LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma - Il Maxxi a rilento delude Zaha Adid Sopralluogo con il ministro Buttiglione.
Il Corriere della sera - 23.12.2005


I soldi arrivano con il contagocce
Il ministro Rocco Buttiglione si fa scusare il ritardo con un languido baciamano. Nice to meet you aggiunge con un sorriso il titolare dei Beni culturali. E nota compiaciuto (sempre in inglese): Il cantiere procede. Zaha Hadid, la progettista londinese d'origini irachene ormai divenuta una archistar internazionale, non si fa intimidire: Slowly (lentamente). Cos ha inizio la visita del ministro e della architetto ai lavori per la realizzazione del Maxxi, il museo dell'arte del XXI secolo, in corso in via Guido Reni. stato il Darc (Dipartimento per l'arte e l'architettura contemporanee guidato da Pio Baldi) a creare le condizioni di un incontro pensato proprio per spingere il governo (ma il ministro delle Infrastrutture, Lunardi, non c'era) ad aprire la borsa. Il problema centrale del cantiere del Maxxi, avviato nel marzo 2003 e giunto solo ad un quarto dell'opera (non al 30% indicato ufficialmente), il rubinetto finanziario. Ormai parecchi anni fa fu fatta una legge per finanziare l'opera: 110 miliardi di lire. arrivato l'euro e la stretta dei finanziamenti. Claudio Navarra e Claudio Cerasi, gli appaltatori, si lamentano: I soldi arrivano col contagocce. Noi firmiamo contratti con i fornitori ma spesso non rientriamo con il ministero erogatore. Cos non si pu lavorare.
Mentre Buttiglione inerpicato su scale vertiginose ad ascoltare le spiegazioni dell'ingegnere Marco Odoardi, direttore tecnico, la Hadid resta sotto la pressione di giornalisti e fotografi che vedono giustamente nell'architetto il personaggio da seguire. Al termine della visita, risultata cos un po' sbrindellata, il ministro cerca di trasferire sul collega assente (volutamente, per evitare imbarazzi?) la responsabilit della negligenza finanziaria che colpisce il Maxxi e su difficolt tecniche i ritardi del cantiere. Il suo ministero, spiega, non pu che auspicare che gli impegni vengano onorati e che tutto abbia buon fine. La non dissimulata protesta di Navarra, capelli bianchi, cappotto di cammello e viso paonazzo di rabbia, induce Buttiglione a testimoniare pubblica stima per i costruttori e spinge Zaha, borsetta golden di Prada, giacca di raso verde e gilet di pelo misterioso, a solidarizzare ai microfoni della conferenza stampa con chi sta realizzando il suo progetto.
Buttiglione non si risparmia in elogi verso il futuro museo, che sar esso stesso un'opera d'arte esaltando la sua storica funzione di vetrina d'eccellenza dell'arte contemporanea italiana. Il ministro dice di tenere moltissimo alla sua realizzazione ed ammette i problemi finanziari. Rivolgendosi alla dirigente delle Infrastrutture che sostituisce Lunardi esorta alla collaborazione per il buon fine dell'iniziativa. Finora sono stati spesi 20 milioni di euro ma ne occorrono ancora una sessantina. Senza neppure sapere quanti soldi verranno erogati nel 2006 (e quindi quale andamento potr avere il cantiere nei prossimi mesi) viene annunciato tuttavia che il museo sar consegnato entro il dicembre 07. Se andasse cos, il ritardo sar di quasi due anni. La Hadid, sorridente e spietata (si era intuito dopo il baciamano del ministro) nello spiegare con proiezioni la propria linea progettuale trova modo di confrontare lo stupendo Phaeno Science Center di Wolfsburg (Germania) al Maxxi. E sottolinea, rivolta a Buttiglione: sono due edifici molto simili, i lavori sono iniziati negli stessi giorni e il Phaeno stato inaugurato sei mesi fa. Il ministro sembra scomodo nella posizione dell'accusato - rappresenta pur sempre il governo - ritenendosi innocente. E dice di contare sulla sensibilit del ministero delle Infrastrutture per la realizzazione di questa grande opera. Dobbiamo darci tutti da fare - aggiunge - per utilizzare le risorse disponibili. In ogni caso, chi ha preso un impegno deve farne poi fronte. Lo scaricabarile all'orizzonte.
Zaha, cortese ma tosta, abituata ai grandi scenari internazionali. Ha cantieri in Spagna, Germania, in Italia da Milano a Salerno. Opere in Usa, GB, dappertutto. Dichiara interesse per il Guggenheim di Bilbao (Frank O.Gehry) e sottolinea le difficolt di progettare in grande. Quanto a Roma, necessario bilanciare il vecchio con il nuovo, contestualizzare. La stratificazione dei livelli del futuro Maxxi, dice, viene da un'allusione all'archeologia romana. La prossima volta che verr in cantiere - il suo sorriso una sfida - spero di trovare un sensibile avanzamento dei lavori. Chiss.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news