LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La mia citt rovinata dagli abusi
MARIELLA ROMANO
IL MATTINO 28-DIC-2005

Torre del Greco. raro che torni. Ma quando il maestro arriva in citt per far visita ai pochi amici che ancora vivono all'ombra del Vesuvio, trova solo le macerie dei ricordi d'infanzia e giovinezza. Cos successo a dicembre del 2004 quando si esibito, dopo vent'anni di silenzio, in un concerto di beneficenza al teatro Corallo ricevendo anche la cittadinanza onoraria. Cos capitato l'ultima volta che ha messo piede a Torre del Greco, pochi giorni prima di Natale, quando ha accompagnato, nel viaggio d'addio, il feretro della mamma al cimitero di viale Campania. E per Salvatore Accardo stato doppiamente doloroso tornare nella citt d'origine che, dopo lo scioglimento del Consiglio comunale per infiltrazione mafiosa, stata bollata come terra d camorra.
A Torre del Greco - confida il violinista - vengo ormai rarissime volte. Qui ho ancora un cugino e un numero ristretto di amici, tra cui Roberto Minicucci. A questi luoghi mi legano i ricordi dell'infanzia e di mio padre: diceva che al mondo non esistono citt pi belle. Purtroppo non sono d'accordo anche se quando ero bambino non era affatto brutta.
Il 1973 l'ultimo anno che il maestro trascorre a Torre del Greco. I suoi impegni lo portano in giro per il mondo: la valigia sempre pronta e, forse, la mentalit troppo ristretta dei concittadini lo convincono a tagliare le radici e trasferirsi per sempre. Trent'anni dopo, della vecchia citt non trova quasi niente.
Hanno fatto cose pazzesche - ribatte Accardo - Abusi edilizi e costruzioni terribili hanno stravolto e rovinato tutto. La litoranea era bellissima con il mare limpido e pulito. Poi hanno realizzato quei palazzoni assurdi. Ma anche il porto era suggestivo: ci andavo a vedere le barche con i pescatori che tornavano. Altri tempi. Oggi salverei via De Nicola, ma anche l hanno costruito troppo. Di sicuro la cosa pi bella di Torre il cimitero monumentale. E se il territorio cos mortificato, la colpa di chi ha costruito e investito male.
Poi il pensiero va alla decisione del governo di sciogliere il Consiglio comunale per camorra. Mi rattrista molto e mi fa rabbia che sia successo - dice il maestro - anche se non mi sorprede che sia accaduto. In passato la camorra ha colpito un mio carissimo amico neurologo che non aveva voluto sottomettersi: ha perso un occhio ma non la stima. Ho saputo che tra i commissari c' anche il generale Carlo Alfiere. Non poteva andare meglio per Torre del Greco: il generale una persona di tutto rispetto, uomo di grande rigore e onest.
L'ultimo ricordo per i torresi: Restano troppo chiusi nella loro citt. Sono - dice - come i senesi: alcuni non vanno neanche a Firenze. E questo negativo perch non permette di crescere. E i torresi, pur essendo marinai, hanno viaggiato per modo di dire. Conoscono realt limitate e anche dal punto di vista culturale sono rimasti un po' provinciali. Ma hanno il pregio di amare la loro terra.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news