte di olandesi a fuggire le citt e a vivere la mistificazione di essere isolati nella loro casa unifamiliare, ma a un fischio dal vicino che, anche lui. convinto di essere isolato nella sua "cellula".
Poi ci sono gli studi per un futuro impossibile, che riprendono molti dei temi delle "case mobili" degli anni '60 e '70. tenia amatissimo da quelle avanguardie situa-zioniste. Lab Zero, uno studio italiano, recupera appunto una di queste immagini, pensando a una cellula che pu essere "poggiata" in ogni sito possibile, in una struttura di acciaio e di Ette, fibra tessile estremamente resistente; la cellula di 57,70 mq quando aperta e quando si contrae non supera i 13 mq. Il fatto interessante e che il paesaggio non viene assolutamente intaccato. La ricerca spaziale, in questo e in altri casi, ha posto il lab (la navicella spaziale) come l'obiettivo per far coincidere dimensioni minime e la mobilit. Ma se continuiamo su dimensioni sempre pi minute di una residenza urbana, incontriamo spazi sia urbani che extraurbani che spesso in un unico ambiente concentrano ogni funzione. A Londra un appartamento di dimensioni veramente minime ha muri scrostati, pareti-armadi in metallo, a riquadri e a scomparsa e, dominante su tutto, una grande vasca da bagno. Oppure, altro motivo che annulla le piccole dimensioni il bianco: come l'appartamento di Tose Tarrag in La Azohi'a, dove
questo non colore dominante e da l'effetto come se immergessimo in un secchio di vernice una qualunque cosa all'interno di un appartamento. E questo concettuale. A Firenze, in pieno centro storico, Avatar Architettura, con raffinatezza fa funzionare pochissimi metri quadrati con due letti, cucina, bagno, legno per terra e quasi nessun mobile. Oppure, uno studio parigino a rue Rochechouart, dove Peter Tyberghien in un solo spazio ancora pi piccolo del piccolo si concede un letto, una vasca da bagno disegnatissima, sgabelli, mensole e quant'altro, tenendo il pavimento in cemento.
Ma ci sono invece quelli che adorano luoghi dove la roccia nera vulcanica prevale sulla casa: e questo alle Canarie, dove Pa-lerm e Tabares dialogano con un sito difficilissimo, traendone ispirazione e stabilendo nei grandi vuoti semi-aperti della casa, la transizione tra il dentro e il fuori. In un piccolo centro in
velli di una villa. La fluidit un altro dei bisogni evidenti in un progetto abitativo che vedr la luce il prossimo anno del giapponese Endo (Bubblearchitecture H), che sulle montagne a nord di Hyogo progetta una serie di bolle senza soluzione di continuit. Oppure si pu essere rigorosi o minimalisti in un complesso residenziale a Mexico City, in una zona con presenze dell'epoca art dco, dove lo studio Ten Arquitectos sviluppa il tema di una elevata flessibilit abitativa lasciando le facciate semplicemente in cemento, con vetrate che hanno infissi invisibili. A New York, a Shanghai o a Mosca si continuano a costruire torri pi o meno snelle di abitazioni. Ma anche il tema della sostc-nibilit quasi un incubo per un certo numero di architetti. Wall House un progetto cosiddetto hidroponico realizzato a Roanoke, in Virginia, da Felipe Assadi. L'architetto immagina un edificio residenziale che ha la facciata alimentata dall'acqua e sulla quale si pu anche coltivare una discreta vegetazione. Fn pi, grazie a un sistema ipereomplicato di flussi, di depositi e altre alchimie raffinatissime, Assadi rende la sua casa un sistema in cui pi si consuma energia e pi se ne produce. Non mi chiedete in dettaglio come alla fine possa funzionare, ma funziona. Tornando in Giappone, Takeyama ha costruito Refraction House, una piccola casa unifamiliare per il proprietario di un ristorante alla periferia di Nagoya. I giapponesi adorano gli spazi minimi, non potrebbero fare in altro modo, e in questo caso si tratta una specie di scultura allungata con pavimento in cemento, legno e pareti mobili. In Europa, e non solo, la ricerca per unit miniine abitative a basso costo non si mai arrestata. Ultimo esempio in Francia, a Nancy, un piccolo quartiere dove architetti pi o meno giovani, come il gruppo Peripherique, Shigeru Ban, Poitven, Duncan Lewis, hanno dato vita a una sperimentazione estremamente efficace. Piccolo, economico e bello.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news